sabato 25 novembre 2017
Flash news:   Edifici costruiti in via San Giacomo su un canale demaniale e privi di autorizzazione da 40 anni, il Genio Civile avvia un accertamento. Il sindaco: “individuato il procedimento di sanatoria” Serie C, l’Atripalda Volleyball rialza la testa: battuto Nola 3 a 1 Danni da cinghiali, l’associazione PrimaveraIrpinia Atripalda chiede un intervento Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni da Atripalda chiude la porte al dialogo con il Pd: «Il centrosinistra non c’è più, stiamo lavorando ad una lista della sinistra con un programma di discontinuità da quello di questi anni». FOTO Terza edizione del premio dedicato a Pasquale Campanello, il procuratore capo Cantelmo: “gli indifferenti aiutano la camorra”. FOTO Sacripanti: “questa vittoria ci dà grande fiducia per il futuro” La Sidigas Scandone Avellino batte Milano ed espugna il Mediolanum Forum Lectio Magistralis del professor Sabino Cassese al liceo di Atripalda: «la democrazia è in crisi ma la crisi fa bene alla democrazia perché crea anticorpi che possono servire a superare le crisi». FOTO Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, luminarie uniformi in via Roma e cartellone degli eventi per il Natale Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: il Gip convalida l’arresto e il 42enne resta in carcere

Condannato per furto in Primo Grado, prosciolto in Appello

Pubblicato in data: 10/11/2017 alle ore:18:10 • Categoria: CronacaStampa Articolo

S.C. trentaduenne pluripregiudicato Atripaldese era stato tratto a giudizio innanzi al Tribunale Monocratico di Avellino per rispondere del reato di furto pluriaggravato ai danni di un’attività commerciale di Chiusano San Domenico, paese della provincia di Avellino. Infatti, una mattina del mese di ottobre dell’anno 2005, il proprietario di un supermarket sito nella piazza del comune di Chiusano San Domenico si era reso conto che ignoti, nel corso della notte, avevano messo a segno un furto proprio ai danni del suo esercizio commerciale, asportando il registratore di cassa, assegni e denaro in contante per l’importo di circa cinquemila euro.
A seguito dell’intervento del Nucleo operativo dei carabinieri di Avellino, venivano effettuati esami dattiloscopici che individuavano S.C., pluripregiudicato trentaduenne Atripaldese, quale responsabile del furto aggravato e, da qui, l’imputazione per il reato di furto pluriaggravato, punito con la pena da 3 a 10 anni. Dopo una lunga istruttoria dibattimentale, S.C. veniva condannato in primo grado dal Tribunale Monocratico di Avellino – in persona del dr. Sergio Ceraso – alla pena di anni 2 di reclusione.
Avverso tale sentenza proponeva appello sia la difesa di S.G. – affidata all’avvocato penalista Mauro Alvino – sia la Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli la quale aveva ritenuto troppo mite la pena inflitta al trentaduenne Atripaldese.
Stamane, la Sesta sezione della Corte di Appello di Napoli – accogliendo in pieno la tesi difensiva dell’avv. Mauro Alvino e disattendendo del tutto l’appello avanzato dalla Procura Generale – proscioglieva S.G. dal reato ascritto escludendo l’aggravante – così come richiesto dalla difesa – e dichiarando non doversi procedere per intervenuta prescrizione del reato.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it