Flash news:   “L’aggregazione sociale è ancora possibile?”: venerdì dibattito pubblico Gestione Sprar, accolto il ricorso in autotutela della Misericordia. Il presidente Vincenzo Aquino: “motivo di soddisfazione, puntiamo a favorire un’effettiva integrazione dei migranti” Si vivono momenti di apprensione per la scomparsa di Francesco Pio Graziani: “La squadra ha saputo reagire” Seconda vittoria consecutiva per la Calcio Avellino Ssd Gran finale questa sera nel centro storico per la XIXesima edizione di “Giullarte” Atripalda di nuovo al centro di un caso di allontanamento, “Chi l’ha Visto?” sulle tracce di Francesco Pio Stasera “la Festa dei Folli” a Giullarte, ieri il taglio del nastro. FOTO Festeggiamenti San Sabino, in migliaia al concerto di Masini. Tantissimi fedeli alla messa e processione per il Patrono. FOTO “La Bodeguita de Ana” recensita da il Giornale

Gianandrea De Cesare: «Serie B in tre anni». Presentati mister Archimede Graziani e il direttore sportivo Carlo Musa. Foto

Pubblicato in data: 20/8/2018 alle ore:10:26 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo
La Società Sportiva Dilettantistica Calcio Avellino di Gianandrea De Cesare presenta il nuovo allenatore e il direttore sportivo per la Serie D. La conduzione tecnica della prima squadra per la stagione sportiva 2018/19 è stata affidata all’allenatore Archimede Graziani, che vanta all’attivo oltre 800 panchine ed un campionato di Serie D vinto con il Mantova nella stagione 2010/11. Nato il 22 marzo 1965 a Carrara (MS), è un ex difensore centrale della Carrarese,  A 26 anni ha poi intrapresa la carriera di allenatore. Ad affiancare il tecnico biancoverde ci saranno inoltre Maurizio Macchioni nel ruolo di Viceallenatore, Fabio Patuzzi in qualità di Preparatore dei portieri e Pietro La Porta come Preparatore Atletico.
L’incarico di da è stato invece affidato a Carlo Musa. Il giovane dirigente, nato a Roma il 5 febbraio 1990, ha conseguito la Laurea Magistrale in Economia Aziendale presso l’Università di Roma Tre. A soli 24 anni consegue l’Abilitazione al ruolo di Collaboratore della Gestione Sportiva, mentre nel 2016 quella al ruolo di Direttore Sportivo Professionista, confermandosi uno dei più giovani laureati di sempre presso il Centro Tecnico Federale di Coverciano.

Nel 2013 è il Direttore Sportivo dell’A.s.d. Aranova, che a partire dalla stagione 2015/16 disputa la Promozione grazie al secondo posto ottenuto nella stagione precedente nel campionato di Prima Categoria. La stagione 2017/18 lo vede invece diventare Direttore Sportivo della Lupa Roma FC in Serie D, che si piazza all’8° posto nel Girone D. Ora l’avventura in Irpinia.

Il patron della Sidigas Gianandrea De Cesare nella conferenza stampa di ieri mattina ha mostrato idee molto chiare:«E’ il senso del dovere che mi ha spinto ad accettare questa sfida. Le motivazioni sono le stesse che ci hanno spinto ad entrare nel basket. Se si ha l’opportunità o la fortuna di produrre un minimo di benessere su un territorio bisogna sfruttarla». De Cesare promette di riportare in tre anni l’Avellino in serie B :«E’ questa la cambiale, portare l’Avellino in Serie B in tre anni. Abbiamo tutto l’interesse a giocare al Partenio-Lombardi. C’è anche intenzione di non ledere i diritti da chi lo ha in utilizzo senza arrecare disturbo. Detto questo è un nodo che deve sciogliere l’amministrazione comunale con chi ha in gestione l’impianto». Sul logo poi: «Sappiamo bene che il logo è molto sentito perché unisce gli appassionati e i tifosi. Siamo consapevoli dell’importanza. Lavoreremo affinché ciò sia possibile. Speriamo di concretizzare quanto prima l’operazione». Infine sulla nascita della Polisportiva: «Vorremmo sfruttare al massimo le sinergie possibili con l’unico obiettivo di rendere fruibile lo spettacolo di entrambe le realtà ad una platea più vasta».

Il nuovo tecnico, mister Graziani invece si presenta così: «E’ un onore per me essere qui ad Avellino. Un onore essere stato scelto da una società importante come la Sidigas. Un onore essere stato scelto tra tanti allenatori. Questa è una società eccezionale nei progetti e in quello che vuole. La maglia dell’Avellino non è come la maglia di un’altra piazza. Se i calciatori capiscono che indossando una maglia rappresentano qualcosa allora andiamo d’accordo. Non chiedo nomi, chiedo che ci sia fin da subito un senso di appartenenza. Sarà un sergente di ferro. Dai miei giocatori esigo rispetto ed educazione, chi non ci sta non farà parte del mio Avellino».

 

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it