Flash news:   Rissa in palestra, il Comune avvia procedimento amministrativo e diffida sull’utilizzo a porte aperte. Botta e risposta tra sindaco ed ex primo cittadino Promessa di matrimonio sposi Morrongiello-Picariello, auguri Elezioni Rsu al Comune, vince la Cgil. La soddisfazione del responsabile Valter Ventola Il Circolo si fa in tre tra Lazio, Campania e Sicilia Bilancio di Previsione 2018, il Prefetto diffida il Comune e l’opposizione di “Noi Atripalda” attacca l’Amministrazione sull’aumento della Tari con un manifesto Dieci anni dopo l’Half Marathon domani torna “l’Irpinia corre”, il sindaco: “occasione di promozione del nostro territorio e di aggregazione per i giovani” Via libera dall’Anas all’installazione dell’autovelox sulla Variante: sarà spostato di 150 metri più avanti. Parla l’assessore Musto Conclusa la potatura dei platani parla la delegata Anna De Venezia: “abbiamo scelto la salute degli alberi realizzando una potatura più leggera” Mancanza del certificato di agibilità per pubblico spettacolo e dell’autorizzazione del sindaco, scoppia il caso della palestra “Adamo” dopo la lite di sabato e la denuncia dei Carabinieri. Il sindaco: “Stiamo percorrendo l’iter per far acquisire alla struttura i requisiti necessari” Atripalda Volleyball, per la serie D sfuma il sogno promozione: passa il San Marzano

Magliette e scarpette non pagate: assolto pluripregiudicato atripaldese

Pubblicato in data: 6/12/2016 alle ore:08:13 • Categoria: CronacaStampa Articolo

tribunale-av-ingressoG.B. quarantaduenne pluripregiudicato atripaldese era stato tratto a giudizio innanzi al Tribunale di Avellino per rispondere dei reati di ricettazione e truffa, in quanto – secondo l’accusa – nel 2013 aveva ricettato un assegno bancario del Banco di Desio di illecita provenienza e, successivamente, lo aveva dato in pagamento per la fornitura di abbigliamento sportivo per una squadra locale militante in promozione. In particolare la fornitura sportiva prevedeva 35 “kit” completi – borsa, tuta, completo da gara e scarpette – che, secondo l’accusa, il quarantaduenne se ne sarebbe appropriato dando in pagamento un assegno risultato poi oggetto di furto.
Proprio in virtù di ciò, il pm delle indagini ebbe a contestare all’atripaldese i reati di ricettazione aggravata e truffa, chiedendo la condanna a 2 anni di reclusione.
Stamane, dopo una lunga istruttoria dibattimentale, la difesa di G.B., affidata all’avvocato penalista Mauro Alvino, è riuscita a dimostrare la insussistenza degli elementi dell’accusa e, pertanto, il Tribunale Monocratico di Avellino – accogliendo in pieno la tesi difensiva – ha mandato assolto con formula piena il pluripregiudicato della cittadina del Sabato.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it