sabato 25 novembre 2017
Flash news:   Edifici costruiti in via San Giacomo su un canale demaniale e privi di autorizzazione da 40 anni, il Genio Civile avvia un accertamento. Il sindaco: “individuato il procedimento di sanatoria” Serie C, l’Atripalda Volleyball rialza la testa: battuto Nola 3 a 1 Danni da cinghiali, l’associazione PrimaveraIrpinia Atripalda chiede un intervento Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni da Atripalda chiude la porte al dialogo con il Pd: «Il centrosinistra non c’è più, stiamo lavorando ad una lista della sinistra con un programma di discontinuità da quello di questi anni». FOTO Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere

Cresce l’attesa per l’accensione di questa sera dei focaroni: per San Sabino record di falò. Domani Santa Manna. FOTO

Pubblicato in data: 8/2/2017 alle ore:07:33 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Cresce l’attesa per l’accensione di questa sera dei “focaroni” in onore del Santo Patrono Sabino. Un appuntamento che registra un boom di richieste quest’anno: ben sedici le autorizzazioni rilasciate dal Comune. Un record per San Sabino. Una due giorni di festeggiamenti in onore di San Sabino Vescovo, Patrono della città, e San Romolo Diacono che ad Atripalda viene celebrato ben due volte all’anno: il 9 febbraio, per ricordare la morte del Santo e il 16 settembre in memoria della traslazione delle ossa dall’altare maggiore della Collegiata di Sant’Ippolisto allo Specus Martyrum avvenuta nel lontanissimo 1612.
Legate alla ricorrenza religiosa di febbraio, rivivono due antichissime tradizioni: i Falò e la Santa Manna. Quella dell’accensione dei focaroni in piazza Umberto I e in ogni quartiere della città, è una tradizione secolare che si tramanda negli anni. Una vera e propria “gara” nell’allestire quello più grande, segno della devozione verso il Santo.
La semplificazione scelta quest’anno dall’Amministrazione, che sul modello di Nusco, ha optato per una sola registrazione sanitaria (Scia) per tutti i luoghi in cui gli organizzatori vogliono effettuare la somministrazione di alimenti e bevande e una sola licenza di polizia per tutti i richiedenti per l’accensione dei falò, ha dato i suoi frutti. Per quanti ne ha fatto richiesta è prevista anche la distribuzione di 8 bracieri in ferro e delle fascine che verranno consegnate gratuitamente dal Comune. Il falò del Comune in piazza Umberto I,  benedetto dal parroco della Chiesa madre don Fabio Mauriello, sarà acceso alle 19.30 dal sindaco Paolo Spagnuolo.
Oltre a quello di piazza Umberto, ci saranno altri sedici falò a riscaldare la tradizione atripaldese promossi da associazioni e privati tra i quali spiccano quello di piazza Vittorio Veneto (organizzato dalla Confraternita di Santa Monica), piazza Tempio Maggiore (dinanzi la chiesa madre promosso dall’ex sindaco Aldo Laurenzano), quello di via Tufara del dottor Sabino Aquino, della Misericordia pressa la sede di Pianodardine, quello della Pro Loco in piazza Di Donato, a parco delle Acacie organizzato dal “Comitato Appia”, quello dei Boy Scout-Agesci a rampa San Pasquale e dell’Associazione Alvanite in via Madre Teresa di Calcutta (contrada Alvanite).
Domani 9 febbraio, invece alle 10.30 concelebrazione eucaristica presieduta da don Christian Sciaraffa. Alle ore 12, Solenne processione per le vie della città con le statue dei due Santi.
La sera, dalle ore 18,30, Don Fabio e gli altri parroci distribuiranno ai fedeli la Santa Manna, altra antichissima tradizione. Il parroco, infatti, segna la fronte con un liquido benedetto che si dice, sia il sudore delle ossa di San Sabino.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. QUALUNQUE PAGANO ACCENDE UN FALOO

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it