Flash news:   Primo Consiglio comunale dell’Amministrazione del sindaco Geppino Spagnuolo: ecco le linee programmatiche di mandato Punto Pace in via San Lorenzo, mercoledì 28 giugno incontro informativo Green volley, si chiude una stagione tra alti e bassi Taglio del nastro per la sesta edizione di Children’s Day. Oggi la giornata conclusiva a Parco delle Acacie. FOTO Il primo colpo di mercato della Sidigas Avellino è Bruno Fitipaldo Detiene illegalmente fucile e munizioni: nei guai 65enne atripaldese L’Amministrazione punta su Giullarte e chiede un finanziamento di 40mila euro alla Regione. Sull’allarme ratti il sindaco: “Chiesto intervento Asl” La Sidigas main sponsor dell’Us Avellino 1912. FOTO Degrado dell’area di proprietà di Ferrovia dello Stato in via Appia, interrogazione del gruppo consiliare di minoranza Amministrative 2017, la candidata di “Piazza Grande” Eliana Visilli entra in Primavera Irpinia

Festività San Sabino, il programma di febbraio tra Falò e Santa Manna. Un ricordo nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 7/2/2017 alle ore:18:08 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Atripalda in festa domani 8 e 9 febbraio 2017 in onore di San Sabino Vescovo, Patrono della città, e San Romolo Diacono.
Una due giorni di festeggiamenti per il Santo Patrono che in città viene celebrato ben due volte all’anno: il 9 febbraio, per ricordare la morte del Santo ed il 16 settembre in memoria della traslazione delle ossa dall’altare maggiore della Collegiata di S.Ippolisto allo Specus Martyrum avvenuta nel lontanissimo 1612.
Ad organizzare l’appuntamento il Comitato festa unitamente alla parrocchia di S.Ippolisto Martire.

Di seguito una poesia di Gabriele De Masi:

San Sabino

Alta fiamma devota, atripaldese,

ai gran fuochi della vigilia in scintille,

spande speranza, fede e preme

ché il paese viva, prosperi, sappia

che nella preghiera, anche il lampo

di brace che s’innalza al cielo,

dalle fascine accese a devozione, è

intercessione di perdono dai peccati

che fumighino in un gran falò,

alle contrade festanti, si brucino,

cosi, il male e l’oscura notte, augurio

che ritorni presto il sole sulle nostre

povere sorti, aiutate dalle tre dita

del Santo in processione, benedicente,

a noi, con la fronte segnata di Manna,

che ammanta Atripalda e la fa santa.

         Gabriele De Masi

Print Friendly

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 votes, average: 4,40 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 Risposte »

  1. Gabriele, un poeta grande

  2. Tenero e caldo l’abbraccio della fiamma del falò, forte e vigoroso come il legame con la sua Atripalda. Complimenti, Gabriele.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it