Flash news:   Ripulito da erbacce e rifiuti il parcheggio di via San Nicola Scambio di neonate, lo zio Andrea De Vinco: «Un fatto increscioso che ha scosso notevolmente mia nipote che non vuole parlare con nessuno». A “Pomeriggio Cinque” parla anche il primario Izzo: «Ci troviamo di fronte ad un errore umano» Scambio di neonate, in città le telecamere di Barbara D’Urso Operaio vince 200mila euro al “Gratta e Vinci!” Scambio accidentale di due neonate, la Clinica Malzoni si difende. Ecco la nota stampa: “identificazione corretta, sbagliata la consegna” Le interviste di AtripaldaNews – Primi cento giorni di governo della Città, parla il sindaco Geppino Spagnuolo: «impegnativi. Abbiamo affrontato difficoltà e situazioni delicate superandole grazie alla compattezza della squadra» Istanza di Trasparenza del “Gruppo Amici di Beppe Grillo Atripalda” Neonata di Atripalda scambiata nella culla, errore sul braccialetto notato da una mamma Sta meglio il 13enne atripaldese precipitato dal tetto dell’ex scuola di Rampa San Pasquale. FOTO Operava ad Atripalda la falsa dentista scoperta e denunciata da “Striscia la Notizia”

Amministrative 2017, Paolo Spagnuolo presenta “Noi Atripalda”: «una lista non scelta nelle segreterie dei partiti. C’è aria nuova»

Pubblicato in data: 16/5/2017 alle ore:22:58 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

Sono davvero orgoglioso di avere ricevuto la fiducia di concittadine e di concittadini dai volti e dalle storie personali onorevoli. Persone non scelte nelle segreterie dei partiti, non frutto di accordi politici assunti al di là di Atripalda e degli atripaldesi; non si tratta di amiche ed amici riuniti in una lista attraverso la sceneggiata dell’accordo programmatico, ma di atripaldesi che si sono ritrovati spontaneamente, naturalmente, per aumentare (insieme a me) la qualità della vita ad Atripalda. Per me, Fabiola, Mimmo e Lello si tratta di un nuovo inizio. Una nuova esperienza amministrativa in cui porteremo in dote l’esperienza amministrazione maturata negli ultimi cinque anni e, soprattutto, la consapevolezza di aver commesso , ingenuamente ed in buona fede, alcuni errori. Grazie alla maggioranza dei candidati della mia lista, la prossima esperienza amministrativa godrà di nuova linfa, rappresentata da forze realmente della società civile, che mi consentiranno di non perdere mai il contatto con la mia comunità (come, mio malgrado, e’ accaduto nei precedenti 5 anni). Quanta fatica, quanta energia profusa nel corso della mia esperienza da Sindaco. Riunioni “fiume” per scegliere la giunta, mediante l’individuazione di un criterio che garantisse non la migliore composizione dell’esecutivo per gli atripaldesi, ma l’equilibrio tra partiti provinciali; liturgie partitiche per individuare chi, al di là delle competenze, rappresentasse Atripalda negli enti sovracomunali (ora comprendo perché questi enti sono tutti in deficit ). Avrei potuto comodamente fare ancora parte del sistema, facendomi “preparare” da altri la lista. Invece no! Mi sono complicato la vita, ma sono felice di avere potuto scegliere il meglio per la mia città che, dopo avermi formato culturalmente ed umanamente, mi ha conferito l’onore di rappresentarla da primo cittadino a soli 38 anni. Il sistema si è coalizzato contro di me, perché nel 2012 aveva immaginato di poter gestire, manovrare quel giovane Sindaco inesperto. Avevano fatto male i conti!
Si sono trovati di fronte un primo cittadino sicuramente inesperto, ma attento, onesto ed autonomo, che ha visto ciò che non doveva (le cronache giudiziarie degli ultimi giorni raccontano), che ha ristabilito un sano criterio di equità fiscale (i tributi si pagano, perché il consenso elettorale si persegue diversamente)… Non ho avuto, probabilmente, timore reverenziale verso coloro i quali, direttamente o dietro le quinte, sono stati protagonisti della vita politico-amministrativa atripaldese degli ultimi 40 anni. In molti, allora, si saranno chiesti: ma questo da dove è venuto fuori?…facciamolo ritornare indietro, visto che appartiene ad una famiglia di ceto medio che ha vissuto sempre nell’anonimato. Sono tutti al di là della barricata. Ecco, la reazione a questo sistema è la battaglia di libertà che vogliamo combattere dal punto di vista del popolo, l’unico punto di vista che un non borghese come me conosce! Guardo i volti dei “miei” candidati (tra qualche ora pubblicherò tutte le foto) e penso ad una stanza vista mare, con la finestra aperta, alle 7 del mattino di una bella giornata estiva: ARIA NUOVA per Atripalda. Grazie

Paolo Spagnuolo
Noi Atripalda

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (7 votes, average: 3,29 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 Risposte »

  1. Era meglio se venivano scelti nelle segreterie dei partiti,

  2. Paolo Spagnuolo omette di dire che fa parte del Pd, ha fatto le tessere di notte per fare la scalata al partito e oggi fa finta di essere libero dai condizionamenti dei partiti.
    In 5 anni la gente ha imparato a conoscere le tue dissimulazioni e oggi ti punirà elettoralmente.

  3. …torna a fare l’avvocato.

  4. in meno di 4 anni dall’udc al pd passando per scelta civica. Veramente solo uno di partiti ne conta tre, per non parlare dei precedenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it