Flash news:   Stasera la proiezione del cortometraggio “Andare” dà il via alla cine-rassegna “Agguattiti” La bellezza dello Specus Martyrum e di Abellinum in mondovisione su Rai 1. Foto “Per un pugno di Libri”, gli alunni del liceo “De Caprariis” hanno vinto la puntata su Rai3 Allerta meteo, dalla mezzanotte piogge e temporali in Campania Premio San Valentino, il 9 e 10 febbraio la V edizione: ecco i premiati Atripalda Volleyball, sconfitta casalinga contro Casarano: 3 a 0 per i pugliesi Pari amaro per i lupi contro l’Anagni Vucinic: “la squadra ha mostrato grande sforzo e impegno” Prima di ritorno amara per la Sidigas sconfitta a Cantù Fa la spesa in un supermercato con una carta di credito trovata, denunciato dai Carabinieri

Questione migranti, Sinistra Italiana Atripalda: “passare dalla cultura dell’esclusione a quella dell’inclusione”

Pubblicato in data: 30/6/2017 alle ore:15:24 • Categoria: Politica, Sinistra Ecologia e LibertàStampa Articolo

La questione che preoccupa in questi giorni l’opinione pubblica, vale a dire i casi di TBC che si sono registrati nel comune di S. Potito, deve essere un’occasione per rilanciare la richiesta di estensione delle tutele sanitarie a tutti coloro che ne hanno bisogno senza distinzione alcuna tra esseri umani.
L’esatto contrario dell’innalzamento di barriere e cordoni sanitari che subito qualche Masaniello ha colto l’occasione per evocare.
La scelta del neo eletto sindaco di Atripalda di estendere la delega alle politiche sociali anche all’integrazione speriamo vada nella direzione di passare dalla cultura dell’esclusione a quella dell’inclusione.
Ora però la delega all’integrazione concepita e fortemente voluta dai nostri compagni al tavolo da cui è nata l’esperienza che ha eletto il nuovo sindaco, non deve rimanere una bella cornice vuota.
L’Amministrazione deve farsi carico di iniziative forti a cominciare dal pretendere che sia garantito il diritto alla salute a tutti gli esseri umani che vivono nella nostra comunità, dovunque essi siano nati, mediante uno screening sanitario diffuso, per consentire una prevenzione più larga possibile di tutte le patologie.
Naturalmente questo non può prescindere da una preventiva analisi sulla popolazione di migranti che vive ad Atripalda per conoscere chi sono, quanti sono, quante garanzie e diritti hanno.
Solo così si combatte la paura e si sconfigge chi specula su essa per conseguire il proprio scopo: isolare i migranti per impedire che diventino cittadini con diritti e doveri, e trasformarli invece in schiavi.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Questione migranti, Sinistra Italiana Atripalda: “passare dalla cultura dell’esclusione a quella dell’inclusione””

  1. state a casa ha detto:

    gli atripaldesi vi hanno bocciato soronamente state a casa le vostre idee non piacciono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Statistiche Mercoglianonews.it