alpadesa
  
Flash news:   Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso» Scuole a rischio, avvisi di garanzia a sindaco e tecnici comunali Vincenzo Aquino chiama le Misericordie irpine ad una svolta storica Atripalda Volley, domani presentazione ufficiale nella Sala Consiliare di Atripalda “Ripianti-Amo”, cinque nuovi alberelli in Piazzetta degli Artisti al posto di quello rubato. Foto Oggi pomeriggio la presentazione di mister Eziolino Capuano Le parole di coach De Gennaro alla vigilia della gara con la Virtus Arechi Salerno Eziolino Capuano nuovo tecnico dell’Us Avellino, esonerato Ignoffo Auto contro cisterna del gas lungo la Variante, giovane ferita e traffico in tilt tra Atripalda e Mercogliano Al via la campagna abbonamenti per la Scandone

La donna nata uomo di origini atripaldesi Sandra Alvino contro Luxuria

Pubblicato in data: 20/1/2010 alle ore:09:56 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

sandra-alvinoFa discutere la decisione di destinare ai trans la casa circondariale del Pozzale, ad Empoli.
Sandra Alvino (foto), donna nata uomo, di origini atripaldesi, risponde all’ex parlamentare Luxuria.
Tutto nasce dalla possibilità che il carcere di Pozzale, ad Empoli, potrebbe ospitare detenuti transgender.
La Alvino sulla questione ha rilasciato una lunga intervista a “La Nazione” in polemica proprio con Luxuria.

<Che riapra il carcere del Pozzale di Empoli. Ma per favore, non diciamo che è per transessuali. Molti di quelli che sono oggi definiti trans, in realtà sono uomini semplicemente mascherati o travestiti da donne che fanno denaro sulla tendenza di altri uomini. Parliamo invece, per tutelarli come si deve, di trans nella fase della loro vita nella quale stanno affrontando il percorso per diventare, da uomini, donne. Quando arrivano in fondo sono donne vere, come all’inizio erano uomini veri, non trans>, così Sandra Alvino, in aperta polemica con Vladimir Luxuria che aveva sollecitato l’apertura della casa circondariale empolese, è intervenuta sul caso.

Sandra Alvino non è una donna qualsiasi. Di origini atripaldesi, è la donna nata uomo, diventata appunto donna dopo un percorso difficile, fatto anche di carcere. E di battaglie per arrivare ad una legge capace di disciplinare la “trasformazione”. E’ la donna che, sposata e giunta alle nozze d’argento, “essendo cattolica” come ha voluto precisare, aveva deciso di avere una benedizione, alle Piagge, da don Alessandro Santoro. Benedizione che è stata impartita e che è costata a don Santoro l’allontanamento dalle Piagge.

 <Le persone trans che cercano di raggiungere la meta di diventare donne, se ne guardano bene dal commettere reati. Al massimo, chi non trova lavoro si prostituisce. Luxuria sta definendo trans i travestiti col seno che commettono reati. Non è onesto dire che sono donne o che vanno trattate da donne. Molti di loro dichiarano che fanno i maschi. Usano la ‘debolezza’ di uomini, anche con famiglia, per fare denaro, mascherandosi con seni rifatti, ma lungi dall’assumere ormoni. Anzi, usano il viagra per essere più attivi>.

<Un carcere del genere – conclude la Alvino – sarebbe fatto per coloro che da travestiti usano questo mercato per far denaro. E che commettono reati. Sono, ripeto, i travestiti mascherati da donna e che in realtà sono maschi e continuano a far la parte del maschio>.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *