Flash news:   Addio al presidente onorario dei costruttori irpini Alessandro Lazzerini. Il cordoglio dell’Ance Autovelox sulla Variante, il sindaco difende la bontà della scelta: «convinti di aver effettuato tutte le procedure in modo corretto, continuerà a funzionare lì dov’è» Salvatore Antonacci si dimette da capogruppo della maggioranza dopo la mancata elezione alla Provincia. Giovedì resa dei conti in Consiglio Arresto del Capo dell’Ispettorato del Lavoro, la difesa di Gerardo Capaldo: «Nessun illecito, si farà chiarezza» Il Comune incassa un finanziamento da 260mila euro per la progettazione definitiva della scuola Primaria “Mazzetti” Corruzione in cambio dell’assunzione del figlio ingegnere: arrestato Capo dell’Ispettorato del Lavoro. Sequestrati due milioni di euro a due Spa “Progetto Gaia”, l’ex sindaco chiede lumi e denuncia: «i volontari svolgono mansioni che esulano dalle finalità del progetto, trattando anche dati sensibili» Vucinic: “è stata una partita dura” Ritorno alla vittoria per la Sidigas Scandone: ora al secondo posto Elezioni provinciali, Sinistra Italiana Atripalda chiede le dimissioni da capogruppo del non eletto Antonacci e del sindaco: “ha confermato di non avere alcun governo politico dell’Amministrazione che guida”

Rissa in palestra, il Comune avvia procedimento amministrativo e diffida sull’utilizzo a porte aperte. Botta e risposta tra sindaco ed ex primo cittadino

Pubblicato in data: 25/4/2018 alle ore:08:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Il Comune avvia un procedimento amministrativo e diffida tutte le società sportive a tenere gare ufficiali di campionato con presenza di pubblico nella palestra “Adamo”.
Dopo la denuncia nei confronti della società “Atripalda Volleyball” da parte dei Carabinieri di Atripalda per la mancanza del certificato di agibilità per pubblico spettacolo e dell’autorizzazione del sindaco a seguito della lite scoppiata a fine della gara di play off di Serie D vinta dalla New Volley San Marzano Asd, l’Amministrazione Spagnuolo ha diffidato tutte le società sportive che utilizzato la palestra Adamo a poter utilizzare la struttura sportiva solo per allenamenti e per gare ma da giocare a porte chiuse.
«E’ in corso un procedimento amministrativo – annuncia il sindaco Geppino Spagnuolo – alla verifica di tutto quello che è successo. La cosa importante da ribadire è che la struttura l’abbiamo sempre  affidata per gli allenamenti e per partite a porte chiuse. Dall’ottobre del 2016 era evidente che la commissione di vigilanza sui pubblici spettacoli non avrebbe più dato pareri provvisori fino a quando non si sarebbero acquisitie determinate certificazioni. Una dato certo che era già a conoscenza del sindaco Paolo Spagnuolo che adesso fa finta di dimenticare».
Negligenza dell’Amministrazione invece c’è stata secondo l’ex sindaco Paolo: «lo sport non dovrebbe comunque abbinarsi a risse. Questa palestra non ha insieme ad altre strutture sportive certificato di agibilità permanente. Negli anni precedenti, per evitare ciò che si è verificato qualche giorno fa, convocavamo, quando si trattava di partite di grido, la commissione pubblico spettacolo ottenendo così un’autorizzazione ad hoc per cento posti. Questo chiaramente significava comunque preparare queste commissioni, cioè lavorarci su, individuare tutti gli accorgimenti utili perché i componenti della commissione potessero rilasciare  questa autorizzazione minima. Per esempio utilizzavamo i bagni dell’Ufficio tecnico comunale, adiacente alla palestra, separando così i bagni degli atleti da quelli del pubblico. Chiedemmo la presenza dell’ambulanza. Quindi una serie di accorgimenti che ci consentivano questo tipo di agibilità per le manifestazioni che lo richiedevano, perché si presupponeva un’affluenza maggiore e si risolveva in questo modo. Credo che ci sia stata negligenza, molto sinceramente, in questo caso e mi dispiace perché poi a pagare è lo sport».
Sulle accuse mosse dall’ex sindaco, l’attuale primo cittadino replica:«ovviamente non siamo stati superficiali sulla vicenda – conclude Geppino Spagnuolo – . Queste dichiarazioni sono strumentali  perché lui era presente nell’ultima riunione della commissione di vigilanza dell’ottobre 2016, o era presente un suo delegato, in cui sostanzialmente gli organi di controllo avevano detto in maniera chiara che occorreva entro 120 giorni acquisire la certificazione antincendio definitiva della struttura  altrimenti questa modalità con cui si davano autorizzazioni provvisorie non avrebbe avuto più seguito. Quindi un orientamento diverso dei membri della commissione espresso nel 2016 a cui noi abbiamo ottemperato solo nel dicembre 2017. Ora stiamo aspettando una verifica dei vigili del fuoco alle attività che abbiamo fatto e solo successivamente si potrà riconvocare la commissione di vigilanza avendo ottemperato a quello che nell’ottobre del 2016 al sindaco Paolo Spagnuolo avevano intimato i membri della commissione».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it