alpadesa
  
Flash news:   È la notte della Super Luna Piena “La crisi del Pd e del Centrosinistra”, dibattito pubblico nella chiesa di San Nicola sabato pomeriggio Lo Stadio Partenio-Lombardi si rifà il look in vista delle Universiadi Progetto “#inacinque”, giovedì al Comune l’assessore regionale alle Politiche sociali Lucia Fortini Raccolta differenziata, Primavera Irpinia incalza: «un opuscolo non basta: troppi cinque carrellati consegnati ad ogni condominio. Per questo siamo scesi al 61,14%» Premio San Valentino 2019, conclusioni e ringraziamenti Bucaro: “non meritavamo la sconfitta” Serie B, l’Atripalda Volleyball cade in casa contro Taranto Calcio, sonora sconfitta per l’Abellinum Nuova centralina dell’Arpac per il rilevamento delle polveri sottili in via Pianodardine sul tetto della “Masi”, il sindaco: “richiesta al tavolo in Prefettura, no alla fonderia”

Cineforum d’autore alla Pro Loco: si parte domani con “Hotel Meina”

Pubblicato in data: 26/1/2010 alle ore:08:24 • Categoria: CulturaStampa Articolo

locandina-meinaL’associazione Pro Loco Atripaldese dà il via all’iniziativa “PRO CINEMA” ovvero una serie di proiezioni gratuite di film cult e non, che spaziano tra diversi generi e tempi cinematografici.
Il progetto di “Cineforum” ideato dalle volontarie del servizio civile, si propone di individuare pellicole accessibili ad un pubblico variegato, per orientarlo verso uno scambio propositivo di opinioni e per indirizzarlo a condividere questa esperienza di interazione sociale.
“PRO CINEMA” si articolerà in due appuntamenti mensili, presso la sede dell’associazione in via Roma 154.
La serata inaugurale è fissata per mercoledì 27 Gennaio alle ore 19 in occasione del 65° anniversario della “Giornata della Memoria” istituita per ricordare le vittime del nazionalsocialismo e per riflettere su cosa l’umanità è stata in grado di fare, perché non accada mai più.
Sarà proiettato “Hotel Meina” tratto dal libro omonimo di Marco Nozza e basato su fatti realmente accaduti.
Hotel Meina è un film del maestro Carlo Lizzani che ancora una volta sceglie una storia di dolore e morte, di umili e potenti, per raccontare il nostro Paese ai tempi della Seconda Guerra Mondiale.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *