Flash news:   Ripulito da erbacce e rifiuti il parcheggio di via San Nicola Scambio di neonate, lo zio Andrea De Vinco: «Un fatto increscioso che ha scosso notevolmente mia nipote che non vuole parlare con nessuno». A “Pomeriggio Cinque” parla anche il primario Izzo: «Ci troviamo di fronte ad un errore umano» Scambio di neonate, in città le telecamere di Barbara D’Urso Operaio vince 200mila euro al “Gratta e Vinci!” Scambio accidentale di due neonate, la Clinica Malzoni si difende. Ecco la nota stampa: “identificazione corretta, sbagliata la consegna” Le interviste di AtripaldaNews – Primi cento giorni di governo della Città, parla il sindaco Geppino Spagnuolo: «impegnativi. Abbiamo affrontato difficoltà e situazioni delicate superandole grazie alla compattezza della squadra» Istanza di Trasparenza del “Gruppo Amici di Beppe Grillo Atripalda” Neonata di Atripalda scambiata nella culla, errore sul braccialetto notato da una mamma Sta meglio il 13enne atripaldese precipitato dal tetto dell’ex scuola di Rampa San Pasquale. FOTO Operava ad Atripalda la falsa dentista scoperta e denunciata da “Striscia la Notizia”

Questione migranti, Sinistra Italiana Atripalda: “passare dalla cultura dell’esclusione a quella dell’inclusione”

Pubblicato in data: 30/6/2017 alle ore:15:24 • Categoria: Politica, Sinistra Ecologia e LibertàStampa Articolo

La questione che preoccupa in questi giorni l’opinione pubblica, vale a dire i casi di TBC che si sono registrati nel comune di S. Potito, deve essere un’occasione per rilanciare la richiesta di estensione delle tutele sanitarie a tutti coloro che ne hanno bisogno senza distinzione alcuna tra esseri umani.
L’esatto contrario dell’innalzamento di barriere e cordoni sanitari che subito qualche Masaniello ha colto l’occasione per evocare.
La scelta del neo eletto sindaco di Atripalda di estendere la delega alle politiche sociali anche all’integrazione speriamo vada nella direzione di passare dalla cultura dell’esclusione a quella dell’inclusione.
Ora però la delega all’integrazione concepita e fortemente voluta dai nostri compagni al tavolo da cui è nata l’esperienza che ha eletto il nuovo sindaco, non deve rimanere una bella cornice vuota.
L’Amministrazione deve farsi carico di iniziative forti a cominciare dal pretendere che sia garantito il diritto alla salute a tutti gli esseri umani che vivono nella nostra comunità, dovunque essi siano nati, mediante uno screening sanitario diffuso, per consentire una prevenzione più larga possibile di tutte le patologie.
Naturalmente questo non può prescindere da una preventiva analisi sulla popolazione di migranti che vive ad Atripalda per conoscere chi sono, quanti sono, quante garanzie e diritti hanno.
Solo così si combatte la paura e si sconfigge chi specula su essa per conseguire il proprio scopo: isolare i migranti per impedire che diventino cittadini con diritti e doveri, e trasformarli invece in schiavi.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. gli atripaldesi vi hanno bocciato soronamente state a casa le vostre idee non piacciono

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it