alpadesa
  
Flash news:   Rogo all’Ics di Pianodardine, l’Arpac: “livelli di diossina sotto la soglia di pericolo già sabato” Stasera la facciata del plesso “De Amicis” di via Roma verrà illuminata di rosa L’ex assessore Mimmo Landi all’attacco: “solo autocelebrazioni dall’Amministrazione mentre il fallimento è sotto gli occhi di tutti” Idea Atripalda chiede al Comune di aderire a WiFi4EU per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi Green Volley, la Piscina Comunale di Mercogliano ospita la preparazione delle atlete atripaldesi Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto

Cartelle pazze Tarsu, riunione a Palazzo di città

Pubblicato in data: 12/1/2010 alle ore:23:10 • Categoria: ComuneStampa Articolo

cartelle-pazzeCartelle pazze Tarsu, si è svolta ieri pomeriggio una riunione tra la NT Software e il primo cittadino di Atripalda, Aldo Laurenzano con l’assessore delegato ai Tributi Luigi Adamo. All’ordine del giorno della discussione i recenti accertamenti della Tarsu che la società arianese sta effettuando secondo la convenzione stipulata con l’Amministrazione comunale e che ha solevato non poche polemiche in città tra i contribuenti visto i numerosi errori legati. Finora già annullate 62 su 400.
«Voglio innanzitutto ringraziare la NT Software per l’ottimo lavoro che ha svolto in queste settimane – dichiara il sindaco – mi dispiace per le polemiche inutili e strumentali che sono state diffuse, ma i dati che ci sono giunti sono davvero confortanti. Sono circa 55 le posizioni errate che sono state verificate per ogni anno fino ad oggi, a testimonianza della professionalità con cui la NT sta operando».
La riunione è stata fondamentale anche per continuare la programmazione fiscale dell’ente atripaldese, avviata dal Sindaco e dalla giunta: «Gli accertamenti che sono stati effettuati presentano una minima percentuale di errore che è assolutamente fisiologico nel periodo intercorso dall’emissione ad oggi – continua il sindaco – ma il fine di queste verifiche è quello di aumentare la base imponibile al fine di ridurre il costo a metro quadrato della tassazione. Insomma, lo scopo principale dell’operazione è quella di attuare una politica fiscale equa e solidale che ci consenta di far emergere metri quadrati legittimi, fino a questo momento rimasti sommersi. Il principio è quello di pagare tutti per pagare meno. Voglio comunque sottolineare che gli uffici comunali sono a piena disposizione dei cittadini per eventuali chiarimenti e annullamenti».
Alla fine delle verifiche, gli uffici comunali comunicheranno i dati delle operazioni di verifica effettuate in queste settimane.
Tuttavia monta la polemica nella cittadina del Sabato. Le cartelle esattoriali sbagliate hanno creato non pochi disagi per i contribuenti che si sono dovuti recare al Comune per chiedere spiegazioni e un aggravio notevole di lavoro per gli stessi dipendenti comunali.
Gli importi delle cartelle sono risultati in alcuni casi maggiori o minori rispetto a quelli reali: in altri casi i contribuenti hanno già pagato negli anni passati correttamente l’imposta sui rifiuti e non debbono più nulla. L’Amministrazione comunale tuttavia rassicura i contribuenti locali precisando che le cartelle esattoriali sbagliate saranno tutte annullate.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *