alpadesa
  
sabato 16 novembre 2019
Flash news:   Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro

Il Pdl irpino presenta i cinque candidati in corsa per Palazzo Santa Lucia

Pubblicato in data: 3/3/2010 alle ore:11:57 • Categoria: Politica, PdlStampa Articolo

logo-pdl-per-caldoroNel Pdl irpino c’è la convinzione che la vittoria alle elezioni regionali di fine marzo è a portata di mano. Nel giorno della presentazione della lista a fare gli onori di casa la coordinatrice del partito, l’onorevole Giulia Cosenza per la quale: «la sfida che ci attende rappresenta la madre di tutte le battaglie. C’è la possibilità questa volta di vincere, contiamo di farcela per far risorgere questa regione». Cosenza è soddisfatta per la squadra messa in campo «una delegazione rappresentativa delle varie esperienze del partito con i consiglieri uscenti, i progetti degli assessori provinciali e l’entusiasmo della giovane Valente».
Antonia Ruggiero si dice entusiasta ed emozionata per questa sfida: «Voglio portare in Regione quanto di buono siamo riusciti a fare in questi otto mesi alla Provincia. Prima di tutto sostegno ed integrazione alla disabilità, con la costituzione anche a livello regionale di una consulta ad hoc. Poi impegno per le politiche giovanili e le pari opportunità, garantendo la presenza di donne nell’esecutivo regionale, così come fatto in Irpinia». L’altra candidata, Maria Carmela Valente, assicura attenzione all’occupazione giovanile: «Priorità sarà impedire il protrarsi della fuga di cervelli creando nuove opportunità di lavoro».
Per l’ex assessore provinciale ai Lavori pubblici, Generoso Cusano, «il compito che ci aspetta è di riportare l’Irpinia al centro della politica regionale, per troppi anni messa ai margini. Dobbiamo perciò rilanciare e sviluppare il territorio, mettendo mano alla sanità, alle infrastrutture di collegamento che spezzino l’isolamento e alla valorizzazione dei prodotti agricoli e dell’ambiente».
Per l’uscente Roberto Castelluccio la nuova giunta regionale dovrà prendere esempio nel governare dal modello di trasparenza e lungimiranza del governo Sibilia «creando così le condizioni per una rinascita del territorio».
Nelle conclusioni del capogruppo dell’opposizione in consiglio regionale, Franco D’Ercole, la convinzione di poter battere il centrosinistra. «C’è la possibilità di voltare pagina. Nel mio lungo impegno politico ho dimostrato di aver a cuore gli interessi dei cittadini, lottando per l’abolizione del listino. De Luca non rappresenta il nuovo, ma il bassolinismo all’ennesima potenza. Un uomo che si vergogna della coalizione e dei partiti che lo sostengono. Dobbiamo essere gli uomini della concretezza, capaci di inserire l’Irpinia in un contesto più ampio».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *