" class="thickbox">
  
Flash news:   Il colonnello Massimo Cagnazzo nuovo Comandante provinciale dei Carabinieri Riparte l’autunno politico di Primavera Irpinia Atripalda “Luigi Sessa e l’avventura americana”, nota di Lello La Sala Clementino con la sua energia travolge Atripalda: bagno di folla per il suo rap in piazza Umberto. FOTO Prima giornata ecologica “Atripalda si Differenzia” sabato 30 settembre “Il Fuoco e la Cenere”, Giullarte nel racconto di Gabriele De Masi “Fai scendere i tuoi figli che li devo uccidere”: assolto pluripregiudicato atripaldese Dal 22 al 24 settembre ritorna Giullarte: magia e illusione per la XVIII edizione del Festival Internazionale di Teatro di Strada e Antichi Mestieri Novellino: «vedo il bicchiere pieno» L’Avellino strappa il pari in extremis contro il Venezia con D’Angelo. FOTO

Addio a don Giuseppe Berardino, il giovane sacerdote atripaldese gravemente malato di Sla

Pubblicato in data: 26/1/2017 alle ore:18:02 • Categoria: CronacaStampa Articolo

A 10 giorni dalla visita di Papa Francesco nella parrocchia di Setteville di Guidonia è scomparso don Giuseppe Berardino,  il giovane sacerdote atripaldese gravemente malato di Sla.
Don Giuseppe era amato da tutti i fedeli. Era costretto a letto in seguito alla diagnosi di sclerosi laterale amiotrofica.
Il Vescovo di Roma, Papa Francesco, era venuto ad accarezzarlo pochi giorni fa. Veniva dalla parrocchia di San Ciro Martire ad Avellino ma a Setteville si era formato, diventando diacono e poi sacerdote. Setteville piange oggi l’amato viceparroco, che aveva solo 47 anni. I funerali si terranno sabato alle 11 presso la parrocchia di Santa Maria a Setteville.

Print Friendly

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. Conoscevo Giuseppe, abitava nel mio stesso quartiere . Ragazzo meraviglioso, silenzioso, educatissimo, intelligente.
    Aveva tutti i requisiti di una persona di primo piano. Ha avuto anche la cattiva sorte che ha prevalso su di lui .

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it