" class="thickbox">
  
sabato 23 settembre 2017
Flash news:   Tesseramento Pd 2017, al via le sottoscrizioni delle tessere Atripalda Volleyball, buona prova nel primo test match a Marcianise Giullarte 2017, ieri mattina presentazione del Festival nella Sala Consiliare Nigeriano tenta di avvicinare una ragazzina per corteggiarla in piazza, i genitori chiamano i Carabinieri Giullarte 2017, questa mattina conferenza stampa di presentazione dell’evento. Spagnuolo: “recupero di un momento caratterizzante, di aggregazione e riscoperta del centro storico e della sue potenzialità” Terzo raid l’altra notte all’edificio dell’Utc in piazzetta Pergola nell’ala che ospita la scuola Adamo. Il sindaco: “Abbiamo installato grate in ferro alle finestre, lavoriamo alla videosorveglianza” Mancata pubblicazione graduatoria alloggi popolari, il gruppo consiliare “Noi Atripalda” presenta interrogazione al sindaco Festeggiamenti San Sabino, tanti fedeli alla messa e processione per il Patrono. Il vescovo Aiello: “viviamo giorni nuvolosi e di caligine”. Il sindaco: “tre giorni intensi, emozionanti, gratificanti”. FOTO Magia e antichi mestieri a Capo la Torre, da domani si alza il sipario su Giullarte Il colonnello Massimo Cagnazzo nuovo Comandante provinciale dei Carabinieri

Condannato a due anni e otto mesi di reclusione il piromane atripaldese arrestato in flagranza di reato

Pubblicato in data: 24/7/2017 alle ore:17:47 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Processo per direttissima per il giovane di Atripalda sorpreso dai carabinieri, nella mattinata dello scorso 22 luglio, mentre era intento ad appiccare un incendio in un bosco di Atripalda. Il trentenne ha rimediato una condanna a due anni e otto mesi di reclusione. Per il giovane era stata chiesta una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione dopo la richiesta di rito abbreviato effettuata dall’avvocato Rolando Iorio difensore del ragazzo.

Ad aggravare la situazione del trentenne anche il suo maldestro tentativo di fuga. Alla vista dei militari, infatti, aveva tentato di nascondersi e di sottrarsi all’arresto ed alla perquisizione personale che aveva portato alla scoperta di un accendino perfettamente funzionante ed ancora caldo.

L’avvocato Iorio è riuscito a far dimezzare la richiesta di condanna avanzata dall’accusa e che il 30enne potesse scontare la pena in regime di arresti domiciliari, vista la mancanza di precedenti penali a suo carico.

Print Friendly

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 Risposte »

  1. SI RITIENE CHE LA PENA DEL PRESUNTO REO DEVE PER LO MENO ESSERE PROPORZIONALE AL DANNO(PRESUNTO)ARRECATO ALTRIMENTI NON VI E’ GIUSTIZIA MA INIQUITA’ (puo’ darsi si voglia fare un po’ di pulizia nel sottobosco per poi recarvisi): mi sembra che la vita umana non venga valutata nel modo adatto(anche io ho cercato di bruciare delle foglie in un canale dove doveva defluire acqua ma poi sono intervenuti i vigili e il lavoro è andato in fumo)
    si guardi che ambiente andrebbe curato altrimenti si diventa un selvatico

  2. accendere le ramaglie quando fa troppo caldo equivale a raddoppiare i disagi alla popolazione! poi carissimo quando secondo te sia possibile arieggiare gli appartamenti? ossigenare i locali in cui si staziona tutto il giorno? ANCHE SE SI HA L’ARIA CONDIZIONATA SE FUORI C’E’ FUMO DENTRO NON SI RESPIRA!!!!! ABBI COMPASSIONE PER ASMATICI!!!! CARDIOPATICI!!!!! NEFROPATICI!!!!!! ANZIANI E BAMBINI E’ TUTTO E MO’ BASTA!!!

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it