Flash news:   Non approvano il Rendiconto 2017, il prefetto di Avellino diffida 62 consigli comunali tra cui Atripalda Prosciolto l’ex comandante dei vigili di Atripalda Salsano La Soprintendenza non ha i fondi e a salvare Abellinum dal degrado ci pensano i volontari della Pro Loco. FOTO Autovelox sulla Variante, Sinistra Italiana Atripalda critica le due Amministrazioni Spagnuolo: “finora spesi 100mila euro con entrate pari a zero” La città si stringe attorno a Santa Rita e aspetta “il miracolo”. FOTO Il Circolo di Atripalda ritorna alla Novecolli Serie C, l’Atripalda Volleyball batte Massa in scioltezza e si prepara all’ultima trasferta della stagione Lotta all’evasione tributaria, il Comune avvia un censimento sulle utenze non domestiche per la Tari Sgominata dai Carabinieri pericolosa banda dedita ai furti di auto: oltre 30 quelle rubate La Sidigas Scandone saluta la città

Lutto nel mondo del commercio cittadino: addio ad Americo Renzulli, Cosma Vitale e Mimì Melillo. Un ricordo di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 22/3/2017 alle ore:14:26 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Dolore nel commercio della cittadina della Valle del Sabato. Tre commercianti storici, Americo Renzulli, Cosma Vitale e Mimì Melillo sono volati verso la casa del Signore.
Americo Renzulli aveva gestito per decenni, con la moglie e l’aiuto dei figli, una rivendita di sale e tabacchi in via Circumvallazione, di cui era titolare.
Il signor Cosma, fratello dello scomparso Damiano, aveva anche lui nel sangue il commercio.
Mimì infine era stato lo storico fondatore e ideatore della Pizzeria Romana di Avellino, tanto da aprirne alcuni anni fa, una seconda sede anche ad Atripalda, in via Roma. Domenico Melillo, 68 anni detto Mimì, negli anni ’60 aveva avuto l’intuizione di creare ad Avellino, in via Carducci, un luogo di ristoro dedicato alla pizza al taglio secondo l’antica ricetta della Capitale, considerata una delle migliori della provincia irpina. Negli anni 80 era stato anche il proprietario ad Atripalda, dell’ex Bar Sport in piazza Umberto I che lo aveva gestito insieme al fratello.
Se ne vanno così in pochi giorni, in silenzio, tre volti storici del commercio cittadino.
Alle rispettive famiglie le condoglianze più sentite da parte della redazione di AtripaldaNews.

Quel che siamo

Cosma ( Cosimo ) e Damiano,
fratelli nella chiesa del Carmine,
così posero nome ai figli, tanti,
gli Atripaldesi, i Vitale, e così
passava la vita tra le case,
non Samantha, Deborah, Katiuscia,
il santo protettore ringraziava,
Sabino, sempre omaggiato, anche
quando la fede e devozione , rimosse,
per mode d’un liscio nello svago
alle sagre d’un balletto sulle piazze.
Addio ai nostri commercianti di sempre,
delle lunghe e spumose rive del Sabato,
morti con nomi di terra, la loro,
non Liuba , Natascia, Luana,
ma per come il tempo li ha sempre
chiamati. La nostra stroria, vera,
che va oltre il risvolto d’un fine
settimana, banale, in balera.

Gabriele De Masi

 

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (6 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. I MIEI PIU’ SENTITI CORDOGLI ALLE FAMIGLIE DEGLI SCOMPARSI CHE TANTO HANNO DATO PER NOI DI ATRIPALDA

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it