alpadesa
  
Flash news:   Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso» Scuole a rischio, avvisi di garanzia a sindaco e tecnici comunali Vincenzo Aquino chiama le Misericordie irpine ad una svolta storica Atripalda Volley, domani presentazione ufficiale nella Sala Consiliare di Atripalda “Ripianti-Amo”, cinque nuovi alberelli in Piazzetta degli Artisti al posto di quello rubato. Foto Oggi pomeriggio la presentazione di mister Eziolino Capuano Le parole di coach De Gennaro alla vigilia della gara con la Virtus Arechi Salerno

Euroform sconfitta a Molfetta ma resta a un passo dalla vetta

Pubblicato in data: 28/2/2010 alle ore:12:51 • Categoria: Sport, PallavoloStampa Articolo

atripalda-molfetta-2Atripalda conserva la seconda posizione ma la vetta dista sei lunghezze. Fra quindici giorni scontro diretto in casa con l’Eurotec.

Pallavolo Molfetta 3
Euroform Atripalda 2

Progressione set: 25-16 / 22-25/ 23-25 / 27-25/ 15-12
Biancoblu battuti al tie break dopo una maratona di due ore e dieci minuti. Le gare contro Molfetta quest’anno si confermano cariche di pathos. La quarta sconfitta stagionale non lascia il segno perché matura contro una formazione di spessore, il rammarico, semmai, è di non aver portato più di un punto a casa con un avversario che in questa fase della stagione forse non è proprio al top. Ma tant’è.

Partita a corrente alternata per l’Euroform. L’inizio è dei peggiori. Nel primo set non gira praticamente nulla mentre i padroni di casa azzeccano tutto compresa la novità di mister Lorenzoni schieratosi in banda al posto di Kunda (25-16).

Il riscatto atripaldese arriva immediato nel secondo set dopo un lungo equilibrio, il rush finale è segnato dalle schiacciate di Marolda e Draghici (22-25).

Il terzo set è un continuo capovolgimento di fronte dopo una sostanziale parità fino al punto 17. Lotito punzecchia la ricezione irpina poco precisa e dai nove metri trascina i suoi sul 21-17, non è da meno Capaldo che subentrato in battuta contribuisce alla rimonta e al definitivo sorpasso operato da un super Draghici top scorer con 26 punti sciorinati usando tutto il repertorio (23-25).

Nel quarto set nonostante una palla match per l’Euroform annullata sul 23-24 la contesa si conclude ai vantaggi. Cortina non in palla in attacco come di consueto s’impone a muro per il 27-25. La panchina di Molfetta fa la differenza con gli impieghi in pianta stabile di Kunda e Usai, poi Giglioli (dal 9-8 all’11-8) scava il solco dai 9 metri e Atripalda al quinto gioco imbarca la sconfitta.

Archiviata la trasferta è già tempo di sfruttare il fattore campo per l’Euroform. Due i match consecutivi in programma in via San Giacomo. Domenica prossima c’è il Blu College, fra quindici giorni la capolista Eurotec che in classifica è ora a +6.
Atirpalda si conferma seconda in solitaria a 41 punti seguita dal Turi a 38 (ma che non ha ancora riposato) mentre Molfetta accorcia a 37. Più staccato il Chieti che appare in rimonta e dopo aver battuto Turi si porta a quota 32.
Pensare ad un sfida per volta cercando di ottenere il massimo è il monito con cui da martedì la Pallavolo Atirpalda riprende gli allenamenti.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *