Flash news:   Via libera dall’Anas all’installazione dell’autovelox sulla Variante: sarà spostato di 150 metri più avanti. Parla l’assessore Musto Conclusa la potatura dei platani parla la delegata Anna De Venezia: “abbiamo scelto la salute degli alberi realizzando una potatura più leggera” Mancanza del certificato di agibilità per pubblico spettacolo e dell’autorizzazione del sindaco, scoppia il caso della palestra “Adamo” dopo la lite di sabato e la denuncia dei Carabinieri. Il sindaco: “Stiamo percorrendo l’iter per far acquisire alla struttura i requisiti necessari” Atripalda Volleyball, per la serie D sfuma il sogno promozione: passa il San Marzano Sacripanti: “traguardo storico per la squadra e la città” La Sidigas Scandone Avellino raggiunge la finale di FIBA Europe Cup Serie C, lo scontro diretto è dell’Atripalda Volleyball: Colli Aminei si arrende al tie-break Frosinone amaro per i lupi, finisce 0-2 al Partenio-Lombardi Rissa a fine gara tra gli atleti dell’Atripalda Volleyball e la New Volley San Marzano nella finale per la serie C. FOTO Serie D, Green Volley The Marcello’s la salvezza è conquistata: battuto il Volalto ed esplode la gioia

In piazza Sparavigna le abbondanti piogge creano un lago, il sindaco: “interverremo”

Pubblicato in data: 24/2/2018 alle ore:10:50 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Una piazza che si allaga puntualmente con le abbondanti piogge. Lo slargo ubicato nella parte retrostante della Dogana dei Grani, che doveva rappresentare la porta d’accesso alla villa comunale e alla biblioteca, facendo da trait d’union tra piazza Umberto e il polo culturale, con l’arrivo del maltempo regolarmente si inonda. Stiamo parlando di piazza Sparavigna dove si forma un’enorme pozzanghera di acqua proprio all’ingresso della villa comunale creando notevoli disagi agli utenti, ai pedoni ma anche agli automobilisti che parcheggiano le proprie auto nello spiazzo che attende da tempo una rinascita e una riqualificazione che stenta però ad arrivare.
Le forti piogge creano infatti in poco tempo un lago che rende l’asfalto viscido e pieno di buche rese invisibili dall’allagamento della strada.
Una situazione di abbandono denunciata tempo fa già da Sinistra Italiana Atripalda che scriveva: «Esiste, in “bella” mostra nel pieno centro cittadino, una condizione di grande degrado che è un orribile biglietto da visita della nostra città. E’ la devastata piazza Sparavigna, da cui si accede alla villa comunale solo guadando, nei giorni di pioggia, la piscina naturale che si crea».
Il problema è legato ad un vecchio sistema di raccolta delle acque piovane che anticamente li faceva confluire nel vicino fiume Sabato, che lambisce la Dogana. «Nel tempo questo sistema si è ostruito e non si è riusciti a farlo funzionare più – spiega il sindaco Geppino Spagnuolo -. La soluzione è il rifacimento dell’intera rete di raccolta delle acque piovane della piazza. Ma questi lavori hanno un costo rilevante e tra l’altro sono previsti già in intervento di riqualificazione più complessivo della piazza appaltato dalla Regione Campania, e che dovrebbe entrare nella fase esecutiva questa primavera. Per alleviare i disagi nel breve periodo procederemo alla posa di un nuovo manto d’asfalto per limitare il deposito di acqua piovana».

Per la riqualificazione di piazza Sparavigna è infatti stato approvato anche un progetto preliminare, dalla precedente amministrazione, per circa 610mila euro. Un intervento per ridare vita allo slargo  dove non solo sarà consentita la possibilità di parcheggio delle auto, ma si procederà ad un nuovo arredo urbano in modo da poter ospitare in futuro mercati di settore.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. Ma di cosa vogliamo più parlare.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it