alpadesa
  
Flash news:   “Festa dell’albero”: studenti, istituzioni e comunità montana insieme. Foto Maturità 2020, si cambia ancora: via le tre buste per l’orale e torna il tema di storia Condanna della Corte dei Conti per i tre ex dipendenti infedeli del Comune di Atripalda Il Consorzio A5 acquista nove defibrillatori per i servizi per la prima infanzia Laurea in Scienze della Comunicazione, auguri alla dottoressa Francesca Trezza Intervento straordinario al campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie e per infiltrazioni nella chiesa madre Italia Viva: il nuovo partito di Renzi anche ad Atripalda. Si lavora a portare in città l’ex premier con il nuovo anno. Foto “Aquile Randagie”, gli scout che dissero no al fascismo: giovedì confronto ad Atripalda Trasloco volante ad Atripalda, i mobili vengono lanciati direttamente giù dal balcone in via Ferrovia. Foto Incidente ieri tra un’auto e un motorino in via San Lorenzo ad Atripalda: ferito un postino

La sfida di Sinistra e Libertà per la regione Campania

Pubblicato in data: 2/3/2010 alle ore:14:25 • Categoria: Politica, Sinistra e LibertàStampa Articolo

sinistra-ecologia-e-liberta1Sinistra Ecologia e Libertà» sosterrà Vincenzo De Luca a governatore della Campania. Nella rinnovata compagine presenti due esponenti del partito socialista, il consigliere d’opposizione ad Ariano, Giovanni De Vita e la giovane farmacista, Arcangela Iannone, un esponente dell’aria vendoliana, l’ex sindaco di Nusco, Mariagrazia Valentino, e due new entry confluite nel progetto di Sel, rispettivamente, dal Pdci, Antonio Petoia, e dal Prc, Nando Todino. «Per noi la competizione non si esaurisce a livello regionale – ha evidenziato l’avvocato La Vita – ma intendiamo operare una politica che abbia orizzonti nazionali e si occupi di tematiche di ampio respiro come lo smantellamento del sistema scolastico il sostegno alla classe imprenditoriale del sud, dimenticata da questo governo». Particolarmente attivo nel movimento ambientalista contro le discariche di Pustarza e Difesa Grande, La Vita ha voluto poi soffermarsi sul tema dei rifiuti. «Per quello che riguarda le nostre zone – ha detto l’ emergenza non si è mai conclusa e, nei fatti, i nostri territori stanno pagando ancora un conto molto salato». Quindi, è stata la volta di Mariagrazia Valentino, che ha richiamato l’attenzione sull’ importanza dell’accordo di programma fatto con De Luca, e sulla necessità di impostare un nuovo welfare in favore di giovani e precari, i più colpiti dalla crisi, ripensando a livello regionale i principi per l’erogazione del reddito di cittadinanza. Quindi su lavoro e crisi, «occorre operare una nuova politica industriale e produrre nuove soluzioni», ha concluso. E, sul lavoro, si è espresso anche Antonio Petoia. «La Regione deve smetterla di erogare fondi per iniziative che producono contratti a progetto e precariato – ha osservato l’ex vicepresidente provinciale; tali problematiche non possono essere più accantonate. Su questo aspetto la sinistra deve assumere una posizione netta». Infine per Nando: «Ritengo prioritario combattere la devastante cultura del Berlusconismo. Questa destra, che altro non è che la camorra, va combattuta seriamente in una sorta nuova di resistenza che sappia unire tutte le forze democratiche. In questo senso, la cecità di Ferrero e la sua imposizione di non appoggiare de Luca, che pur non essendo il mio candidato ideale sa parlare alla gente in maniera diretta, è stata determinante per l’ uscita da Rifondazione».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *