Flash news:   Politiche 2018, martedì il governatore De Luca in città per le elezioni del 4 marzo Condanna assessore, l’ira del papà della 19enne: «Nessuna questione politica, non avrei mai strumentalizzato mia figlia. Lo consideravano un amico, avevo fiducia piena». L’amarezza dell’avvocato Biancamaria D’Agostino: «si colpevolizza la vittima». Sul processo: «si celebra nelle aule di giustizia, non sui media e social. Le sentenze vanno rispettate. Nessuna “fretta” nel dibattimento, ma efficienza di un procedimento» Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, l’udienza preliminare per il quinto indagato rinviata al 30 marzo. Il 28 febbraio convocato dalla Commissione disciplinare Addio all’edicolante Carmelina Visone, il ricordo di Lello La Sala Giuliana De Vinco risponde a Noi Atripalda: “No a illazioni, è evidente il mio lavoro attivo” Condanna assessore, il gruppo “Noi Atripalda”: “Vicende di questo tipo non consentirebbero a chiunque di gestire la cosa pubblica e gli interessi collettivi in maniera serena, lucida, asettica e proficua. Mentre il sindaco aspetta di decidere a mente fredda su Moschella, De Vinco e Troisi la nostra amata città muore” Il Consorzio A5 presenta i progetti “Vita Indipendente” e “Dopo di Noi” per persone con disabilità: pronti i bandi per i fondi. FOTO Sidigas subito fuori dalle Final Eight: Cremona vince 82-89 all’overtime Condanna Troisi, il Prc: “Le dimissioni dell’assessore ai Lavori Pubblici sono doverose e improrogabili” Condanna assessore Troisi, parla il difensore Chieffo: «Antonio si proclama innocente. E’ una sentenza di primo grado e siamo pronti a ricorrere in appello. C’è stata gestione frettolosa del dibattimento, sentenza che non condividiamo in nessun passaggio». L’invito del sindaco: «La questione è delicata e privata e merita cautela da parte di tutti. Eventuali valutazioni verranno fatte a mente fredda e successivamente»

Minaccia di darle fuoco se non asseconda le sue richieste: 64enne arrestato dai Carabinieri di Atripalda

Pubblicato in data: 13/11/2017 alle ore:14:10 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Tentata violenza sessuale e lesioni personali aggravate: queste le accuse che hanno portato all’arresto di un 64enne di Candida (AV) che era solito frequentare l’abitazione della vittima, in quanto amico di famiglia di vecchia data.

Nella mattina di ieri, i Carabinieri della Stazione di Atripalda sono intervenuti in San Potito Ultra a seguito di segnalazione al “112” di un’aggressione subita da una donna del luogo.

Giunti presso l’abitazione indicata, i militari accertavano la fondatezza dei fatti.

La vittima, con evidenti lesioni al volto, confortata dalla presenza delle uniformi dell’Arma e vincendo con forza l’imbarazzo, racconta dolorante ai militari dell’aggressione subita poco prima da parte del conoscente che era entrato in casa portando con se due taniche di benzina ed una busta con all’interno un bastone di legno, una coperta e delle corde. Approfittando del fatto che in casa non vi erano altre persone, avrebbe quindi tentato di abusare di lei, minacciandola con una pistola. E se non ubbidiva l’avrebbe legata e dato fuoco.

Fortunatamente, udendo il campanello di casa, l’uomo desisteva dal suo intento e, dopo aver preso le sue cose, scappava via.

Scossa da quanto subito, la donna veniva quindi accompagnata presso l’ospedale di Avellino ove le venivano riscontrate lesioni con prognosi di 30 giorni.

Nel corso del sopralluogo eseguito presso l’abitazione della malcapitata, i Carabinieri rinvenivano la bicicletta dell’uomo nonché un bustone con all’interno una coperta, due taniche di benzina, 6 corde in nylon con cappio nonché un bastone di legno con all’estremità del tessuto imbevuto di liquido infiammabile.

Prontamente altri militari si portavano presso la dimora del presunto aggressore ove, all’interno di un secchio, rinvenivano una pistola, risultata essere di tipo giocattolo e priva di tappo rosso, verosimilmente utilizzata durante l’azione criminosa.

Sviluppando tutte le informazioni fornite, ivi compresi quei dettagli apparentemente poco significativi i Carabinieri, che nel frattempo organizzavano una battuta riuscendo a catturare il 64enne, nel tardo pomeriggio, alla luce del quadro indiziario composto dalle evidenze raccolte nonché dalla dettagliata denuncia della donna, lo traevano in arresto e, successivamente alle formalità di rito svolte presso i Caserma, l’associavano presso la Casa Circondariale di Bellizzi Irpino su disposizione della Procura della Repubblica Avellino diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. i nomi e cognomi di chi delinque per quale motivo non vengono scritti negli articoli che si pubblicano ?Se si vuole informare si fa in toto , non parzialmente ! BASTA SCRIVERE IN MANCANZA , è ORA DI FINIRLA !

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it