domenica 20 gennaio 2019
Flash news:   Morte Simone Casillo, la sorella scrive al Ministro della Difesa Trenta: “ucciso dalla contaminazione di uranio impoverito. Siamo stati lasciati soli” Non si ferma al blocco dei Carabinieri, inseguito e bloccato sull’Ofantina: arrestato pusher 33enne Da Avellino in mondovisione: domani in diretta su Rai 1 la messa officiata da don Enzo De Stefano Multe da autovelox sulla Variante, rese note le prime motivazioni di condanna del Comune dal Giudice di Pace di Avellino: nullo il verbale se manca indicazione decreto prefettizio Pauroso schianto sull’Ofantina tra Atripalda e Manocalzati: due feriti Cinerassegna invernale “Agguattiti”: dal 24 gennaio al 9 aprile in città Guardie giurate sui bus dell’Air contro gli atti vandalici VI° Edizione “Presepi in Mostra”, boom di oltre 2000 visitatori: vince Antonio Cella Il terzino Lorenzo Betti si unisce alla Calcio Avellino SSD Lavori in centro con divieti di sosta e segnalazioni dalle periferie della città. FOTO

Mentre il prete celebra la messa nella chiesa del Carmine gli rubano soldi e cellulare. Primavera Irpinia: “troppi furti, la stazione dei Carabinieri va potenziata”

Pubblicato in data: 18/12/2018 alle ore:09:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Mentre il prete celebra la messa gli rubano soldi e cellulare. A subire il furto è Don Emanuele mentre in chiesa sabato sera stava dicendo messa. Il ladro o i ladri gli hanno rubato dalla sacrestia il suo portafogli contenente circa 200 euro delle offerte e il telefonino. Don Emanuele stava celebrando la messanella chiesa del Carmine, in via Roma, sostituendo il parroco Don Ranieri Picone.
L’ultima messa in chiesa prima che iniziasse la Notte bianca lungo la strada dello shopping cittadino che dalle 18 è stata chiusa al traffico.
Soldi e cellulare portati via mentre lui, di fronte ai fedeli, stava dicendo messa. Una brutta serata per il parroco. Il ladro ha sfruttato l’ora, il tardo pomeriggio, con le giornate ormai più corte e il buio che arriva prima rendendo più difficile identificare i malintenzionati. Si è cosi introdotto nella sacrestia, lasciata aperta e incustodita, per compiere il colpo.
Solo sabato sera, prima di chiudere i portoni del luogo di culto, Don Emanuele si è accorto di non avere più portafogli e cellulare. I sospetti cominciano a salire, poi la brutta scoperta.

Un crescendo di furti non solo in città  ma anche nell’hinterland, come la vicina Manocalzati, tanto da spingere “Primavera Irpinia” locale a chiedere che venga potenziata la stazione dei Carabinieri diAtripalda. «Il comitato della cittadina Manocalzatese della associazione politico-culturale Primavera Irpinia, auspica maggiori controlli al fine di contrastare i furti che si stanno verificando ormai da mesi, portando la cittadinanza nel piùtotale sconcerto. Pur dando atto che i Carabinieri della locale stazione sistanno adoperando in ogni modo possibile per contrastare e arginare il fenomenodei furti, auspica a beneficio della cittadinanza tutta, un rafforzamento del presidio del territorio comunale nonché l’adozione di ogni misura necessaria atta a garantire la sicurezza e l’incolumità della cittadinanza. La speranza del comitato locale dell’associazione Primavera Irpinia Manocalzati è che questi piccoli accorgimenti possano porre fine all’ondata di furti che ha colpito la città negli ultimi mesi».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Statistiche Mercoglianonews.it