Flash news:   Edifici costruiti in via San Giacomo su un canale demaniale e privi di autorizzazione da 40 anni, il Genio Civile avvia un accertamento. Il sindaco: “individuato il procedimento di sanatoria” Serie C, l’Atripalda Volleyball rialza la testa: battuto Nola 3 a 1 Danni da cinghiali, l’associazione PrimaveraIrpinia Atripalda chiede un intervento Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni da Atripalda chiude la porte al dialogo con il Pd: «Il centrosinistra non c’è più, stiamo lavorando ad una lista della sinistra con un programma di discontinuità da quello di questi anni». FOTO Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere

“Una notte al campanile”, restituito dopo il sisma del 1980, Labate (Proloco): “puntiamo alla promozione e sviluppo del territorio della valle del Sabato”

Pubblicato in data: 2/9/2016 alle ore:11:06 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Campanile di AtripaldaRestituito alla città il campanile della chiesa madre distrutto dal sisma del 1980. Una “riconsegna” con la suggestione delle luci della notte in piazza Di Donato. “Una notte al campanile” è l’evento svoltosi ieri sera e organizzato dalla Pro Loco di Atripalda, in collaborazione con la parrocchia della chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire e con il patrocinio del Comune di Atripalda. Una manifestazione volta alla riscoperta delle bellezze storiche e artistiche di cui è custode la cittadina del Sabato, in particolare della Torre Campanaria, che è stato riaperto al pubblico per la prima volta proprio dopo il tragico sisma dell’80. E’ stata anche l’occasione per festeggiare il decennale della Convenzione del Punto Informazione Accoglienza Turistica (I.A.T) che l’ente di promozione del territorio gestisce con il Comune.
«L’idea è nata per caso una mattina d’estate insieme a don Fabio Mauriello, da pochi mesi parroco della chiesa di Sant’Ippolisto, – racconta il presidente dell’ente di promozione e sviluppo del territorio della valle del Sabato, Raffaele Labate -. Dopo una visita guidata chiesi a don Fabio se conoscesse la terrazza del campanile e lui mi invitò ad andarla a visitare. Estasiati dall’incanto del panorama abbiamo deciso di organizzare una serata in cui chiunque potesse visitare il campanile che ricordiamo è stato ristrutturato dopo il sisma del 1980».
Nel corso della serata è stato effettuare anche visite guidate presso la Torre Campanaria, lo Specus Martyrum e la chiesa madre «il cuore antico della città – prosegue Labate -, che con i suoi martiri Ippolisto, Sabino e Romolo rappresentano le radici della cristianità in Irpinia. Tutti racchiusi nel bellissimo Specus Martyrum che è stato uno dei luoghi insieme al campanile ad essere illustrato dalle nostre volontarie del Servizio civile coordinate dalla guida turistica Annalisa Liguori».
La serata è stata allietata dalla musica jazz di “Goldie Dee and Dominic feat Caponi Brothers”, e dal suggestivo spettacolo delle bolle di sapone di “Ahura Di Muro”. Allestiti stand gastronomici con piatti tipici della tradizione del giovedì atripaldese: fusilli e polpette magistralmente preparati dal ristorante “Zi Pasqualina” e la pizza fritta del Pub Italia.
«Un particolare non secondario è che la Pro loco atripaldese dal 2006, quindi da ben 10 anni – continua il  presidente della Pro Loco –  è punto d’informazione e accoglienza turistica  (punto I.a.t.) grazie ad una convenzione con il comune e all’intuito dell’allora sindaco Gerardo Capaldo».
La Pro loco è stata sempre in prima fila nella valorizzazione dei beni storico artistici della città. Oltre all’organizzazione della Via Crucis lo scorso anno promosse la mobilitazione “Abellinum libera” con manifesti, striscione e petizione popolare per rendere di nuovo fruibile il sito archeologico di via Manfredi, chiuso al pubblico da anni a seguito di un contenzioso civile e anche penale tra Soprintendenza, Procura e Comune (costituitosi parte civile per i danni) da una parte ed eredi Dello Iacono dall’altra, che stenta a trovare la parola fine. Attualmente il sito dal grande valore storico ed artistico è custodito da operai della Soprintendenza a cui la Procura di Avellino ha affidato la custodia. «Il nostro auspicio è quello che il sito archeologico di Abellinum sia riaperto, che finalmente quei 24 ettari possano essere visualizzati come meritano – conclude – . La nostra sede è aperta tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle 8,30 alle 13,30 e dalle 15 alle 20 grazie all’impegno dei soci che ringrazio e dei volontari del servizio civile dell’Unpli che negli anni ci ha visto compiere tantissime visite guidate ad una platea molto variegata che va dalle scuole ai turisti che passano per Atripalda».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (7 votes, average: 4,57 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 Risposte »

  1. Abbiamo Passato una Bella Serata Grazie!!!!

  2. Veramente una iniziativa lodevole, complimenti alla proloco e alla parrocchia. Da correggere però un grave errore dell’articolo: san Sabino e san Romolo non sono affatto martiri, appartengono infatti ad un epoca successiva, intorno al 525, piú di due secoli dopo la persecuzione dioclezianea, durante la quale morirono ippolisto e compagni.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it