alpadesa
  
Flash news:   Costituito l’ufficio di progettazione per l’intervento di sistemazione idraulica e idrogeologica del Vallone Testa ad Atripalda: 980mila euro a disposizione Coronavirus, in Irpinia secondo giorno consecutivo a contagio zero. I tamponi effettuati sono stati 298 Us Avellino, completato il passaggio delle quote Coronavirus, risalgono i contagi (+584) e le vittime (+117) in un giorno “Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista Ciclismo, l’A.S.Civitas presenta il veterano Michele Venezia Lavori alla Biblioteca comunale e contrada Fellitto, si ampliano i cantieri ad Atripalda. Foto Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto

Gemellaggio Gallarate, La Sala risponde ad Antonio Laurenzano

Pubblicato in data: 6/3/2010 alle ore:12:42 • Categoria: Attualità

Egregio Dott. Laurenzano,

Uhmammmamia… stavolta devo averla fatta grossa davvero, se si è scomodato, persino Lei, da Gallarate, a farmi il predicozzo per conto terzi. E già…ma che ne sa Aldo di Dorso, Cicerone, questioni meridionali e astruserie del genere. Lui, Aldo, si occupa d’altro, campione com’è di quella “diversa concezione della politica che sappia privilegiare gli interessi della comunità e non quelli di… bottega”. E come non darLe ragione? Anche quando invocherebbe (e perché non lo fa?) “umiltà, modestia e, soprattutto, una più seria condotta politica”… Ah! lei non sa in che ginepraio si è ficcato, dottAntonio, tra brutte figure, spocchia mia e coda di paglia sua. Forse è per questo che va a caccia di innocenti refusi ed ignora i ben più corposi svarioni di famiglia. Che pena, mi consenta, altro che “penose cadute di stile”, che pena e basta, la sua astiosa e velenosetta sequela di maleparole.
La difesa fraterna, più o meno d’ufficio, quella la capisco, ma calarsi così pesantemente nella parte ed agitare la sua inelegante durlindana di latta ed i suoi argomentucci ritriti… forse è un po’ troppo, specie – mi perdoni – per la sua “intensa e significativa attività socio-culturale” (non parlo di quella professionale per non averne titolo) e nel suo “ruolo di officer distrettuale dei Lions (senza refuso)” dei quali è nota tutt’altra sobrietà. Vuol dire che ci saremo sbagliati…
Allora che avrò fatto mai per turbarLa nella sua pluridecennale residenza in terra lombarda? Sarei veramente tentato di entrare nel merito e nel metodo del suo dire, se non temessi di nuocere, ora sì, al buon nome della nostra Città (compromesso, prima che dalle mio parole, dalla sua reazione così rozzamente scomposta).
Vediamo…si sarà ritenuto personalmente ‘toccato’? (e dica…sarà stata mica Sua la pensata del casuale e scanzonato gemellaggio de quo? sa, non sarebbe la prima volta nelle ultime settimane che Aldo finisce in un vicolo cieco per colpe…non tutte sue); o ha ritenuto, a prescindere, l’incursione sulla sua “Prealpina” un peccato di lesa maestà o uno sbrego alla sua immagine (ritengo immacolata) in partibus infidelium?
Ho sempre apprezzato chi nella diaspora (volontaria o no) ha tenuto alto il nome della sua terra d’origine. Non dubito che lo avrà fatto in questi anni anche Lei e che si senta, perciò, investito di una responsabilità non Sua e persino, mi pare, non giustificata e non richiesta (Ha letto le dichiarazioni del sindaco Mucci?). Non si adonti, perciò, e lasci stare altrui inquiete erranze, antiche frustrazioni e malcelate ambizioni. Parla -mi perdoni- di cose che no sa: e ne parla un po’ a casaccio e per sentito dire, con disarmante e svagata approssimazione. E non sarebbe da Lei, almeno a leggere le Sue esibite ‘referenze’.
Agli amici Gallaretesi parli sempre di Atripalda, ma non Le faccia velo la disastrosa gestione amministrativa di famiglia, di una Città mai così mortificata come negli ultimi tre anni da una gestione pubblica politicamente incapace, arruffata e prepotente, travolta da una massa debitoria, alla quale spera di far fronte con imbarazzati pagherò a… futura memoria.
La prego di credere che chi Le parla non ignora il passato. Pare invece che a Lei, per ragioni evidentemente imperscrutabili, sfugga quasi del tutto il presente. Ci venga a trovare ogni tanto, si informi…magari capirà che, sotto le presunte “meschinità” ed i “beceri provincialismi” che distribuisce con incredibile leggerezza, c’è la pena per una città (che è anche la Sua) sempre più incerta ed incapace di futuro.
Nescire quid antequam natus sis acciderit, id est semper esse puerum (Cicero, Ad Brutum, 34, 120). Magari sarà necessario che qualcuno lo spieghi ad Aldo. Sia gentile…se ne occupa Lei?
Gradisca, anche da parte mia, i migliori saluti.

Raffaele La Sala
consigliere comunale

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Consiglio Comunale, colpo di scena nel finale: si dimette il capogruppo di minoranza Lello La Sala. Al suo posto subentrerà Nunzia Battista

Colpo di scena questa sera in chiusura del Consiglio Comunale di Atripalda. Il capogruppo di opposizione della lista "Piazza Grande", Read more

Consuntivo e Decreto Sviluppo: gli inciampi di Spagnuolo. La nota del consigliere La Sala

Il consuntivo dei miracoli approda nel pomeriggio di domani (lunedì 30 giugno) nell'aula consiliare. Un consuntivo sottoposto ad una generosa cura Read more

La nota del consigliere La Sala: “Pablopalda… una città alla sbando”

Forse solo da lunedì 26 agosto si potrà ritornare ad una, almeno apparente, ‘normalità’ amministrativa nella -una volta nobile- città Read more

“Atripalda. Storie e immagini dal ‘900”, venerdì premiazione del concorso

Venerdì 14 giugno alle ore 17,30, presso la sala Consiliare del Comune di Atripalda, verranno resi noti i vincitori delle Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *