Flash news:   “Vie dello shopping”, le Fiamme Gialle sorvegliano i saldi: 16 attività sanzionate di cui 4 ad Atripalda Serie B, l’Atripalda Volleyball ha il suo cecchino: è Nicola Salerno il nuovo opposto Questione stadio e rimborso abbonamenti, Taccone scrive Marinelli e Preziosi si complimentano con De Cesare ma bacchettano il sindaco Ciampi attraverso una nota Stanotte e domani rifacimento della segnaletica orizzontale lungo Via Appia La Green Volley riparte da Vincenzo D’Onofrio: “Impossibile dire no alla competenza della famiglia Matarazzo” Dipendente “infedele” ruba rame dall’azienda dove lavora: denunciato dai Carabinieri De Cesare nuovo proprietario dell’Avellino calcio Meccanico di 64 anni si toglie la vita all’interno della sua officina di Atripalda Serie B, l’Atripalda Volleyball abbassa la saracinesca: dalla serie A ritorna il libero Emanuele Marra

Condannato per furto in Primo Grado, prosciolto in Appello

Pubblicato in data: 10/11/2017 alle ore:18:10 • Categoria: CronacaStampa Articolo

S.C. trentaduenne pluripregiudicato Atripaldese era stato tratto a giudizio innanzi al Tribunale Monocratico di Avellino per rispondere del reato di furto pluriaggravato ai danni di un’attività commerciale di Chiusano San Domenico, paese della provincia di Avellino. Infatti, una mattina del mese di ottobre dell’anno 2005, il proprietario di un supermarket sito nella piazza del comune di Chiusano San Domenico si era reso conto che ignoti, nel corso della notte, avevano messo a segno un furto proprio ai danni del suo esercizio commerciale, asportando il registratore di cassa, assegni e denaro in contante per l’importo di circa cinquemila euro.
A seguito dell’intervento del Nucleo operativo dei carabinieri di Avellino, venivano effettuati esami dattiloscopici che individuavano S.C., pluripregiudicato trentaduenne Atripaldese, quale responsabile del furto aggravato e, da qui, l’imputazione per il reato di furto pluriaggravato, punito con la pena da 3 a 10 anni. Dopo una lunga istruttoria dibattimentale, S.C. veniva condannato in primo grado dal Tribunale Monocratico di Avellino – in persona del dr. Sergio Ceraso – alla pena di anni 2 di reclusione.
Avverso tale sentenza proponeva appello sia la difesa di S.G. – affidata all’avvocato penalista Mauro Alvino – sia la Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli la quale aveva ritenuto troppo mite la pena inflitta al trentaduenne Atripaldese.
Stamane, la Sesta sezione della Corte di Appello di Napoli – accogliendo in pieno la tesi difensiva dell’avv. Mauro Alvino e disattendendo del tutto l’appello avanzato dalla Procura Generale – proscioglieva S.G. dal reato ascritto escludendo l’aggravante – così come richiesto dalla difesa – e dichiarando non doversi procedere per intervenuta prescrizione del reato.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it