Flash news:   Taglia il traguardo di un quarto di secolo la prestigiosa rassegna di Musica da Camera “I Luoghi della Musica”: questa mattina si presenta il Festival nella Sala Consiliare Nota del consigliere di “Noi Atripalda” Mimmo Landi: “situazione paradossale nel Pd: iscritti al circolo cittadino schierati sia tra i banchi della opposizione che della maggioranza” La Regione approva i primi impianti di comunità per l’umido: c’è anche Atripalda. La soddisfazione dell’ex assessore Prezioso Pulizia e manutenzione di parchi cittadini, strade e periferie. L’assessore Vincenzo Moschella: «La cura del verde pubblico priorità di questa amministrazione». FOTO Insediato il nuovo Consiglio comunale, il sindaco giura e illustra le linee programmatiche: «Atripalda riprenda il suo ruolo». L’ex primo cittadino: «propositi astratti». FOTO Primo Consiglio comunale dell’Amministrazione del sindaco Geppino Spagnuolo: «Atripalda deve ripartire». Ecco le linee programmatiche di mandato Punto Pace in via San Lorenzo, mercoledì 28 giugno incontro informativo Green volley, si chiude una stagione tra alti e bassi Taglio del nastro per la sesta edizione di Children’s Day. Oggi la giornata conclusiva a Parco delle Acacie. FOTO Il primo colpo di mercato della Sidigas Avellino è Bruno Fitipaldo

Amministrative 2017, il Pd vuole le Primarie. L’8 aprile assemblea cittadina degli iscritti: «Arriviamo a conclusione di un mandato amministrativo segnato da forti divisioni all’interno della maggioranza»

Pubblicato in data: 2/4/2017 alle ore:14:07 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo
Mancano ormai due mesi alle elezioni amministrative per il rinnovo del Consiglio comunale di Atripalda. Crediamo sia giunto il momento per un’accurata e serena analisi su quest’ultima esperienza amministrativa, che ci ha visto protagonisti, e per iniziare a porre le basi per la costruzione di un percorso comune volto a rilanciare l’azione politica nell’interesse della nostra Città. Arriviamo a conclusione di un mandato amministrativo segnato da forti divisioni all’interno della maggioranza, dall’appiattimento della discussione politica e quindi dell’opinione pubblica. Fattori negativi che hanno inciso molto su ciò che non è stato fatto, su ciò che si poteva fare e più ancora su come andavano consumate determinate azioni amministrative. Ad oggi, a distanza di cinque anni, molte cose sono cambiate nel quadro politico cittadino, ad iniziare dal fatto che il PD, così come dimostrano i risultati delle competizioni elettorali che si sono succedute, ha ricevuto un indice di gradimento sempre maggiore ritornando ad essere il primo partito ad Atripalda. Rinforzato, se vogliamo, da quest’ultima campagna di adesione, nonostante il clima non sempre disteso che, partendo da Roma, si riflette pesantemente sui territori. Ma tant’è, ci faremo carico di sopperire anche a questa difficoltà. In virtù dei risultati raggiunti non possiamo che ripartire dalla responsabilità dei nostri errori nel rispetto di chi ci osserva e intravede in noi la speranza di una rinascita collettiva in città. Per questo motivo, s’impone la riformulazione di un nuovo patto elettorale con gli atripaldesi tramite la proposta di un nuovo ed ambizioso programma elettorale. Ma la più grande ambizione dovrà essere quella di importare un nuovo modello amministrativo fondato sulla partecipazione dei cittadini alle scelte decisionali, allargando gli spazi di democrazia. È sulla base di questi obiettivi che vogliamo parlare alla città, alle forze politiche e alle associazioni che vogliono condividere con noi questo progetto. Ma per perseguire questi obiettivi abbiamo bisogno di un partito unito, coeso e soprattutto umile. Un partito capace di ascoltare ed interpretare le istanze dei cittadini, carpirne le speranze e le aspirazioni. Un partito che fa questo non solo potrà dirsi più forte ma saprà soprattutto mostrarsi capace di servire Atripalda e gli atripaldesi nel migliore dei modi. Come comitato di reggenza, faremo di tutto, così come sempre abbiamo provato a fare, per portare il partito unito fino alla prossima competizione elettorale. Proprio per questo ribadiamo con forza la necessità di ripartire dalla partecipazione e dal confronto, dunque dal ricorso allo strumento fondativo del Partito democratico: LE ELEZIONI PRIMARIE . Questa è l’unica via percorribile per garantire la coesione e l’unità di tutte le anime e le sensibilità che popolano il nostro partito e per fare in modo che la cittadinanza sia partecipe alla costruzione di un nuovo progetto di governo per Atripalda. Parliamo di cittadinanza in quanto immaginiamo primarie aperte a tutti i cittadini che vorranno concorrere alla costruzione di un progetto basato soprattutto su un patto di fede tra i concorrenti in virtù’ del conseguimento di obiettivi comuni.Il nostro intento è quello di unire tutte le forze e le energie che si ritrovano in quell’orizzonte, anche al di là degli ampi recinti del Partito democratico, in linea con quella idea di apertura e di confronto nell’unità che abbiamo cercato di imprimere nel corso di questi anni, senza riuscirci a causa dei tanti che sino ad oggi hanno preferito anteporre ambizioni e personalismi alla causa comune, in modo da fornire alla cittadinanza una valida alternativa che sia proficua e duratura nel tempo.

Sulla scorta, quindi, di quanto detto indiremo sabato 8 Aprile alle ore 16.00 presso l’ex aula consiliare sita in piazza sparavigna ( biblioteca comunale) l’assemblea degli iscritti al Partito Democratico

 

Comunicato Stampa
Print Friendly

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 Risposte »

  1. si potrebbe anche condividere quello che dite pero’ viene spontanea una domanda ma fino ad oggi, cosa avete fatto per il partito,e poi per la città,non siete il partito di maggioranza in giunta, in consiglio, come voi dite il primo partito nel paese,e pure se e’sentita forte la vostra assenza e la vostra incapacità, ‘ politica,oggi mi sembra tutto una presa in giro,ricordatevi cari signori del PD,che gli elettori sono molto più intelligenti di quello che voi credete ,fate un incontro pubblico per dire ai cittadini di Atripalda quale contributo avete dato in questi cinque anni di gestione amministrativa fortemente gestita da vostri appartenenti.e poi possiamo discutere di tutto quello che volete.Altrimenti non prenderete più in giro nessuno.

  2. 5 stelle.

  3. Non credo che all’assemblea dell’ otto aprile snocciolerete tutto quello che avete fatto, perchè, tranne l’indifferenziata che per la verità non è da poco, per il resto non avete fatto un cazzo. Questa è la verità. Adesso promettete di ricominciare tenendo conto degli errori commessi. Bene, allora finitela di litigare e addossare la responsabilità ad altri. Fate bene a fare le primarie ma col patto che il vincitore venga accettato da tutti . Abbiate la capacità di stilare un programma di poche cose con la consapevolezza ,poi, di poterle effettuare. Non promettete ciò che non potete mantenere. Abbiate rispetto per i vostri elettori e imparate a non essere sempre accondiscendenti . Imparate a dire anche no.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it