alpadesa
alpadesa
  
Flash news:   Incontro sul tema “Sfide tecnologiche e nuove professionalità: analisi e prospettive” questa mattina al liceo De Caprariis All’Istituto Comprensivo di Atripalda l’USR cerca un reggente fino al 10 gennaio La società Abellinum Calcio 2012 scrive a Babbo Natale: “perché il sindaco non risponde” Tre eventi musicali di prestigio in città sotto la direzione dell’Associazione Stravinsky Laurea Giusy Picardi, gli auguri della famiglia Matteo Dionisi nuovo tesserato dell’Avellino Mentre il prete celebra la messa nella chiesa del Carmine gli rubano soldi e cellulare. Primavera Irpinia: “troppi furti, la stazione dei Carabinieri va potenziata” All’alba straripa di nuovo il Fenestrelle: strada chiusa sul ponte delle Filande. FOTO Convocato il Consiglio Comunale in seduta straordinaria per mercoledì mattina L’Atripalda Volleyball chiude l’anno con una sconfitta: ad Avellino vince Tricase 3 a 0

Abusi edilizi, tre tecnici comunali dal Gup il 18 gennaio

Pubblicato in data: 8/10/2017 alle ore:10:14 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Un Centro commerciale al posto di un vecchio opificio in via Roma, in sei davanti al Gup.
Si tratta di tre tecnici comunali (S.A. in qualità di responsabile del settore, R.R. e R.N. come responsabili del procedimento) il committente dei lavori e due tecnici progettisti.
Sotto la lente della magistratura sono finiti i lavori di demolizione parziale e ricostruzione dell’immobile. Secondo l’accusa il nuovo edificio sarebbe stato realizzato ad una distanza inferiore a dieci metri dall’edificio preesistente che si trova al lato della nuova costruzione.
Di qui il procedimento in aula.
L’accusa è di abuso in concorso in atti d’ufficio su istigazione del richiedente la licenza. In aula il 18 gennaio.
Il Gup, Cecilia De Angelis, vuole il giudizio per violazione delle norme urbanistiche e per gli abusi dei tecnici comunali.
Sia la riduzione del numero delle unità immobiliari autorizzate (da 48 a 44) sia la conseguente modifica della distribuzione interna degli spazi e il ridotto numero di attività commerciali, passate da otto a quattro, avrebbero travalicato ciò he la variante concessa dal Comune prevedeva.
Per l’imprenditore e i suoi due progettisti, oltre che per i titolari dell’impresa esecutrice dei lavori, la contestazione è relativa agli illeciti di natura penale. La norma prevede la demolizione dei manufatti costruiti in difformità.
Il legale dell’imprenditore Rubicondo, l’avvocato Raffaele Tecce,  ha ottenuto che il consulente tecnico del giudizio delle udienze preliminari sia ascoltato nell’udienza di gennaio sui recenti interventi giurisprudenziali  in questa particolare materia urbanistica.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it