Flash news:   Lotta all’evasione tributaria, il Comune avvia un censimento sulle utenze non domestiche per la Tari Sgominata dai Carabinieri pericolosa banda dedita ai furti di auto: oltre 30 quelle rubate La Sidigas Scandone saluta la città Stasera al via la XII edizione del “Memorial Simone Casillo” Si ferma ai quarti di finale play off la stagione della Sidigas Avellino Costerà oltre 26mila euro la nuova installazione dell’autovelox sulla Variante 7bis Vittoria con il cuore a Terni: l’Avellino è salvo “Ambiente Territorio Salute”, tavola rotonda nel ricordo di Biagio Venezia domani al liceo atripaldese Nasce “Diver-T9”, la manifestazione per ricordare Tosco Alberto Matarazzo. Domani la I edizione Alla Sidigas Scandone Avellino non riesce il colpo esterno in Gara3

Riqualificata la facciata di Palazzo di Città. Il sindaco: “mai vista così bella”. Messa in sicurezza la chiesa del Carmine, don Ranieri: “ora aiuto dai fedeli”. FOTO

Pubblicato in data: 24/9/2017 alle ore:11:50 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Riqualificata la facciata di Palazzo di città mentre si procede alla messa in sicurezza della facciata della chiesa del Carmine. Per un ponteggio che dopo anni viene rimosso facendo riammirare nel suo antico splendore la facciata del Municipio, interessata da lavori di riqualificazione a seguito del distacco di alcuni pezzi di intonaco, in via Roma viene alzato un nuovo ponteggio a sicurezza dei fedeli.
Il taglio del nastro di Giullarte, il festival internazionale di artisti di strada e antichi mestieri, è stato anche l’occasione per poter presentare la nuova facciata del Municipio, illuminata per l’occasione da luci tricolori.
Il sindaco Geppino Spagnuolo, sul proprio profilo di Facebook, ha pubblicato una foto della nuova facciata come sua immagine di copertina: “mai vista così bella“.
Dopo quattro anni e mezzo si è così completata la messa in sicurezza che ha interessato il restauro della facciata, il rifacimento degli infissi, il ripristino dei canali di gronda e delle discese pluviali e la revisione del manto di copertura. L’intervento è stato finanziato dalla Cassa depositi e prestiti per l’importo complessivo di € 180.000,00, somme che sono state impegnate non solo per il restauro del Comune ma anche per procedere alla messa in sicurezza Palazzo Caracciolo e consentire di riaprire la vicinale Orto dei Preti, chiusa dalla nevica del 2012 che sta creando non pochi disagi ai residenti.
I lavori di restauro della facciata del Palazzo Civico e quelli di messa in sicurezza del Palazzo Caracciolo sono stati aggiudicati alla ditta Samo Costruzioni di Ospedaletto d’Alpinolo che ha effettuato un ribasso del 27,89% sull’importo dei lavori a base di gara pari a € 129.571,19. Con la conclusione dei lavori è stato rimosso anche il ponteggio davanti al Municipio la cui installazione fu necessaria a seguito dei continui distacchi di parti di intonaco dal cornicione e al fine di consentire a tutti un accesso sicuro agli uffici del Comune.
La messa in sicurezza di Palazzo Caracciolo consentirà invece la riapertura della strada via Orto dei Preti chiusa dalla nevicata del marzo 2012 che portò alla rottura di un ramo di uno dei due cedri monumentali che si trovano nei giardini della nobile dimora che provocò il crollo di una parte della copertura in tegole. Qui l’intervento avverrà attraverso l’imbracatura di alcune quinte murarie con placche e tiranti.
«Come è noto per il restauro della facciata del Palazzo Civico fu contratto un mutuo pari ad euro 180mila che per la verità comprende i lavori di messa in sicurezza di Palazzo Caracciolo anche quelli già incominciati nel mese di aprile – commenta l’ex assessore ai Lavori pubblici Lello Barbarisi -. Purtroppo un rallentamento dovuto al rilascio dell’autorizzazione sismica da parte del Genio Civile ancora non ne consentono il completamento. Sono tuttavia fiducioso che entro l’inverno anche questi saranno ultimati e conseguentemente si potrà procedere alla riapertura della strada Orto dei Preti la cui chiusura arreca continui disagi i ai residenti delle contrade rurali. Ovviamente vedere la facciata del Palazzo Civico sgomberata del ponteggio dopo alcuni anni mi fa immensamente piacere. Un risultato che si è ottenuto grazie all’impegno della precedente amministrazione ed a quello dei funzionari dell’Ufficio tecnico e del dottor Paolo De Giuseppe che insieme al sindaco e all’assessore Landi per il perfezionamento del mutuo si recarono a Roma presso gli uffici della Cassa Depositi e Prestiti. Naturalmente è nella logica delle cose che opere già avviate da un’amministrazione siano poi inaugurate da una successiva. Da questo punto di vista, siccome sono tante le opere progettate e pianificate il mio auspicio e che l’amministrazione di Geppino Spagnuolo possa ancora continuare ad inaugurarne».
Per un’impalcatura che si toglie ne compare un’altra in città per mettere in sicurezza la facciata della chiesa del Carmine di via Roma.
Facciata giorni fa dalla quale si sono staccati pezzi di calcinacci tanto da richiedere il tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco di Avellino. Fortunatamente al momento del distacco dei pezzi nessun fedele era nei pressi dell’edificio religioso. I pezzi pericolanti sono stati rimossi. «Per ora la facciata è stata messa in sicurezza per consentire l’accesso dei fedeli dalla porta principale – spiega don Ranieri Picone, parroco della chiesa – poi si avvieranno tutte le pratiche necessarie per richiedere il finanziamento con i fondi dell’otto per mille ma certamente bisogna che la comunità faccia la sua parte mettendo anche la sua quota. E già molti fedeli in questi giorni stanno offrendo offerte volontarie già per costituire un fondo per poter poi partire e procedere nei lavori. Per tarda primavera contiamo di terminare il lavoro di riqualificazione della facciata che dovrebbero iniziare nel mese da marzo».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 3,67 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. a Cesare quel che …. è di Cesare!

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it