alpadesa
  
Flash news:   L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Laurea in Tecniche di Radiologia Medica: auguri alla dottoressa Angela Penza Natale 2019, Amministrazione in campo per le luminarie in centro città

10 febbraio: il Giorno del Ricordo della tragedia delle Foibe

Pubblicato in data: 10/2/2010 alle ore:09:05 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Foibe Giorno del RicordoIl Comune di Atripalda ha fatto affiggere nelle vie della città i manifesti (nella foto) per ricordare le migliaia di persone vittime del massacro delle Foibe e mantenerne sempre vivo il ricordo affinchè il passato diventi insegnamento per il futuro entrando a far parte della nostra memoria collettiva. Non possiamo dimenticare chi fu ucciso o costretto ad abbandonare la propria casa per restare fedele alla Patria, alle proprie origini.

Il 10 febbraio 1947, giorno dei Trattati di Parigi. L’Italia, uscita sconfitta dal secondo conflitto mondiale, restituisce tutti i territori occupati dalle sue truppe durante la guerra cedendo alla Jugoslavia la città di Fiume, le isole Pelagosa e Lagosta, il territorio di Zara, una parte dell’Istria, del Carso triestino e goriziano e dell’Alta Valle del fiume Isonzo. E molto di più. Migliaia di italiani furono costretti a lasciare le loro case. E in molti lasciarono anche la loro vita strappata via nella maniera più atroce e spietata. Vittime dell’odio etnico e politico e, in molti casi, uccisi, senza pietà, dai partigiani di Tito: lasciati cadere, vivi o morti, nelle foibe, le fratture carsiche profonde oltre cento metri. Chi era fortunato trovava la morte dopo il devastante volo, chi no dopo una lunga agonia. Un numero ancora imprecisato di italiani e di oppositori ai comunisti yugoslavi sono morti così nel disprezzo più totale della vita e di ogni dignità umana, per questo motivo questa giornata, il 10 febbraio, è diventato il «giorno del ricordo» commemorato in tutta Italia affinché non si dimentichino mai le atrocità del passato e non si ripetano più.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *