" class="thickbox">
  
Flash news:   Il colonnello Massimo Cagnazzo nuovo Comandante provinciale dei Carabinieri Riparte l’autunno politico di Primavera Irpinia Atripalda “Luigi Sessa e l’avventura americana”, nota di Lello La Sala Clementino con la sua energia travolge Atripalda: bagno di folla per il suo rap in piazza Umberto. FOTO Prima giornata ecologica “Atripalda si Differenzia” sabato 30 settembre “Il Fuoco e la Cenere”, Giullarte nel racconto di Gabriele De Masi “Fai scendere i tuoi figli che li devo uccidere”: assolto pluripregiudicato atripaldese Dal 22 al 24 settembre ritorna Giullarte: magia e illusione per la XVIII edizione del Festival Internazionale di Teatro di Strada e Antichi Mestieri Novellino: «vedo il bicchiere pieno» L’Avellino strappa il pari in extremis contro il Venezia con D’Angelo. FOTO

Trasporti, l’Air incorpora la Cti-Ati e addio alla figura del direttore generale

Pubblicato in data: 21/3/2017 alle ore:15:40 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Addio alla figura del direttore generale, nel nome della spending review. La Regione ha modificato lo statuto dell’Air Autorservizi che incorpora anche la Cti-Ati, sua controllata, per fusione. La Cti-Ati, che conta 58 dipendenti e un parco autobus di 39 mezzi, gestisce le corse e i collegamenti tra Avellino, Atripalda e Mercogliano.
Lo ha fatto con una delibera di giunta con la quale vengono ritoccate solo in parte le regole. Salta agli occhi la soppressione dell’articolo che istituiva la figura del direttore generale. Ora non è più prevista. L’incarico è attualmente ricoperto da Dino Preziosi, che ha gestito operativamente l’Air negli ultimi anni, fino a far registrare utili nei conti, nonostante i tagli praticati proprio da Palazzo Santa Lucia sulle risorse destinate all’Irpinia per il trasporto pubblico su gomma. L’esecutivo del Governatore Vincenzo De Luca giustifica le modifiche con la necessità «di dovere adeguare lo statuto della società Air alle disposizioni del decreto legislativo 175 del 19 agosto 2016 (Testo Unico Madia) e agli indirizzi dell’Anac». Restano, però, sullo sfondo gli attacchi di De Luca proprio all’indirizzo di Preziosi: «Ci sono manager che guadagnano più di Obama».
Preziosi, che resterà nell’azienda, con mansioni di dirigente, protebbe fare ricorso.

Print Friendly

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. Se c’è stato qualche risparmio sicuramente non è stato ottenuto tagliando il compenso del direttore generale . Ciò è avvenuto a discapito dei cittadini : TAGLIANDO LE CORSE . Contrada Alvanite è quella che è stata più penalizzata. Credo che c’è ancora qualche dipendente che , nonostante sia in pensione lavori ancora su incarico a progetto . Questo è ridicolo. Mi auguro che De Luca cancelli anche questa porcheria.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it