alpadesa
  
Flash news:   Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda” Il Consorzio A5 a confronto su Donne e Opportunità Coronavirus, i numeri di oggi del contagio in Irpinia: 160 i positivi, 3 ad Atripalda Installazione colonnine per la ricarica auto elettriche ad Atripalda, nominata la commissione giudicatrice per l’apertura delle offerte Coronavirus, risale il contagio: 194 i positivi in Irpinia, 1 ad Atripalda. Ecco il bollettino dell’Asl Vallone Testa e Fosso Orto di Preti, sopralluogo e richieste di autorizzazione per i due progetti di riqualificazione e di risanamento idrogeologico ad Atripalda. Foto Addio a Diego Armando Maradona, il mondo piange l’ex Pibe de Oro Coronavirus, altri 3 contagiati ad Atripalda e 61 nuovi positivi in Irpinia Francesca Aquino in una lettera racconta le difficoltà per la pandemia dopo l’apertura di un negozio ad Atripalda: «non rinuncio al sogno di fare l’imprenditrice» Spaccia di droga: 40enne di Atripalda dai domiciliari al carcere

Scompare Filiberto Carpenito decano dei Combattenti

Pubblicato in data: 15/2/2010 alle ore:11:29 • Categoria: Cronaca

monumento-ai-caduti-21Filiberto Carpenito,
si era trasferito nel 1948 dalla natia Montemiletto, insieme alla moglie ed alla numerosa prole, e si era subito fatto apprezzare per la semplicità, il riserbo, l’onestà, la dedizione alla famiglia ed al lavoro. Era nato il 1915 e portava con discrezione quel nome regale, omaggio forse a casa Savoia, e con semplicità i suoi 95 anni: lucidissimo e curioso, amante della buona cucina e del buon vino della sua vigna. Era ormai il decano dei combattenti della seconda guerra mondiale (che aveva combattuto in Libia, prima di una lunga prigionia in Africa).
Finché se l’era sentita, aveva sfilato nelle cerimonie ufficiali, con il fazzoletto tricolore ed ora si stava preparando a ricordare il cav. Antonio Lombardi, storico presidente del sodalizio, nel primo anniversario della scomparsa.
Con Filiberto Carpenito se ne va un uomo semplice e buono, che ho conosciuto tanti anni fa, un po’ a disagio con quella diavoleria di ascensore che si fermava ogni tanto tra i piani. In memoria.Raffaele La Sala

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *