alpadesa
  
domenica 17 novembre 2019
Flash news:   Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda

Vincenzo Moschella (Noi Sud): “Il caso canile deve indurre all’ennesima riflessione”

Pubblicato in data: 11/2/2010 alle ore:11:03 • Categoria: Politica, Noi SudStampa Articolo

vincenzo moschellaL’ennesima ondata mediatica che ha colpito il nostro canile comunale deve indurre all’ennesima riflessione, purché (e me lo auspico per l’ennesima volta) sia seguita da azioni concrete che possano risolvere una situazione che dura ormai da un decennio. Non salirò sul carro degli accusatori o su quello dei difensori ma, da quello che ho potuto capire, sulla situazione del canile è stata creata molta confusione. Ricordo un’ispezione dei Nas nell’area nei pressi del campo sportivo Valleverde, al seguito della quale si decise di bloccare l’accesso di altri cani nella struttura a causa di una serie di gravi carenze strutturali e igienico – sanitarie. Ho potuto constatare, tuttavia, che da quell’ispezione sono stati svolti molti lavori importanti, tra cui la realizzazione di bagni per operatori, nuove recinzioni e altri interventi necessari al corretto funzionamento della struttura. Insomma, l’Amministrazione comunale ha realizzato buona parte delle prescrizioni dei Carabinieri. Pur tuttavia, resta l’annoso e grave problema relativo al pagamento della retta che, stando alla denuncia dell’Aipa, il Comune non versa da molti mesi ormai. Sono a conoscenza delle difficoltà economiche dell’Ente ma non posso non biasimare questo ritardo eccessivo che comporta gravissimi disagi per gli operatori e per i cani. L’Amministrazione comunale dovrebbe provvedere a liquidare almeno una parte del debito per consentire il funzionamento corretto della struttura, in questo senso, auspico un intervento dei nostri amministratori. Per quanto riguarda la gestione futura della struttura: è necessaria una gestione condivisa tra tutti i comuni che utilizzano la struttura, magari creando anche un fondo comune o attraverso soluzioni differenti ma che, comunque, coinvolgano e responsabilizzano cittadini e amministratori.

Vincenzo Moschella Coordinatore Noi Sud

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *