sabato 16 dicembre 2017
Flash news:   Doppia notte bianca oggi e domani in centro per “Natale 2017, shopping in allegria” Inchiesta Money Gate: la Procura chiede retrocessione in C e tre punti di penalizzazione per l’Avellino Sacripanti: “A Pesaro stessa intensità e qualità di gioco di mercoledì sera” Ex guardia giurata spacciava droga, la Polizia arresta 37enne atripaldese Novellino: «Contro l’Ascoli partita da sei punti» Curva Sud: «Società incapace, d’ora in poi sostegno incondizionato alla squadra» La Sidigas batte la capolista Besiktas in Champions League. FOTO “Festa dei Popoli”, l’affondo di Giovanni Ardolino: “solo vetrina propagandistica di certa sinistra italiana e atripaldese” Truffatore seriale napoletano arrestato dai Carabinieri di Atripalda “Uno stile di vita come prevenzione e cura”, domani sera convegno nella chiesa di San Nicola da Tolentino

Amministrative 2017, la candidata al Consiglio Eliana Visilli interviene sul Bilancio comunale

Pubblicato in data: 7/6/2017 alle ore:07:49 • Categoria: Politica, Lista "Piazza Grande"Stampa Articolo

Si fanno, oramai, sempre più accesi i toni di questa campagna elettorale.
I cittadini atripaldesi, chiamati alle urne, al fine di compiere una scelta davvero consapevole del voto, devono porre grande attenzione ai dati contabili dell’Ente. Essi, infatti, da un lato, sintetizzano numericamente quanto le Amministrazioni passate hanno potuto, voluto o saputo fare e, dall’altro, rappresentano gli scenari futuri riservati alla cittadinanza.
Questi dati, disponibili solo in parte presso il sito del Comune, attestano la drammatica situazione finanziaria in cui versano i conti del nostro paese.
Mi dispiace segnalare questo scenario costellato da così tante criticità, soprattutto se consideriamo i tanti sacrifici, in termini economici, che l’Amministrazione ha imposto negli anni passati alla cittadinanza atripaldese.
La contabilità pubblica è complessa, per nulla comprensibile ai non esperti del settore e in continua evoluzione normativa. Tuttavia, con i dati alla mano e appellandomi, unicamente, al rigor del vero, rappresento, qui di seguito, brevemente i fatti.
Notevole attenzione alle irregolarità ed anomalie finanziario/contabili dei conti del Comune di Atripalda è stata posta dal massimo organo di controllo, ossia dalla Corte dei Conti, che – partendo dall’analisi delle relazioni e dei questionari prodotti dall’Organo di revisione dell’Ente relativamente agli anni 2009 e 2010 e riscontrando “alcuni profili critici, irregolarità o anomalie finanziario/contabili” – ha avviato una complessa indagine istruttoria sui dati di quelle annualità. Interessante la lettura della deliberazione n. 183 del 03/07/2014, della quale è sufficiente riportare solo alcune espressioni adoperate dai Magistrati contabili: “ritardo nell’approvazione dei rendiconti 2009-2010.., ..inattendibilità…, mancata predisposizione.., mancata adozione.., forti perplessità.., disavanzo.., ricorso reiterato alle anticipazioni di tesoreria, operazioni di alienazioni, elevata consistenza dei residui, disallineamento di accertamenti ed impegni”. Alla luce di quanto riscontrato, la Corte ha stigmatizzato “comportamenti difformi dalla sana gestione finanziaria, la persistenza…di una grave difficoltà finanziaria”. Da qui la disonorevole diffida all’Amministrazione comunale ad approntare, improrogabilmente, tutte le misure correttive necessarie per correggere le criticità riscontrate, suggerendo, in particolare, l’adozione di “misure di gestione volte a ridurre in modo drastico le spese e conseguentemente ad assicurare la formazione di un avanzo di amministrazione…”. Il termine perentorio concesso? Entro il 31/12/2014.
Se questo non è un vero bollettino di guerra, mi aiuti il lettore a trovare le parole più adatte.
In linea di massima, per rispettare quanto intimato dalla Corte dei Conti, l’Amministrazione ha fatto ricorso principalmente ai piani di alienazione immobiliari (in particolare, l’immobile in contrada S. Gregorio e il Centro Servizi) e all’incremento delle entrate di parte corrente, ossia quelle che più di tutte gravano sulle tasche dei cittadini.
Ma le peripezie amministrative per mantenere in piedi tutta l’impalcatura contabile continuano a farsi registrare negli anni successivi al 2014.
Come i briganti di un tempo, che del Malepasso fecero il loro territorio di caccia e l’incubo di quanti si trovassero a passare di lì, così l’Amministrazione comunale, fa della Variante 7 bis il nuovo territorio di caccia, abbracciando la nuova arma dell’autovelox. Così il Bilancio previsionale proposto dalla Giunta uscente, garantirebbe gli equilibri solo depredando di Euro 4.000.000,00 annui i malcapitati.
Nella Relazione di fine mandato, che invito la cittadinanza a leggere, l’Amministrazione uscente segnala da un lato che l’Ente “non ha dichiarato il dissesto finanziario, né il predissesto” tuttavia, non può non segnalare che dal 2012 al 2015 i parametri obiettivo per l’accertamento delle condizione di Ente strutturalmente deficitario (art. 242 Tuel), sono passati da 2 a 3 e, purtroppo, fra i tre parametri, c’è anche il numero 1, ossia il valore negativo del risultato di gestione è >5% delle entrate correnti. Gli altri due riguardano la gestione dei residui.
E, poi, sul tavolo ci sono i debiti fuori bilancio, che per entità destano profonda preoccupazione, il PUC e le mancate approvazioni nei termini di legge degli atti in scadenza. Tanti i temi sui quali l’elettore è chiamato a riflettere, prima di entrare nelle urne.

Eliana Visilli
Dottore commercialista. Revisore contabile
Candidata al Consiglio Comunale di Atripalda

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it