alpadesa
  
Flash news:   Rogo all’Ics di Pianodardine, l’Arpac: “livelli di diossina sotto la soglia di pericolo già sabato” Stasera la facciata del plesso “De Amicis” di via Roma verrà illuminata di rosa L’ex assessore Mimmo Landi all’attacco: “solo autocelebrazioni dall’Amministrazione mentre il fallimento è sotto gli occhi di tutti” Idea Atripalda chiede al Comune di aderire a WiFi4EU per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi Green Volley, la Piscina Comunale di Mercogliano ospita la preparazione delle atlete atripaldesi Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto

Bilancio comunale, Laurenzano: «Non risaneremo i conti aumentando la pressione tributaria»

Pubblicato in data: 18/1/2010 alle ore:14:10 • Categoria: ComuneStampa Articolo

municipio-vista-lato1«Dobbiamo continuare a puntare sulla valorizzazione e alienazione del patrimonio comunale, come strada maestra da seguire per continuare il risanamento dei conti dell’Ente che abbiamo avviato nell’ultimo anno e mezzo», così il Sindaco Aldo Laurenzano sintetizza l’incontro che si è svolto in Comune con i Capisettore dell’Ente e con il Revisore dei Conti Pasquale Volino. «Nel corso della riunione è emersa la volontà comune di programmare per tempo il Bilancio, tenuto conto che le nostre casse comunali devono subire un ammanco di circa quattrocentomila euro all’anno e che non è intenzione di questa Amministrazione recuperare questo disavanzo con la pressione tributaria – continua il Sindaco – pertanto, non ci restano tante alternative». Tuttavia, il Sindaco che gestisce la delega al Bilancio sta seguendo altre due strade ben precise che portano verso l’equità fiscale e verso una gestione virtuosa del patrimonio comunale.
«Innanzitutto, l’Amministrazione comunale e quindi la collettività non può più caricarsi le spese delle utenze delle strutture sportive e della manutenzione ordinaria degli alloggi di contrada Alvanite – spiega il sindaco – ecco perché stiamo pensando ad un bando di gestione delle strutture sportive a titolo gratuito, offrendo un servizio sociale ulteriore a patto che il gestore si carichi anche delle spese delle utenze. Sugli alloggi, invece, la giunta ha approvato una delibera che consente ai cittadini la possibilità di effettuare lavori di urgenza approvati dall’Utc e scomputarne l’importo dal fitto mensile dovuto».
Nel corso della riunione, infine, è stato fatto il punto della situazione anche sulla task force realizzata per il recupero dell’evasione tributaria: «Il gruppo di lavoro voluto dall’assessore delegato Adamo continua a muoversi con grande impegno e celerità – conclude – si tratta di un progetto nel quale crediamo molto, perché va in direzione di un’equità fiscale che ha lo scopo di far pagare tutti per pagare di meno. Il nostro Revisore dei conti ha accertato che il Comune di Atripalda non sostiene spese eccessive, tutt’altro e ha fatto chiaramente intendere che ci sono le condizioni per programmare attentamente il bilancio comunale dei prossimi tre anni. Ed è quanto ho intenzione di fare».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *