Flash news:   Taglia il traguardo di un quarto di secolo la prestigiosa rassegna di Musica da Camera “I Luoghi della Musica”: questa mattina si presenta il Festival nella Sala Consiliare Nota del consigliere di “Noi Atripalda” Mimmo Landi: “situazione paradossale nel Pd: iscritti al circolo cittadino schierati sia tra i banchi della opposizione che della maggioranza” La Regione approva i primi impianti di comunità per l’umido: c’è anche Atripalda. La soddisfazione dell’ex assessore Prezioso Pulizia e manutenzione di parchi cittadini, strade e periferie. L’assessore Vincenzo Moschella: «La cura del verde pubblico priorità di questa amministrazione». FOTO Insediato il nuovo Consiglio comunale, il sindaco giura e illustra le linee programmatiche: «Atripalda riprenda il suo ruolo». L’ex primo cittadino: «propositi astratti». FOTO Primo Consiglio comunale dell’Amministrazione del sindaco Geppino Spagnuolo: «Atripalda deve ripartire». Ecco le linee programmatiche di mandato Punto Pace in via San Lorenzo, mercoledì 28 giugno incontro informativo Green volley, si chiude una stagione tra alti e bassi Taglio del nastro per la sesta edizione di Children’s Day. Oggi la giornata conclusiva a Parco delle Acacie. FOTO Il primo colpo di mercato della Sidigas Avellino è Bruno Fitipaldo

L’installazione degli attraversamenti pedonali rialzati in centro solleva le critiche dei commercianti

Pubblicato in data: 4/2/2017 alle ore:07:00 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

L’installazione degli attraversamenti pedonali rialzati in centro solleva le critiche dei commercianti. A finire nel mirino delle proteste degli esercenti atripaldesi i lavori di realizzazione dei sette attraversamenti pedonali rialzati previsti lungo via Roma, via Aldo Moro, via Appia, via Gramsci, via Manfredi e via Pianodardine.
Le arterie interessate, per la durata dell’installazione degli attraversamenti, sono rimaste chiuse al traffico. E ciò ha fatto infuriare i commercianti. Passaggi pedonali rialzati, fortemente voluti dall’amministrazione Spagnuolo, con l’obiettivo di garantire l’attraversamento in sicurezza nei punti più frequentati dai pedoni ed in particolare dai bambini. Ma per l’intera mattinata di ieri, dalle 8 alle13, è rimasta off-limits via Roma, il cuore dello shopping cittadino. E subito sono montate le protese con i commercianti che accusano di non essere stati avvisati.
«Questa è via Roma – ha postato su Facebook Mimmo Caronia -. Ieri nelle stesse condizioni via Aldo Moro e via Fiume. Ma non era meglio eseguire questo lavoro di lunedì mattina dove la maggior parte dei negozi sono chiusi? Qualcuno suggeriva ma perché non si possono eseguire di notte questi lavori? Grazie sindaco e assessore al commercio».
Il primo cittadino ha cercato di tranquillizzare i commercianti spiegando che sono lavori che non si possono fare di notte per la posa del materiale utilizzato che richiede determinate temperature.

 

Print Friendly

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

12 Risposte »

  1. Capisco le lamentele dei commercianti perché oggi la crisi è diventata tale da non permettere alcuna sosta nelle vendite ma il disagio si limita a poco tempo che se impiegato bene può anche salvare delle vite. Il problema vero però che vorrei evidenziare è quello legato alla legittimità degli attraversamenti. Il codice della strada ed il suo regolamento liquida in poche righe l’argomento ma i pareri degli esperti e forse anche un po’ di giurisprudenza pongono seri dubbi sulla realizzazione dei dossi, siano essi dissuasori di velocità che attraversamenti pedonali, sulle strade percorse dai mezzi di soccorso e da quelli pubblici e così via (art. 42 del CdS e art. 179 del regolamento del CdS). Apparire oggi a pochi giorni dalle elezioni come un’amministrazione che ha badato alla sicurezza del “popolo” sembra alquanto ipocrita. Perché non si asfaltano le strade ormai dissestate visto che quel tipo di intervento dubbio è molto costoso ed è fatto su un manto di asfalto tutto “crepato”?

  2. Determinate temperature???.. perchè il lavoro notturno costa di più, meglio paralizzare una città

  3. L’ Amministrazione per la verità fino adesso ha fatto solo annunci di aperture cantieri ma non si è visto ancora nulla. Ebbene da qualche giorno hanno avuto inizio i lavori per igli attraversamenti pedonali e che succede? Critiche a non finire degli esercenti. Premesso che i lavori vengono eseguiti in modo perfetto, è mai possibile che anche quando si fà qualcosa di buono debbano esserci le critiche? Per favore gli esercenti facessero il loro dovere e prendessero l’abitudine di tenere pulito lo spazio antistante la loro attività sopratutto quando nevica e non aspettare che sia l’Amministrazione che vada in loro soccorso.

  4. Ma quali critiche sti commercianti chiagnino sembe, mo si interessano pure di sicurezza stradale? Fate ridere

  5. Per l’esperto questi tipi di dossi esistono in tutta italia gia’ da anni …e non solo in italia…poi sti mezzi pubblici che citi caro amico mio …pullman di linea e pullman urbani erano i primi ad attraversare il paese a tutta velocita’ senza pensare a niente quindi..per l autoambulanza deve solo rallentare…poi pur arrivando di corsa al pronto soccorso …resti in attesa lunga …ti saluto e informati meglio.

  6. Per i commercianti chi chiagne fotte a chi rire …ognuno di questi signori di via roma e non solo cammina con macchine costosisime se gli affari non andavano bene camminavano co l’utilitaria,………………..o ca bicicletta…ma fateci il favore qua’ nisciun e’ fesso.

  7. Se era un problema di temperature, i dossi potevano ancora aspettare, oppure è propaganda elettorale???????

  8. Invece e spilà e rotte a via Appia che stamattina era tutta allagata, c’aviti mise e dossi. Nu ne faciti una bona.

  9. È questione di intelligenza e capacità. Via Appia, per lavori al passaggio a livello, chiude dalle 22 alle 5. Ad Atripalda per lavori di passaggi pedonali, si chiudono senza preavviso, strade senza un ombra di vigilanza, quindi nel più completo casinooooooooo.

  10. Salve, volevo segnalare che a Via Ferrovia non è stato previsto nessun intervento, ma sarebbe fondamentale l’installazione di uno di questi dossi dissuasori di velocità, in quanto tale strada spesso viene utilizzata come pista da auto e soprattutto motociclette, in quanto rappresenta un lungo rettilineo per operare folli accelerate. Da oggi in poi resterà l’unica alternativa valida per i vari piloti e soprattutto motociclisti. Poi c’è anche il mercato che porta tanta gente ed il parco delle acacie che d’estate ospita bambini e ragazzi. Segnatevi questo post perchè prima o poi qualcuno verrà investito e sarà l’ennesimo caso in cui si sapeva ma non è stato preso alcun provvedimento. Io abito a Via Ferrovia e vi posso assicurare che è una pista che poi continua a Via San Lorenzo, ideale per le follie!!

  11. Ma qualcuno si è accorto che a via pianodardine nei pressi della scuola media è stato realizzato l’attraversamento pedonale proprio dove c’è la palina segnaletica della fermata bus? Mi sembra un tantino anomalo e a voi? Poi quello realizzato a via Aldo Moro, con la scomparsa del pozzetto di raccolta d’acqua piovana e di conseguenza il ristagno dell’acqua è un capolavoro. Poi consentitemi di condividere pienamente il primo commento, per gli attraversamenti pedonali rialzati il codice della strada parla chiaro!

  12. Carletto forse ha ragione. In Italia c’è corruzione dovunque, anche in parlamento, quindi è giusto che ci dotiamo anche noi di tutto quello che non è consentito altrimenti ci sentiremmo privati di quelle cose che gli altri hanno. Ormai ci governa l’ignoranza e spendere male i soldi delle nostre tasse è diventata una moda per pochi eletti. Giusto per completare il primo post voglio aggiungere che esiste una circolare del ministero delle infrastrutture che non solo vieta quei dossi nelle zone non idonee ma obbliga le amministrazioni a rimuoverli. Caro concittadino così facendo i tuoi soldi vengono spesi ancora peggio perché si paga per metterli e per toglierli. Spero che qualcuno dell’opposizione si renda conto di quello che dico e lo porti in consiglio comunale. Evviva l’ignoranza.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it