- Atripalda News - https://www.atripaldanews.it -

Il Consiglio comunale saluta il segretario Fraire nel giorno del Piano Casa. Vedi lo speciale

Laurenzano FraireC’era anche Stefania Urciuoli (candidata alla successione del segretario Antonio Fraire) tra i presenti alla seduta di Consiglio comunale mattutina che ha avuto all’ordine del giorno l’approvazione, tra gli altri punti, delle linee guida relative al Piano Casa regionale. Una seduta di consiglio comunale cominciata con circa un’ora di ritardo per il concomitante impegno del Sindaco Laurenzano e degli assessori Giacomo Foschi e Maurizio De Vinco alla manifestazione “Codice Rosso” che si è tenuta alla scuola elementare De Amicis di via Roma. Il civico consesso si è aperto con il saluto del Sindaco al Segretario generale Antonio Fraire che lunedì sarà il nuovo direttore generale di Avezzano. «E’ stata data una lettura ignobile della decisione del nostro segretario di trasferirsi ad Avezzano – ha esordito Laurenzano – si tratta solo ed esclusivamente di un naturale avanzamento di carriera. Ringrazio Fraire sia professionalmente che umanamente».

consiglio comunale2Buona parte dei consiglieri è intervenuta per salutare e ringraziare Fraire che ha spiegato le ragioni che lo hanno convinto al trasferimento: «Ho sempre lavorato con impegno e dedizione e ad Atripalda mi sono trovato benissimo – ha spiegato il direttore generale – sono stato anche amministratore e quindi conosco benissimo la situazione economica e finanziaria dell’ente. Un tempo amministrare era molto più semplice, perché i buchi degli Enti venivano coperti dalla Stato centrale, oggi invece la legislazione impone severi parametri di rientro, limitando notevolmente la capacità di indebitamento delle casse comunali». L’opposizione ha puntato il dito sulla difficile situazione economica che sta vivendo il Comune di Atripalda: «Sicuramente la decisione di Fraire va vista in un’ottica di avanzamento di carriera, ma una situazione finanziaria migliore lo avrebbe probabilmente indotto a riflettere di più», commenta Paolo Spagnuolo di Al Centro per Atripalda, in quota Udc.
Il consigliere delegato Luigi Tuccia ha illustrato le linee guida del Piano Casa, approvato dalla Regione: «La legge regionale ci consentirà di riqualificare, da un punto di vista urbanistico e ambientale, molte zone degradate della cittadina del Sabato – ha spiegato il consigliere in quota Pd – penso, ad esempio, a contrada Alvanite e a tante aree industriali e periferiche che potranno essere riqualificate e adattate alle esigenze abitative e sociali degli atripaldesi». Il capogruppo  Arturo Iaione ha accolto con favore le linee guida, pur tuttavia mostrando qualche perplessità sulle aree e sulle modalità di riqualificazione illustrate dalla maggioranza consiliare. Ben diverso, invece, l’opinione sull’operato generale dell’Amministrazione Laurenzano: «Ma quando se ne vanno finalmente a casa? – ha esordito Iaione – fino ad ora è stato fatto poco e male e la città chiede con forza una svolta politica e amministrativa».
Gli effetti della legge regionale non potranno essere però estesi all’area del centro storico secondo la perimetrazione del piano colore già approvato in consiglio nel 2007. In questa zona non ci potranno essere ampliamenti di volumetria del 20%, abbattimenti e ricostruzioni edilizie con incrementi del 35% e riqualificazione di aree dismesse. Su questo punto si è registrata l’astensione dei consiglieri di minoranza Spagnuolo e Iaione e il voto contrario di La Sala, Prezioso e Del Mauro.
La maggioranza ha inoltre individuato cinque aree (contrada Alvanite, area Iacp via Appia, via Serino, via Tiratore e via Fiumitello) dove saranno possibili interventi di riqualificazione urbana con incrementi volumetrici del 50%.
Rinviato a mercoledì invece la discussione sul Puc (Piano urbanistico comunale), il parlamentino cittadino ha infine approvato a maggioranza (astensione delle minoranza) il regolamento per l’alienazione di 29 alloggi di edilizia residenziale pubblica siti tra via San Giacomo e via Fiumitello.
consiglio comunale«Grazie a questo provvedimento, l’Amministrazione si pone un duplice obiettivo – ha spiegato l’assessore delegato al Patrimonio, Luigi Adamoriqualificare l’area e responsabilizzare i proprietari rispetto ai propri appartamenti. E’ necessario un cambio radicale di prospettiva nel comportamento dei residenti: l’assistenzialismo comunale non è più possibile».
Prima dell’inizio dei lavori consiliari, il consigliere delegato alle periferie, al cimitero e alle problematiche del lavoro, Emilio Moschella ha ufficialmente preso posto tra i banchi della maggioranza, sedendosi al fianco dell’assessore Antonio Troisi.

Si è registrato qualche fermento per la presenza del segretario del comune di Castello di Cisterna (Na), Stefania Urciuoli, una delle candidate in corsa per la successione di Antonio Fraire. In molti presenti nell’aula hanno visto in questa presenza un segnale concreto del prossimo avvicendamento: il sindaco Aldo Laurenzano, infatti, avrà a disposizione dieci giorni per nominare il nuovo segretario che sarà probabilmente scelto tra Stefania Urciuoli, Mario Bianchino, Clara Curto.

Nel Box Video lo speciale di AtripaldaNews dedicato al Consiglio Comunale.

Regia di Piersabino Nazzaro. [flv image=”http://www.atripaldanews.it/video/consiglio comunale 27 febbraio 2010.jpg”]http://www.atripaldanews.it/video/consiglio comunale 27 febbraio 2010.flv[/flv]
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli: