Flash news:   Il gruppo consiliare “Noi Atripalda” avvia una petizione per incrementare la raccolta dell’umido Atripalda Volleyball ultimato l’iter per l’iscrizione in B Nazionale. Il 28 luglio si conoscerà la composizione dei gironi Costa d’Amalfi Night Ride: il Circolo c’è Avellino in bilico, la serie B a rischio. Covisoc: si decide venerdì Sinistra Italiana Atripalda all’attacco sul sociale: “solo passerelle dell’Amministrazione” Compleanno Giusy Festa, gli auguri della famiglia Madonna del Carmelo, niente festa civile le offerte dei fedeli per il rifacimento della facciata della chiesa di via Roma Compleanno Gina Sica, gli auguri della famiglia Abellinum, il senatore Grassi: “Più fondi alla Cultura”. Antonacci: “Faremo la nostra parte fino in fondo” Consiglio, toni accesi sul Dup. L’ex sindaco: “La città arretra”, ma la maggioranza fa quadrato. FOTO

Prodotti pericolosi venduti in un negozio cinese di Atripalda, sequestrati 500mila oggetti

Pubblicato in data: 14/6/2018 alle ore:14:49 • Categoria: CronacaStampa Articolo

E’ stata denominata Safe Summer l’operazione realizzata dalla Guardia di Finanza in queste ore per la tutela della salute dei cittadini.

Nel mirino dei finanzieri uno dei maggiori negozi di articoli per la casa di Atripalda. Rinvenuti circa 473.097 articoli di vario genere esposti sugli scaffali e pronti per essere venduti ai clienti.

Il rappresentate legale della società ispezionata e’ stato segnalato alla Camera di Commercio, per le violazioni in materia di sicurezza prodotti, ed all’Ispettorato territoriale del lavoro per quanto riguarda l’utilizzo di manodopera in nero.

Infatti, all’interno del negozio, sono stati individuati due lavoratori completamente in nero sui sette trovati intenti a prestare la propria opera all’interno del negozio.

Per il soggetto interessato saranno comminate sanzioni fino a 40.000 euro per quanto riguarda i prodotti non sicuri e fino a 18.000 euro per l’impiego di lavoratori in nero, oltre alla sospensione dell’attività.

Il materiale sequestrato

Tra la merce tolta dalla vendita figurano giocattoli da spiaggia destinati ai bambini, prodotti elettrici per la cura della persona, overboard e materiale elettrico di vario genere.

In particolare i 372 giocattoli per la spiaggia sottoposti a sequestro avrebbero potuto rappresentare un pericolo per i piu’ piccoli in quanto carenti dei necessari controlli e delle relative certificazioni previste dal decreto legislativo n. 54 del 2011 che recepisce la normativa europea in materia di sicurezza dei giocattoli, nella quale e’ richiesto, tra i vari obblighi, l’apposizione del marchio Ce a garanzia della affidabilita’ del giocattolo.

Stessa pericolosità è rappresentata dagli articoli elettrici destinati alla cura della persona, tra cui piastre per capelli e depilatori, che avrebbero potuto causare danni ai capelli e alla cute degli utilizzatori, in quanto non in linea con la normativa di settore, il cui rispetto e’ garanzia di tutela per l’acquirente.

L’attivita’ eseguita si incardina nel piano di controllo messo in atto dal comando provinciale della Guardia di Finanza di Avellino, che mira a tutelare la salute delle diverse fasce della popolazione, a preservare il corretto svolgimento del commercio legale.

Centinaia di migliaia di prodotti sono stati sottoposti a sequestro dalla Guardia di Finanza di avellino nell’ultima operazione effettuata per tutelare la salute dei cittadini irpini.  Nella giornata di ieri i finanzieri della compagnia di Avellino hanno inferto un ulteriore decisivo colpo alla vendita di merce proveniente dalla Cina e non aderente alla normativa nazionale in materia di sicurezza prodotti.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 Risposte »

  1. Complimenti per l’operazione. Pero sono bravi i cinesi …solo
    2 lavoratori a nero su 9….in realtà più piccole ed italiane…il numero sale… Vabbe….ma facciamo finta di nn vedere…

  2. Perché non indicate il nome dell’esercizio commerciale, in modo da far cautelare i cittadini nei futuri acquisti?

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it