alpadesa
  
sabato 28 novembre 2020
Flash news:   Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda” Il Consorzio A5 a confronto su Donne e Opportunità Coronavirus, i numeri di oggi del contagio in Irpinia: 160 i positivi, 3 ad Atripalda Installazione colonnine per la ricarica auto elettriche ad Atripalda, nominata la commissione giudicatrice per l’apertura delle offerte Coronavirus, risale il contagio: 194 i positivi in Irpinia, 1 ad Atripalda. Ecco il bollettino dell’Asl Vallone Testa e Fosso Orto di Preti, sopralluogo e richieste di autorizzazione per i due progetti di riqualificazione e di risanamento idrogeologico ad Atripalda. Foto Addio a Diego Armando Maradona, il mondo piange l’ex Pibe de Oro Coronavirus, altri 3 contagiati ad Atripalda e 61 nuovi positivi in Irpinia Francesca Aquino in una lettera racconta le difficoltà per la pandemia dopo l’apertura di un negozio ad Atripalda: «non rinuncio al sogno di fare l’imprenditrice» Spaccia di droga: 40enne di Atripalda dai domiciliari al carcere

10 febbraio: il Giorno del Ricordo della tragedia delle Foibe

Pubblicato in data: 10/2/2010 alle ore:09:05 • Categoria: Cultura

Foibe Giorno del RicordoIl Comune di Atripalda ha fatto affiggere nelle vie della città i manifesti (nella foto) per ricordare le migliaia di persone vittime del massacro delle Foibe e mantenerne sempre vivo il ricordo affinchè il passato diventi insegnamento per il futuro entrando a far parte della nostra memoria collettiva. Non possiamo dimenticare chi fu ucciso o costretto ad abbandonare la propria casa per restare fedele alla Patria, alle proprie origini.

Il 10 febbraio 1947, giorno dei Trattati di Parigi. L’Italia, uscita sconfitta dal secondo conflitto mondiale, restituisce tutti i territori occupati dalle sue truppe durante la guerra cedendo alla Jugoslavia la città di Fiume, le isole Pelagosa e Lagosta, il territorio di Zara, una parte dell’Istria, del Carso triestino e goriziano e dell’Alta Valle del fiume Isonzo. E molto di più. Migliaia di italiani furono costretti a lasciare le loro case. E in molti lasciarono anche la loro vita strappata via nella maniera più atroce e spietata. Vittime dell’odio etnico e politico e, in molti casi, uccisi, senza pietà, dai partigiani di Tito: lasciati cadere, vivi o morti, nelle foibe, le fratture carsiche profonde oltre cento metri. Chi era fortunato trovava la morte dopo il devastante volo, chi no dopo una lunga agonia. Un numero ancora imprecisato di italiani e di oppositori ai comunisti yugoslavi sono morti così nel disprezzo più totale della vita e di ogni dignità umana, per questo motivo questa giornata, il 10 febbraio, è diventato il «giorno del ricordo» commemorato in tutta Italia affinché non si dimentichino mai le atrocità del passato e non si ripetano più.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *