Flash news:   Inchiesta Money Gate: la Procura chiede retrocessione in C e tre punti di penalizzazione per l’Avellino Sacripanti: “A Pesaro stessa intensità e qualità di gioco di mercoledì sera” Ex guardia giurata spacciava droga, la Polizia arresta 37enne atripaldese Novellino: «Contro l’Ascoli partita da sei punti» Curva Sud: «Società incapace, d’ora in poi sostegno incondizionato alla squadra» La Sidigas batte la capolista Besiktas in Champions League. FOTO “Festa dei Popoli”, l’affondo di Giovanni Ardolino: “solo vetrina propagandistica di certa sinistra italiana e atripaldese” Truffatore seriale napoletano arrestato dai Carabinieri di Atripalda “Uno stile di vita come prevenzione e cura”, domani sera convegno nella chiesa di San Nicola da Tolentino “Irpinia, Musica e Castelli” di scena ad Atripalda sabato con un concerto nella chiesa madre

Accusata di furto in Chiesa, il Riesame scarcera una 27enne di Atripalda

Pubblicato in data: 1/11/2017 alle ore:14:15 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Il Tribunale del Riesame di Napoli, 8^ Sezione, ha annullato l’ordinanza cautelare in carcere emessa lo scorso 10 Ottobre dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Avellino, su richiesta della locale Procura.

I fatti risalgono al mese di Febbraio del 2017 allorquando un cinquantenne di Atripalda, B.S., si reca nella locale stazione dei Carabinieri a denunciare il furto del suo portafogli, sottratto, a detta del derubato, da una donna che, introdottasi nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie di Atripalda, ed approfittando della circostanza che l’uomo era occupato a togliere gli addobbi di Natale, con mossa fulminea, si era impossessata del suo portafogli che si trovava all’interno del giubbino, appoggiato su di una panca.

La donna, immediatamente, faceva perdere le proprie tracce.

B.S., recatosi dai Carabinieri e visionato un album fotografico, riconosceva senza ombra di dubbio in una giovane donna di Atripalda, A.A., ventisettenne, l’autrice del furto.

La giovane, infatti, già nota alle Forze dell’Ordine, stava scontando in detenzione domiciliare una condanna per estorsione, con la possibilità di uscire di casa per due ore al giorno per attendere alle basilari esigenze di vita.

Proprio approfittando del tempo concessole la donna, secondo l’assunto accusatorio, avrebbe commesso il furto ai danni del cinquantenne.

Nella giornata di ieri, il Tribunale del Riesame di Napoli, 8^ Sezione, aderendo in pieno alle tesi difensive avanzate dal legale di fiducia della giovane, l’avvocato penalista Rolando Iorio, ha annullato l’ordinanza cautelare per insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza, disponendo l’immediata scarcerazione della giovane.

I Giudici di Napoli, infatti, non hanno ritenuto sufficiente il quadro indiziario a carico della donna, avallando le argomentazioni difensive propugnate dal legale.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it