domenica 18 novembre 2018
Flash news:   Esplode un nuovo fronte nell’indotto della Capaldo di Caserta, sit-in di denuncia di lavoratori e Cgil Avellino. FOTO Addio a Raffaele Limone, cordoglio in città “Premio Pasquale Campanello”, ieri sera la quarta edizione promossa da Libera. FOTO “Alieni e ufo”, testimonianze eccezionali nel convegno di domani in città Scontro tra maggioranza e opposizione in Consiglio sull’approvazione del Bilancio consolidato 2017 Culla Giardina-De Stefano, benvenuta Vittoria Neraazzurra Domenica VI° Campagna di Prevenzione del Tumore al Seno all’Asl di via Manfredi Tragedia ad Avellino: uccide un giovane e accoltella l’ex, poi si lancia nel vuoto Revocati gli arresti al capo dell’Ispettorato del lavoro “Le Forche Caudine”, questo pomeriggio debutta l’associazione di promozione sociale “Velecha”

Accoglienza migranti, pubblicato il bando per l’istituzione in città di uno centro Sprar

Pubblicato in data: 29/6/2018 alle ore:08:30 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Pubblicato il bando per raccogliere manifestazioni d’interesse per l’istituzione nella città del Sabato di uno centro Sprar, il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati. Un progetto triennale 2019/2021 di accoglienza degli immigrati per un numero di 35 rifugiati.
«Finalmente siamo arrivati alla conclusione della prima fase perché con la pubblicazione all’albo pretorio del Comune e sulla Gazzetta Europea della manifestazione d’interesse dello Sprar, che scade il prossimo 26 luglio, abbiamo la possibilità di progettare questo intervento e di chiedere agli operatori del terzo settore che aiuteranno il Comune, si spera, non solo nella progettazione, ma anche nella gestione di questo sistema di protezione per i richiedenti asilo finalizzata all’istituzione in questo comune dello Sprar –illustra l’assessore alle Politiche Sociali Nancy Palladino -. Così poi avremo la possibilità di presentarlo entro la finestra del 20 settembre stabilita a livello ministeriale».
Questo nasce dall’adesione del comune di Atripalda al protocollo d’intesa firmato nello scorso dicembre a Napoli alla presenza dell’allora ministro Minniti «e siamo convinti in maniera forte della necessità di questa comunità di aprirsi al fenomeno migratorio inglobandolo come forma di fenomeno strutturale. Ci riferiamo al fenomeno dell’accoglienza con la necessità di un intervento diretto dell’ente locale che non delega più ai Cas ma che ne assume direttamente la gestione».
Con l’avvio dello Sprar ci sarà la dismissione dei due Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS) presenti in città, uno in via Orto dei Preti e l’altro in via Mastroberardino.
«Oggi in città ci sono 47 immigrati, con la realizzazione degli Sprar ne potremmo ospitare un massimo di 35. – prosegue l’assessore Palladino -. Sulla sede dello Sprar non ci precludiamo nulla. La sede materiale sarà individuata dal soggetto che vincerà la manifestazione d’interesse di concerto con il comune. Non è escluso che le sedi Cas che attualmente ospitano i rifugiati non possano diventare sede di Sprar. Siamo aperti a tutto senza pregiudizi e preconcetti. La differenza sta nella gestione. Con lo Sprar il Comune gestirà direttamente il centro e i migranti saranno inseriti in un programma di protezione e in un progetto di formazione all’insegnamento di un mestiere. Così si eviterà l’arrivo indiscriminato, garantendo un massimo di 35 immigrati. Il Comune, con l’aiuto del terzo settore, garantirà vitto e alloggio e tutto ciò di cui hanno bisogno per integrarsi completamente anche dal punto di vista lavorativo oltreché sociale».
Sarà una commissione che valuterà le proposte che arriveranno al Comune per individuare il migliore operatore che potrà garantire la coprogettazione, organizzazione e gestione dei servizi: «Speriamo che rispondano al bando operatori che ci possono aiutare a fare un buon servizio alla comunità. Il Comune è fondamentale in tutta la gestione – conclude la Palladino – e ci auguriamo di ottenere i fondi per poter partire».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 Risposte »

  1. com’è sto fattto??

  2. Ma siete impazziti? Attualmente siamo prigionieri in casa, nn voglio immaginare cosa succederà, non si può portare un figlio in villa, nn si può portare in piazza, non si può uscire a fare una passeggiata la mattina presto…facile fare i buonisti dalle poltrone comode. Smettetela e cercate di tutelare un minimo chi paga le tasse x voi e tutti!!! Folliaaaa puraaaaa.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it