domenica 18 febbraio 2018
Flash news:   Politiche 2018, martedì il governatore De Luca in città per le elezioni del 4 marzo Condanna assessore, l’ira del papà della 19enne: «Nessuna questione politica, non avrei mai strumentalizzato mia figlia. Lo consideravano un amico, avevo fiducia piena». L’amarezza dell’avvocato Biancamaria D’Agostino: «si colpevolizza la vittima». Sul processo: «si celebra nelle aule di giustizia, non sui media e social. Le sentenze vanno rispettate. Nessuna “fretta” nel dibattimento, ma efficienza di un procedimento» Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, l’udienza preliminare per il quinto indagato rinviata al 30 marzo. Il 28 febbraio convocato dalla Commissione disciplinare Addio all’edicolante Carmelina Visone, il ricordo di Lello La Sala Giuliana De Vinco risponde a Noi Atripalda: “No a illazioni, è evidente il mio lavoro attivo” Condanna assessore, il gruppo “Noi Atripalda”: “Vicende di questo tipo non consentirebbero a chiunque di gestire la cosa pubblica e gli interessi collettivi in maniera serena, lucida, asettica e proficua. Mentre il sindaco aspetta di decidere a mente fredda su Moschella, De Vinco e Troisi la nostra amata città muore” Il Consorzio A5 presenta i progetti “Vita Indipendente” e “Dopo di Noi” per persone con disabilità: pronti i bandi per i fondi. FOTO Sidigas subito fuori dalle Final Eight: Cremona vince 82-89 all’overtime Condanna Troisi, il Prc: “Le dimissioni dell’assessore ai Lavori Pubblici sono doverose e improrogabili” Condanna assessore Troisi, parla il difensore Chieffo: «Antonio si proclama innocente. E’ una sentenza di primo grado e siamo pronti a ricorrere in appello. C’è stata gestione frettolosa del dibattimento, sentenza che non condividiamo in nessun passaggio». L’invito del sindaco: «La questione è delicata e privata e merita cautela da parte di tutti. Eventuali valutazioni verranno fatte a mente fredda e successivamente»

Luca Abete schiaffo e insulti dalla polizia, è caso nazionale

Pubblicato in data: 19/10/2016 alle ore:18:24 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

luca-abete-fermato1Il video mostrato l’altra sera da Striscia La Notizia che ha per protagonisti Luca Abete e i poliziotti di Avellino sta sollevando un caso nazionale. Luca Abete mentre provava ad intervistare il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini venerdì scorso dinanzi al Convitto Nazionale “Pietro Colletta” di Avellino è stato fermato dalla polizia. Il ministro era intervenuto alla presentazione del libro “Ricordi di una Professoressa”, dedicato all’insegnante atripaldese Anna Maria Pennella, scomparsa prematuramente a 50 anni.
Dopo aver insistito per consegnare la sua pigna al termine del convegno, si è scatenato un parapiglia. Con l’inviato di Striscia strattonato e allontanato con la forza dai poliziotti. Nella confusione ha ricevuto anche uno schiaffo. Prima che Abete fosse portato nella volante che doveva trasferirlo in Questura è stato intimato al cameraman di consegnare il girato. Abete viene apostrofato anche come “pagliaccio a mongoloide”. Poi il trasferimento in Questura dopo il parapiglia nel quale resta ferita anche il funzionario Della Valle.
Un faccia a faccia, secondo la ricostruzione offerta da Striscia la Notizia, con il vice questore aggiunto di Avellino, Elio Iannuzzi. E il dialogo viene registrato.
Il servizio di Striscia si chiude con la richiesta alle forze dell’ordine di Avellino di ritirare la denuncia a carico di Luca Abete. E al ministro della difesa Angelino Alfano di intervenire sulla questione.
Intanto montano le polemiche e le interrogazioni parlamentari mentre la Procura di Avellino ha aperto un’indagine sul caso raccogliendo tutto il materiale utile, dalle foto ai video passando per le testimonianze, con l’intenzione di ricostruire la dinamica della vicenda.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 Risposte »

  1. Mi di spiace molto quello che e’ successo a Luca Abete, mi auguro che questo non succede piu’

  2. in un paese civile iannuzzi andrebbe licenziato in tronco o almeno demansionato in questura ma siamo in italia e finira’ tutto a tarallucci e vino

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it