alpadesa
  
Flash news:   Intervento straordinario al campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie e per infiltrazioni nella chiesa madre Italia Viva: il nuovo partito di Renzi anche ad Atripalda. Si lavora a portare in città l’ex premier con il nuovo anno. Foto “Aquile Randagie”, gli scout che dissero no al fascismo: giovedì confronto ad Atripalda Trasloco volante ad Atripalda, i mobili vengono lanciati direttamente giù dal balcone in via Ferrovia. Foto Incidente ieri tra un’auto e un motorino in via San Lorenzo ad Atripalda: ferito un postino A Parco delle Acacie domenica convegno per dire “No” alla violenza sulle donne “World Philosofy Day 2019“, gli studenti del liceo “De Caprariis” di Atripalda a confronto con il vescovo Aiello. Foto Davide Rondoni stasera e domani ad Atripalda omaggia Giacomo Leopardi per i 200 anni de “L’Infinito” La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato Sesta sconfitta per la Scandone: ko anche a Nardò (73-64)

Valentina Paris succede a Marco Cillo alla guida di “Libera”

Pubblicato in data: 24/2/2010 alle ore:14:32 • Categoria: Attualità, CronacaStampa Articolo

valentina-parisValentina Paris (foto) alla guida di “Libera”.
La giovane dirigente atripaldese del Pd prende il posto di Marco Cillo per guidare in Irpinia l’associazione nazionale “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” nata il 25 marzo 1995 con l’intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Attualmente Libera è un coordinamento di oltre 1500 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità.
La legge sull’uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l’educazione alla legalità democratica, l’impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attività antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera. Libera è riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della Solidarietà Sociale. Nel 2008 è stata inserita dall’Eurispes tra le eccellenze italiane.
libera-logoIeri dunque il cambio nella guida dell’associazione in provincia durante l’incontro su «L’Antimafia delle Leggi e l’Antimafia Sociale», promosso appunto da “Libera” ed al quale hanno preso parte parenti delle vittime della ferocia criminale. C’era Antonietta Oliva, la vedova di Pasquale Campanello, il maresciallo della Polizia Penitenziaria in servizio alle carceri di Poggioreale, freddato nel ’93 sotto la sua abitazione di Mercogliano. Il coraggio del commissario Antonio Ammaturo, assassinato a Napoli dalle Brigate Rosse in un patto scellerato con la camorra, invece rivive nella voce emozionata di Gilda, sua figlia. Francesca Cava, la vedova di Nunziante Scibelli assassinato nel Vallo di Lauro nel ’91, rivede ogni giorno negli occhi di sua figlia, la giovane Nunzia, l’esempio di suo marito, ucciso per sbaglio dalla camorra.
Al dibattito presente il Procuratore Aggiunto della Repubblica di Nola Maria Antonietta Troncone, profonda conoscitrice dei clan irpini ed il colonnello Imparato, della Finanza.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *