Flash news:   Giullarte 2018, stasera il taglio del nastro. La delegata agli Eventi Antonella Gambale: “l’edizione numero 19 sarà un vero e proprio anno zero, l’anno della completa maturità“ Bando per il servizio civile presso la Misericordia di Atripalda: 13 posti disponibili Memorial “Un pezzo di storia del Calcio Atripaldese” venerdì 28 settembre Distretto Sanitario, sottoscritto il protocollo per la realizzazione della nuova sede di Atripalda Da domani il Festival internazionale di Artisti di Strada “Giullarte” Mister Graziani: “gara utile per provare schemi”. Parla Matute. FOTO Coppa Italia amara, Avellino battuto dal Nola. FOTO Calcio Avellino Ssd, avvenuta la consegna del logo Fiamme nella notte in via Tufarole, distrutto un camion. Si indaga Giullarte 2018, ieri al Comune la conferenza stampa di presentazione della kermesse. Il consigliere regionale Petracca: “sul turismo c’è ancora tanto da fare”. FOTO

Via Crucis, grande attesa per la XXII edizione. Ritorno al passato con la crocifissione interpretata da Enrico Giovino. Suo fratello Nicola nel ruolo dell’Incappucciato

Pubblicato in data: 30/3/2018 alle ore:10:11 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Dopo il successo della domenica delle Palme c’è grande attesa per la rappresentazione della Via Crucis Atripaldese, giunta all’edizione numero 22 che si terrà questa sera a partire dalle ore 19. Si ripete così la devozione dell’Incappucciato di Capo La Torre, con la sua veste storica indossata e tramandata di generazione in generazione dai figli maschi della famiglia Giovino. In principio vi era appunto la figura dell’Incappucciato, che su Rampa San Pasquale metteva in scena le tre cadute, tra la commozione della folla di fedeli.
Una tradizione che ha 150 anni di storia legata alla famiglia Giovino, una storia di fede. Una devozione particolare quella della famiglia Giovino che, tramandata da padre in figlio, veste i panni del Nazareno da oltre cento anni.
Stasera la figura dell’Incappucciato rivivrà grazie all’interpretazione di Nicola Giovino, fratello di Enrico, che a sua volta interpreterà la figura di Gesù Cristo con la Crocifissione, vista l’impossibilità per motivi di salute del figlio Rino.
Continua quindi la devozione della famiglia Giovino per questo evento che porta nella città del Sabato centinaia di fedeli.
Nelle vesti dei due ladroni ci saranno Sabino Alvino e Nunzio Marrone.
Anche quest’anno la rappresentazione è stata organizzata insieme alle due parrocchie cittadine di Sant’ippolisto e del Carmine con la confraternità di Santa Monica, la Misericordia sotto la regia della Pro Loco Atripaldese.
La processione prendrà il via alle ore 19 con l’uscita dell’Incappucciato davanti la chiesa storica di San Nicola in via Roma. Quest’anno la novità è la tappa voluta dai due parroci, Don Ranieri e Don Fabio, in piazza Cassese dove ci sarà la scena del rinnegamento di Pietro. L’inizio è previsto per le ore 19 davanti la chiesa di San Nicola da Tolentino dove ci sarà l’arresto di Gesù e quindi la preghiera. La rappresentazione sarà accompagnata dai canti lirici di Eleonora Arpaise. L’evento toccherà oltre alle due parrocchie cittadine, piazza Cassese per poi arrivare al centro storico sul sagrato della chiesa madre, poi via Belli fino a rampa S. Pasquale dove ci sarà l’emozionante scena delle cadute e della crocifissione. Soddisfatto ed emozionato il presidente della Pro Loco atripaldese Lello Labate: ” C’è sempre grande emozione e attesa per la via Crucis che è uno degli eventi di punta della Pro Loco, vogliamo condividere con tutta la nostra popolazione questo appuntamento importante che tutta la comunità vive intensamente. Un momento che poi terminerà con il messaggio augurale dei due parroci a culmine dell’evento e che ricorderanno l’invito per la domenica di Pasqua, giorno in cui verrà il Vescovo, monsignor Aiello, nella nostra cittadina alle ore 11 nella chiesa di Sant’Ippolisto. Tutto questo è possibile grazie anche all’unione dei due parroci giovani che stanno animando le due parrocchie. Questa è una formula è più caratteristica per la nostra comunità atripaldese con la nostra tradizione con Ippolisto Parziale che già cinquanta anni fa immaginava l’Incappucciato con i soldati romani. Ringrazio la famiglia Giovino che anche in un momento di difficolà è riuscita a mantenere la tradizione e a portarla avanti e dopo 6 anni enrico ritorna sulla croce. Inoltre ricordo la visite guidate su Abellinum il giorno di Pasqua e su prenotazione il giorno di pasquetta anche grazie ai volontari del servizio civile della Pro Loco atripaldese“.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it