alpadesa
  
Flash news:   Tre contrade ad Atripalda nel degrado tra proteste e polemiche sui social. Foto Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio» Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia

Mancato finanziamento S.Pasquale, Luigi Caputo (Prc) accusa: «Epilogo amaro»

Pubblicato in data: 20/1/2010 alle ore:18:36 • Categoria: Politica, Prc

ex-scuola-spasquale2“E’ stato un epilogo amaro, ancorché prevedibile, quello che, nei giorni scorsi, ha suggellato la vicenda dell’ex scuola elementare di rampa s.Pasquale (foto): il progetto di ristrutturazione presentato dall’A.C. per la realizzazione di un centro sociale non è stato ammesso,infatti, al finanziamento della regione Campania relativo ai fondi FESR. Naturalmente non si tratta di limitarsi a una mera recriminazione rispetto a un esito che , in quanto subordinato alla valutazione di un altro ente, si presentava in sé aleatorio, ma di trarre le logiche conclusioni dalla linea seguita, dalle ultime tre amministrazioni (Capaldo, Rega e Laurenzano) riguardo alla questioni degli spazi sociali ad Atripalda. Invece di fornire una tempestiva ed adeguata risposta alle giuste rivendicazioni provenienti da ampi strati della cittadinanza (non solo giovanile), mirando alla valorizzazione delle strutture esistenti, (quale l’ex scuola elementare di Contrada S. Gregorio, o lo stesso edificio di S.Pasquale, puntando però su un progetto più essenziale e fattibile), esse hanno preferito tenere una condotta elusiva e dilatoria: Da ciò la decisione – della Giunta Laurenzano, ma già anticipata da quella che l’aveva preceduta, – di optare, per il recupero del fabbricato, su un progetto sovradimensionato e oneroso ( 2 milioni di euro) necessariamente destinato, anche in caso di accoglimento della richiesta di finanziamento, ai tempi lunghi. Tale determinazione sottendeva in realtà un’incomprensione (o meglio una concezione radicalmente diversa) delle esigenze insite nella richiesta di realizzare un centro sociale, all’origine di una vasta campagna di mobilitazione promossa dal PRC di Atripalda nel 2001, e culminata in un dibattito consiliare preceduto da una raccolta di firme massicciamente sostenuta dalla popolazione. Laddove, infatti, si chiedeva alle istituzioni locali semplicemente di accompagnare e sostenere un percorso di partecipazione in vista della creazione di un luogo destinato alla libera elaborazione artistica e culturale e quindi, di riflesso, alla valorizzazione della socialità cittadina si rispose allora con un linguaggio diffidente e paternalistico (ricordi consigliere Troisi ?), che alludeva a orizzonti vaghi e lontani e a rigidi controlli dall’alto, ravvisando un rischio in quella che invece si configurava come un’opportunità di crescita per Atripalda. L’esatto contrario, insomma, dello spirito di un centro autogestito a cui aspiravano i giovani. Il risultato è che oggi non abbiamo né questo né quello, né lo spazio autonomo, né la struttura “ufficiale” del Comune. Restano solo gli oneri per le casse comunali dell’incarico tecnico affidato a un gruppo di professionisti esterni, spese che vanno ad aggiungersi a quelle (circa 100 milioni di lire) sostenute, fra il 1998 il 1999, per far sì che l’edificio scolastico potesse ospitare la sede del Piano per l’infanzia e l’adolescenza, salvo poi essere abbandonato all’incuria più assoluta, quando la nostra città perse il ruolo di comune capofila dell’iniziativa. Un “successo” su tutta la linea, non c’è che dire, del quale qualcuno, prima o poi, dovrebbe essere chiamato a rendere conto.
Tutto ciò accade mentre avanza un processo desertificazione sociale e culturale sempre più minaccioso in una città in cui le poche manifestazioni già esistenti sono state cancellate, in cui la stessa delega alla cultura è stata avocata a sé dal Sindaco forse per evitare l’imbarazzo dell’assoluta inoperosità agli assessori e in cui ormai l’evento-clou dell’estate è diventato il festival della pizza; e mentre permane, soprattutto, il bisogno di una realtà diversa che nessuna rimozione, nessun silenzio, nessun artificio dialettico potranno mai annullare”.

Luigi Caputo
Partito della Rifondazione Comunista

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
La nota del consigliere La Sala: “Pablopalda… una città alla sbando”

Forse solo da lunedì 26 agosto si potrà ritornare ad una, almeno apparente, ‘normalità’ amministrativa nella -una volta nobile- città Read more

La nota di Luca Criscuoli (Sel), «Io fuori da una politica arrivata al capolinea»

Dopo il silenzio l'addio. Avevo seguito in silenzio le vicende politiche da cui, in altri tempi, non sarei stato troppo Read more

Caso Moschella, Tomasetti (Pd) replica a Del Mauro (Pdl)

Caro Del Mauro, ho meditato a lungo prima di rispondere alla tua lettera, pubblicata sui quotidiani provinciali e non inviatemi Read more

Futuro della sinistra, nota del Coordinamento di SD di Atripalda

La sinistra sta attraversando un momento difficilissimo. Continua ad essere incapace di trovare le ragioni dell' unità perseverando nel frammentarsi, Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *