sabato 16 dicembre 2017
Flash news:   L’affondo dell’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “L’amministrazione dell’a.d.r.: a domanda rispondono, altrimenti sonnecchiano” Doppia notte bianca oggi e domani in centro per “Natale 2017, shopping in allegria” Inchiesta Money Gate: la Procura chiede retrocessione in C e tre punti di penalizzazione per l’Avellino Sacripanti: “A Pesaro stessa intensità e qualità di gioco di mercoledì sera” Ex guardia giurata spacciava droga, la Polizia arresta 37enne atripaldese Novellino: «Contro l’Ascoli partita da sei punti» Curva Sud: «Società incapace, d’ora in poi sostegno incondizionato alla squadra» La Sidigas batte la capolista Besiktas in Champions League. FOTO “Festa dei Popoli”, l’affondo di Giovanni Ardolino: “solo vetrina propagandistica di certa sinistra italiana e atripaldese” Truffatore seriale napoletano arrestato dai Carabinieri di Atripalda

Sosta breve gratuita, il delegato Musto: “invariati gli introiti”. L’ex sindaco attacca: “si favoriscono i furbi”

Pubblicato in data: 8/10/2017 alle ore:09:32 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo

E’ scontro sulla sosta a pagamento nella cittadina del Sabato. Mentre l’Amministrazione Spagnuolo si dichiara soddisfatta sul primo quarto d’ora gratis, l’esperimento introdotto per «venire incontro a tutti i cittadini che effettuano soste brevi con un ricambio veloce dei veicoli, favorendo, inoltre, il lavoro delle attività commerciali in un momento storico caratterizzato da una profonda crisi economica», il gruppo consiliare “Noi Atripalda” critica l’esperimento.
La Giunta Comunale guidata dal sindaco Geppino Spagnuolo nel mese di agosto ha infatti approvato all’unanimità e in via sperimentale, la concessione dei primi 15 minuti di sosta gratis in tutte le zone della città. Esponendo l’apposito tagliando gli automobilisti sono esentati dal rispetto delle zone di sosta a pagamento per i primi 15 minuti, parcheggiando quindi gratuitamente nelle aree prestabilite.
Un esperimento a tempo che starebbe dando i primi risultati positivi secondo l’Amministrazione in quanto gli incassi mensili sarebbero in linea con quelli dello scorso anno, quando non era in vigore il prima quarto d’ora gratis, come afferma il delegato al Commercio, Annona e Traffico Mirko Musto: «Fino al 31 ottobre sarà effettuato questo esperimento, poi vedremo se rinnovarlo. Per come sta procedendo, sta rispondendo bene. Perché dai primi dati sull’incasso del 2017 rispetto al 2016, quando il quarto d’ora non c’è, lo scostamento è minimo. Questo perché abbiamo intensificato i controlli sulle aree di sosta  a pagamento, dotando i vigilini di biciclette per controllare tutte le strade in modo più frequente e rapido. Gli automobilisti hanno capito che ci sono più controlli e quasi tutti ora pagano il ticket. Con il quarto d’ora abbiamo dato più libertà agli utenti e aiutato il commercio. I controlli oggi sono molto rigidi per cui non abbiamo perso nulla come incassi ma c’è solo una differenza minima».
Un provvedimento prò criticato in Consiglio comunale dall’ex sindaco Paolo Spagnuolo del gruppo “Noi Atripalda”, che in attesa di conoscere il dato definitivo, ha evidenziato come il provvedimento avrebbe una ricaduta negativa sulle casse comunali, con i conti già in rosso, visto che il Rendiconto di gestione 2016 chiude con un disavanzo pari a 2 milioni e 700mila euro: «sul commercio l’unico intervento svolto ha riguardato la sosta gratuita i primi quindici minuti. Tra qualche mese però quella delibera – attacca l’ex primo cittadino -, che impatta sul bilancio, risulterà illegittima perché doveva avere la firma del parere di conformità contabile da parte dei responsabili di settore. Gli stessi assessori, nel deliberato, aveva previsto che il minore introito fosse compensato da maggiori controlli, e quindi già sapevano ed erano a conoscenza dei minori introiti. Inoltre per adeguare i parcometri a questa nuova disposizione ci sono voluti 1200 euro. Altro che delibera di mero indirizzo che invece ha avuto una ricaduta sul bilancio. Credo perciò che questa iniziativa ha solo favorito i furbi».

Il delegato Musto è anche al lavoro sul nuovo bando per il controllo della sosta a pagamento. «Ci sto già lavorando da settimane – conclude il delegato – al bando per l’affidamento dei controlli della sosta a pagamento e penso che sarà pronto entro fine mese o all’inizio del mese di novembre». Tra l’altro si prevede l’installazione di parcometri che consentano il pagamento del ticket con il bancomat.
Ma proprio sul nuovo bando per il servizio di sosta a pagamento, l’ex assessore al Bilancio Mimmo Landi ha presentato un’interrogazione scritta al sindaco chiedendone i tempi di pubblicazione.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 Risposte »

  1. geppino è un grande??

  2. Se volete essere ancora piu’ bravi, come leggo vi ritenete, trovate il modo affinchè i commercianti non occupino “abusivamente” posti a pagamento sottraendo possibilità di parcheggio agli onesti cittadini che hanno pagato l’abbonamento.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it