" class="thickbox">
  
Flash news:   Riqualificata la facciata di Palazzo di Città. Il sindaco: “mai vista così bella”. Messa in sicurezza la chiesa del Carmine, don Ranieri: “ora aiuto dai fedeli”. FOTO Novellino: «tre punti meritati» Lupi corsari a Novara per la prima vittoria esterna: finisce 1-2 Sposi Luigi Galluccio e Anna Guadagno, auguri Tesseramento Pd 2017, al via le sottoscrizioni delle tessere Atripalda Volleyball, buona prova nel primo test match a Marcianise Giullarte 2017, ieri mattina presentazione del Festival nella Sala Consiliare Al via la 25° edizione del Torneo ‘Vito Lepore’ Nigeriano tenta di avvicinare una ragazzina per corteggiarla in piazza, i genitori chiamano i Carabinieri Giullarte 2017, questa mattina conferenza stampa di presentazione dell’evento. Spagnuolo: “recupero di un momento caratterizzante, di aggregazione e riscoperta del centro storico e della sue potenzialità”

Milano mette le mani sulla Supercoppa: Scandone battuta per 72 a 90

Pubblicato in data: 26/9/2016 alle ore:17:21 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Armani Milano-Sidigas AvellinoMilano alza la Supercoppa e batta la Sidigas Scandone Avellino che regge due quarti nella finale di ieri. L’EA7 inizia subito bene con un break di sette punti firmato dal duo Simon-Dragic. Cinciarini e Dragic permettono l’allungo, ma Obasohan e Leunen permettono ad Avellino di tornare in gara per il 13-13. Simon, Cinciarini e Macvan permettono il nuovo allungo. Avellino non demorde e si avvicina nuovamente grazie a Ragland (18-20). Il quarto si chiude a 19 a 23.  Nella ripresa Hickman a canestro, Green e Thomas fanno tremare i tifosi di casa:21- 25. Sanders permette all’Armani di portarsi sul più sette. Avellino trova un break di 6 a 0 (29 a 33). Ultimi secondi del tempo, c’è la reazione dei biancoverdi che chiudono con una tripla di Green e un canestro da sotto di Cusin. Il secondo quarto si chiude 34 a 44. Dopo la pausa lunga
Randolph e Leunen permettono di accorciare le distanze. Dragic e Cinciarini allungano. Sacripanti rilancia Fesenko e Green per cercare di rimettere in piedi la Scandone senza, però, ottonere effetti di sorta. Dragic e Pascolo permettono a Milano di andare sul più ventuno (42-63). Green va a segno da tre accorciando a diciotto le lunghezze di svantaggio. Fesenko becca due tecnici (ed esce per cinque falli), McLean uno: si va all’ultimo riposo sul 51-67 per Milano.
Nell’ultimo quarto Thomas porta il punteggio a meno tredici. Kalnietis e Sander rispondono presente e Milano vola, toccando i diciannove punti di vantaggio. Milano raggiunge il più ventisei: (62-88 a 3’ dalla fine). Ragland prova a tenere i lupi a galla. Finisce 72 a 90: la Supercoppa va all’EA7.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. PER ME HA VINTO L’ARMANI MA POTEVE BENE VINCERE LA NOSTRA SCANDONE KE ERANO I PIU’ BBRAVI

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it