Flash news:   Edifici costruiti in via San Giacomo su un canale demaniale e privi di autorizzazione da 40 anni, il Genio Civile avvia un accertamento. Il sindaco: “individuato il procedimento di sanatoria” Serie C, l’Atripalda Volleyball rialza la testa: battuto Nola 3 a 1 Danni da cinghiali, l’associazione PrimaveraIrpinia Atripalda chiede un intervento Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni da Atripalda chiude la porte al dialogo con il Pd: «Il centrosinistra non c’è più, stiamo lavorando ad una lista della sinistra con un programma di discontinuità da quello di questi anni». FOTO Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere

Referendum, Alberta De Simone presenta il Comitato del centro sinistra per il No: “Dal Governo riforma pastrocchio da bocciare”

Pubblicato in data: 24/9/2016 alle ore:09:00 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

riunione-pd-de-simone-2Scelgo No“, è il Comitato nato in senso al centro sinistra di area riformista per bocciare la riforma costituzionale del Governo Renzi. Questa mattina la presentazione in conferenza stampa dell’organizzazione nata su iniziativa di Gerardo Adiglietti, Alberta De Simone e Domenico Sarno, che già conta molte adesioni da parte di ex amministratori, professionisti, lavoratori. Una conferenza che ha affidato la presidenza del Comitato a Rossella Grasso, irpina attuale segretario generale del Comune di Montesarchio. Ad entrare nel merito dell’argomento, l’ex numero uno di Palazzo Caracciolo, già sindaco di Atripalda e deputato, Alberta De Simone: «con la modifica peggiorativa di quarantanove articoli si stravolge la Costituzione sia sul piano formale, le modifiche risultano incomprensibili in barba a quanto voluto dai padri costituenti, sia sul piano sostanziale. Basta fare l’esempio del Senato – spiega De Simone – che verrà eletto dai consigli regionali che eleggeranno anche i sindaci che sarà composto da consiglieri regionali, determinerà il doppio incarico e avrà competenze che non riguardano i territori come ad esempio la politica europea ed internazionale. Avrà senatori che decadono in caso venga meno il mandato territoriale, in questo modo viene tolto il potere di voto e di scelta del popolo. Falsa la tesi secondo cui questa riforma genera risparmio economico. Restano in piedi tutti i palazzi, i dipendenti, e i 100 senatori potranno deliberare liberamente le proprie diarie nonostante la legge vieti le doppie indennità. E’ un pastrocchio, lo stesso, pur dichiarando che l’avrebbe votata temendo la minaccia della crisi di Governo, l’ha definita una schifezza».
De Simone interviene anche da ex docente di diritto costituzionale nei licei: «non si può somministrare come cambiamento una riforma pessima. Bastava dimezzare il numero dei parlamentari di Camera e Senato, invece si è preferito affidare alle caste politiche e agli accordi tra gruppi ristretti, i nomi dei futuri senatori. Siamo di fronte ad un presidenzialismo sottaciuto: viene inserita la terza elezione, quella del ballottaggio tra i primi due premier votati. Un’ipocrisia perché è evidente che se due candidati si confrontano al ballottaggio, chi prende un solo voto in più risulterà presidente eletto dal popolo». Poi l’appello al voto libero: «su grandi temi, come l’aborto e il divorzio, l’Italia ha sempre dimostrato di saper rifiutare interferenze e condizionamenti».
Un Comitato di scopo che, subito dopo il Referendum, non parteciperà alla creazione di nuovi equilibri interni al Pd. «Non appartengo a nessuna corrente di partito, ho la tessera del Pd per coerenza del mio curriculum vitae e perché sono convinta sostenitrice della sinistra riformista. Non faccio più politica da diversi anni, sono scesa in campo semplicemente per difendere lo statuto fondamentale del Paese, la sua Costituzione. Il resto non mi interessa» aggiunge l’ex parlamentare.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. Brava Alberta.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it