alpadesa
  
Flash news:   Atripalda, scuole chiuse fino al 29 novembre: ecco l’ordinanza del sindaco Verifica e salvaguardia degli equilibri di Bilancio 2020.2022, lunedì 30 novembre torna il Consiglio comunale ad Atripalda Coronavirus, aggiornamento Asl: 148 i positivi in Irpinia, 5 a Atripalda Coronavirus: Atripalda piange la morte di Michele, volontario tra le macerie de L’Aquila 40° anniversario del terremoto, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Profonda ferita, immensa la volontà e la forza per ripartire” Coronavirus, in Italia superati i 50mila decessi in nove mesi. In Campania 2.158 nuovi contagiati Coronavirus, il sindaco di Atripalda pronto a far slittare la riapertura di Infanzia e prima elementare al 30 novembre 40° anniversario del terremoto in Irpinia, il vescovo Aiello: “Alle 19:34 il suono delle campane delle chiese in memoria delle vittime” Coronavirus, in Campania da mercoledì 25 novembre si torna in classe per l’Infanzia e prime classi della Primaria 40° anniversario del terremoto in Irpinia: i Carabinieri commemorano le vittime del sisma e i caduti dell’Arma. VIDEO

Euroform sconfitta a Molfetta ma resta a un passo dalla vetta

Pubblicato in data: 28/2/2010 alle ore:12:51 • Categoria: Pallavolo, Sport

atripalda-molfetta-2Atripalda conserva la seconda posizione ma la vetta dista sei lunghezze. Fra quindici giorni scontro diretto in casa con l’Eurotec.

Pallavolo Molfetta 3
Euroform Atripalda 2

Progressione set: 25-16 / 22-25/ 23-25 / 27-25/ 15-12
Biancoblu battuti al tie break dopo una maratona di due ore e dieci minuti. Le gare contro Molfetta quest’anno si confermano cariche di pathos. La quarta sconfitta stagionale non lascia il segno perché matura contro una formazione di spessore, il rammarico, semmai, è di non aver portato più di un punto a casa con un avversario che in questa fase della stagione forse non è proprio al top. Ma tant’è.

Partita a corrente alternata per l’Euroform. L’inizio è dei peggiori. Nel primo set non gira praticamente nulla mentre i padroni di casa azzeccano tutto compresa la novità di mister Lorenzoni schieratosi in banda al posto di Kunda (25-16).

Il riscatto atripaldese arriva immediato nel secondo set dopo un lungo equilibrio, il rush finale è segnato dalle schiacciate di Marolda e Draghici (22-25).

Il terzo set è un continuo capovolgimento di fronte dopo una sostanziale parità fino al punto 17. Lotito punzecchia la ricezione irpina poco precisa e dai nove metri trascina i suoi sul 21-17, non è da meno Capaldo che subentrato in battuta contribuisce alla rimonta e al definitivo sorpasso operato da un super Draghici top scorer con 26 punti sciorinati usando tutto il repertorio (23-25).

Nel quarto set nonostante una palla match per l’Euroform annullata sul 23-24 la contesa si conclude ai vantaggi. Cortina non in palla in attacco come di consueto s’impone a muro per il 27-25. La panchina di Molfetta fa la differenza con gli impieghi in pianta stabile di Kunda e Usai, poi Giglioli (dal 9-8 all’11-8) scava il solco dai 9 metri e Atripalda al quinto gioco imbarca la sconfitta.

Archiviata la trasferta è già tempo di sfruttare il fattore campo per l’Euroform. Due i match consecutivi in programma in via San Giacomo. Domenica prossima c’è il Blu College, fra quindici giorni la capolista Eurotec che in classifica è ora a +6.
Atirpalda si conferma seconda in solitaria a 41 punti seguita dal Turi a 38 (ma che non ha ancora riposato) mentre Molfetta accorcia a 37. Più staccato il Chieti che appare in rimonta e dopo aver battuto Turi si porta a quota 32.
Pensare ad un sfida per volta cercando di ottenere il massimo è il monito con cui da martedì la Pallavolo Atirpalda riprende gli allenamenti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *