alpadesa
  
Flash news:   Troisi si dimette da assessore e consigliere comunale, nota del sindaco e del capogruppo di maggioranza Politiche 2018, martedì il governatore De Luca in città per le elezioni del 4 marzo Condanna assessore, l’ira del papà della 19enne: «Nessuna questione politica, non avrei mai strumentalizzato mia figlia. Lo consideravano un amico, avevo fiducia piena». L’amarezza dell’avvocato Biancamaria D’Agostino: «si colpevolizza la vittima». Sul processo: «si celebra nelle aule di giustizia, non sui media e social. Le sentenze vanno rispettate. Nessuna “fretta” nel dibattimento, ma efficienza di un procedimento» Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, l’udienza preliminare per il quinto indagato rinviata al 30 marzo. Il 28 febbraio convocato dalla Commissione disciplinare Addio all’edicolante Carmelina Visone, il ricordo di Lello La Sala Giuliana De Vinco risponde a Noi Atripalda: “No a illazioni, è evidente il mio lavoro attivo” Condanna assessore, il gruppo “Noi Atripalda”: “Vicende di questo tipo non consentirebbero a chiunque di gestire la cosa pubblica e gli interessi collettivi in maniera serena, lucida, asettica e proficua. Mentre il sindaco aspetta di decidere a mente fredda su Moschella, De Vinco e Troisi la nostra amata città muore” Il Consorzio A5 presenta i progetti “Vita Indipendente” e “Dopo di Noi” per persone con disabilità: pronti i bandi per i fondi. FOTO Sidigas subito fuori dalle Final Eight: Cremona vince 82-89 all’overtime Condanna Troisi, il Prc: “Le dimissioni dell’assessore ai Lavori Pubblici sono doverose e improrogabili”

Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: 42enne in manette

Pubblicato in data: 16/11/2017 alle ore:13:48 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Maltrattamenti, danneggiamenti e ripetute minacce finanche di morte: questo è il triste scenario che si è parato di fronte ai militari del Comando Stazione Carabinieri di Atripalda dopo una richiesta di intervento da parte di una mamma, sfinita dalle continue ed incessanti vessazioni poste in essere nei suoi confronti dal figlio 42enne, non nuovo a tali comportamenti.

Vessazioni ed umiliazioni cui però è stato posto un punto, grazie al coraggio della vittima ed alla professionalità dei Carabinieri.

Nel pomeriggio di ieri una pensionata di Atripalda, visibilmente sconvolta, si è recata presso il locale Comando Stazione e, in crisi di pianto, chiedeva l’aiuto dell’Arma perché il figlio l’aveva aggredita e stava distruggendo la casa. Confortata, la donna, vincendo con forza la disperazione, raccontava al Comandante che con il passar degli anni, ed in particolare da quando è uscito di galera, i rapporti con il figlio convivente sono notevolmente peggiorati. L’uomo, 42enne nullafacente, da tempo pretendeva dalla madre 20 euro al giorno minacciando, qualora non avesse accettato, l’incolumità di lei nonché di fare danni alla casa.

La donna, disperata, ne parlava con l’altro figlio che, per il quieto vivere, la rassicurava dicendole che l’avrebbe aiutata economicamente in quanto, anche non l’intera pensione, non poteva far fronte alla richiesta.

Ieri mattina, nel consegnargli i 20 euro, tentava di fargli comprendere che non poteva continuare a dargli tale somma. Quindi usciva, avvisando la madre che era meglio per lei non farsi ritrovare a casa.

Dopo qualche ora, rincasando, trovava l’appartamento a soqquadro ed il figlio, esagitato, che, continuando a rompere mobili e suppellettili, le lanciava contro una sedia e l’inseguiva per aggredirla.

Ricevuta quell’accorata richiesta di giustizia, i Carabinieri tempestivamente si portavano presso l’abitazione in argomento dove sorprendevano il 42enne nei pressi del portone d’ingresso con evidenti ferite alle mani ancora sanguinanti.

Tranquillizzato e condotto in Caserma, alla luce del quadro indiziario, composto dalle evidenze raccolte nonché dalla coraggiosa e drammatica denuncia della mamma, l’uomo è stato tratto in arresto poiché ritenuto responsabile dei reati di estorsione e maltrattamenti in famiglia.

Espletate le formalità di rito per lui, come disposto dalla Procura della Repubblica di Avellino diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo, si sono riaperte le porte della Casa Circondariale di Bellizzi Irpino.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 4,50 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it