alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, un caso a San Potito: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536 Coronavirus, la Regione rinnova l’invito: “No assembramenti, il virus è ancora presente” Coronavirus, 92 le vittime registrate in un giorno e solo 300 nuovi positivi Flash mob dei piccoli imprenditori e Amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il commercio ad Atripalda. Il sindaco: “attività di promozione del nostro territorio”. Foto Riparte il “Farmer Market” ad Atripalda: ieri mattina primo appuntamento dopo mesi di stop. L’assessore Musto: “mercatino in sicurezza”. Foto Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima” Stamattina torna il “Farmer Market” e nel pomeriggio flash mob di commercianti e amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il settore ad Atripalda Coronavirus, scende il numero di positivi in Campania: solo 5 oggi. Nessun contagio in Irpinia

10 febbraio: il Giorno del Ricordo della tragedia delle Foibe

Pubblicato in data: 10/2/2010 alle ore:09:05 • Categoria: Cultura

Foibe Giorno del RicordoIl Comune di Atripalda ha fatto affiggere nelle vie della città i manifesti (nella foto) per ricordare le migliaia di persone vittime del massacro delle Foibe e mantenerne sempre vivo il ricordo affinchè il passato diventi insegnamento per il futuro entrando a far parte della nostra memoria collettiva. Non possiamo dimenticare chi fu ucciso o costretto ad abbandonare la propria casa per restare fedele alla Patria, alle proprie origini.

Il 10 febbraio 1947, giorno dei Trattati di Parigi. L’Italia, uscita sconfitta dal secondo conflitto mondiale, restituisce tutti i territori occupati dalle sue truppe durante la guerra cedendo alla Jugoslavia la città di Fiume, le isole Pelagosa e Lagosta, il territorio di Zara, una parte dell’Istria, del Carso triestino e goriziano e dell’Alta Valle del fiume Isonzo. E molto di più. Migliaia di italiani furono costretti a lasciare le loro case. E in molti lasciarono anche la loro vita strappata via nella maniera più atroce e spietata. Vittime dell’odio etnico e politico e, in molti casi, uccisi, senza pietà, dai partigiani di Tito: lasciati cadere, vivi o morti, nelle foibe, le fratture carsiche profonde oltre cento metri. Chi era fortunato trovava la morte dopo il devastante volo, chi no dopo una lunga agonia. Un numero ancora imprecisato di italiani e di oppositori ai comunisti yugoslavi sono morti così nel disprezzo più totale della vita e di ogni dignità umana, per questo motivo questa giornata, il 10 febbraio, è diventato il «giorno del ricordo» commemorato in tutta Italia affinché non si dimentichino mai le atrocità del passato e non si ripetano più.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Foibe, oggi Giorno del Ricordo in memoria della tragedia

La Legge 92/2004, istitutiva della Giornata del Ricordo, ha scelto il 10 febbraio per questa ricorrenza poiché in quella data, Read more

I martiri delle foibe, incontro ad Avellino questo pomeriggio promosso da Generazione Futuro

Generazione Futuro Avellino (movimento giovanile di Fli) terrà giovedì 10 febbraio 2011 ore 18 al Centro Sociale "Samantha Della Porta" Read more

Coronavirus, la Festa della Mamma al tempo della pandemia nei versi di Gabriele De Masi

Versi che provano a raccontare il nostro tempo, quello dell’emergenza Coronavirus. Tante mamme, le nostre passate e indimenticate. Le figlie, Read more

Riconoscimento per la poetessa atripaldese Lucia Gaeta di ACIPeA

Nuovo prestigioso riconoscimento per la poetessa Lucia Gaeta di ACIPeA a cui è stato conferito il premio "Versi di Pace Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *