Flash news:   Politiche 2018, martedì il governatore De Luca in città per le elezioni del 4 marzo Condanna assessore, l’ira del papà della 19enne: «Nessuna questione politica, non avrei mai strumentalizzato mia figlia. Lo consideravano un amico, avevo fiducia piena». L’amarezza dell’avvocato Biancamaria D’Agostino: «si colpevolizza la vittima». Sul processo: «si celebra nelle aule di giustizia, non sui media e social. Le sentenze vanno rispettate. Nessuna “fretta” nel dibattimento, ma efficienza di un procedimento» Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, l’udienza preliminare per il quinto indagato rinviata al 30 marzo. Il 28 febbraio convocato dalla Commissione disciplinare Addio all’edicolante Carmelina Visone, il ricordo di Lello La Sala Giuliana De Vinco risponde a Noi Atripalda: “No a illazioni, è evidente il mio lavoro attivo” Condanna assessore, il gruppo “Noi Atripalda”: “Vicende di questo tipo non consentirebbero a chiunque di gestire la cosa pubblica e gli interessi collettivi in maniera serena, lucida, asettica e proficua. Mentre il sindaco aspetta di decidere a mente fredda su Moschella, De Vinco e Troisi la nostra amata città muore” Il Consorzio A5 presenta i progetti “Vita Indipendente” e “Dopo di Noi” per persone con disabilità: pronti i bandi per i fondi. FOTO Sidigas subito fuori dalle Final Eight: Cremona vince 82-89 all’overtime Condanna Troisi, il Prc: “Le dimissioni dell’assessore ai Lavori Pubblici sono doverose e improrogabili” Condanna assessore Troisi, parla il difensore Chieffo: «Antonio si proclama innocente. E’ una sentenza di primo grado e siamo pronti a ricorrere in appello. C’è stata gestione frettolosa del dibattimento, sentenza che non condividiamo in nessun passaggio». L’invito del sindaco: «La questione è delicata e privata e merita cautela da parte di tutti. Eventuali valutazioni verranno fatte a mente fredda e successivamente»

Nigeriano tenta di avvicinare una ragazzina per corteggiarla in piazza, i genitori chiamano i Carabinieri

Pubblicato in data: 22/9/2017 alle ore:14:15 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Tenta di avvicinare una ragazzina per corteggiarla ma dopo l’intervento dei genitori viene bloccato e poi identificato di Carabinieri.
Il movimentato episodio si è verificato ieri sera, intorno alle ore 19, nella piazza principale della cittadina del Sabato.
Un giovane nigeriano di circa vent’anni ospite in un centro di accoglienza cittadino aveva da alcuni giorni adocchiato una ragazza 16enne del luogo. Dopo un primo approccio per conoscerla la sera prima, ieri rivendendola nei pressi del monumento ai caduti di piazza Umberto I, ha tentato di fermarla per conoscerla e poterla corteggiare. La lingua parlata diversa, l’inglese per il giovane, e un tentativo non riuscito di stringerle la mano, dandole il cinque, ha allarmato non poco la ragazzina che ha subito allertato i genitori che si trovavano lì vicino.
La giovane che è riuscita ad allontanarsi alquanto impaurita ha raccontato tutto ai genitori, che hanno chiamato i Carabinieri. L’episodio ha allarmato non poco i presenti a quell’ora nel cuore della città.
Il giovane è stato così bloccato dai Carabinieri della locale stazione, guidati dal comandante Costantino Cucciniello, e portato negli uffici investigativi per l’identificazione di sorta.
Dagli accertamenti è emerso che la giovane aveva raccontato ai genitori di essere stata avvicinata, mentre passeggiava in piazza, dal giovane i colore l’aveva provata a conoscerla. Una volta vicini il giovane di colore avrebbe provata a toccarla secondo i presenti, ma la minore è riuscita ad allontanarsi  e ha raccontato tutto alla madre e al papà.
Nel corso degli accertamenti i gli uomini della Benemerita hanno, tra l’altro, raccolto testimonianze e dopo aver identificato il giovane, lo hanno ascoltato per ricostruire nei dettagli quanto  accaduto.
Il giovane, avrebbe raccontato, che mentre voleva dare il cinque, in una sorta di “give me five” ha preso la spalla delle giovane, che nel frattempo si era riuscita ad allontanare.
I genitori hanno tranquillizzato la propria figlia. Il giovane di colore, dopo l’identificazione, è stato lasciato libero dai carabinieri, non essendo stata presentata alcuna denuncia da parte dei genitori.
Le indagini proseguono per individuare altri eventuali casi.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 Risposte »

  1. Viaaaaaaa ! Dov è il sindaco???

  2. Mandiamoli viaaaaaa

  3. Accogliete, accogliete…prima i bambini si lasciavano in.piazza ed in villa da soli, adesso siamo prigionieri in. Casa! Hanno perso la loro liberta’…Grazie per averci imprigionato

  4. AD ATRIPALDA L’IGNORANZA REGNA. ESEMPIO ECLATANTE DI RAZZISMO. CHE COSA HA FATTO DI MALE QUESTO RAGAZZO ? AVEVA LA PELLE NERA? IO VEDO UN SEMPLICE RAGAZZO CHE VUOLE CORTEGGIARE UNA RAGAZZA. A QUESTO PUNTO MI CHIEDO:” QUALORA IL RAGAZZO NON AVESSE AVUTO LA PELLE NERA LA RAGAZZINA SAREBBE CORSA A CHIEDERE AIUTO AI GENITORI O SI SAREBBE GODUTA IL MOMENTO FELICE
    PER L’ATTENZIONE DI UN RAGAZZO ??
    MA ORMAI E’ UNA CAUSA PERSA, LEGGERE CHE NON SI POSSONO LASCIARE I PROPRI FIGLI IN PIAZZA PER COLPA DELLE PERSONE DI COLORE E’ LA COSA PIU’ TRISTE E BECERA CHE IO POTESSI LEGGERE.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it