alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, 5 nuovi contagi ad Atripalda su 55 persone positive in Irpinia Ingiurie e minacce per uno sguardo di troppo lungo via Roma ad Atripalda: assolte due atripaldesi Furto, danneggiamento e spaccio di sostanze stupefacenti: i carabinieri di Atripalda arrestano un 29enne Prove di Natale ad Atripalda al tempo del Covid, i commercianti di via Roma si tassano per le luminarie. Sabato pomeriggio l’Amministrazione accende l’albero in piazza Umberto “Avellino oltre lo sport”, anche quest’anno i disabili irpini fanno sentire la loro voce Un video per riflettere: “Sia sempre 3 dicembre” Coronavirus, mai tanti morti in un solo giorno in Italia: 993 e 23.225 positivi. In Campania 2.295 nuovi contagiati Coronavirus, su 141 nuovi positivi in Irpinia 4 contagi si registrano ad Atripalda Nuova ondata di furti nelle case: cresce la paura tra Atripalda, Cesinali e Aiello del Sabato Coronavirus, l’appello di una mamma al sindaco di Atripalda: «Non riapra le scuole!» “AvelliNoSmog, Centraline contro l’aria inquinata. Subito!”, al via la petizione lanciata da venti associazioni

Raccolta rifiuti, domani sciopero dei dipendenti del Cosmari. Torna l’emergenza

Pubblicato in data: 7/3/2010 alle ore:15:03 • Categoria: Attualità

rifiuti_conferimento_camionI lavoratori del Cosmari Av1, di cui fa parte il comune di Atripalda, incroceranno le braccia domani per protestare contro il mancato rispetto degli impegni assunti dai comuni morosi.
La raccolta e tutte le altre attività verranno bloccate. La situazione è al limite e non è da escludere che la lotta di sindacato e lavoratori prosegua anche per i giorni successivi. La sospensione del servizio è stata indetta dalla Uil dopo che – nella giornata di ieri – a fronte di pagamenti concreti, gli enti locali hanno solo avviato le procedure per lo stanziamento di una parte del debito accumulato. Mandati di pagamento sono stati emessi dai comuni di Avellino per 240mila euro, Atripalda per 221mila euro, Solofra per 196mila euro, Monteforte per 188mila euro, Mercogliano per 91mila e 500euro, Manocalzati per 84mila euro, Contrada per 70mila euro (di cui 10mila direttamente all’Asa), Montefalcione per 50mila euro, Prata per 19mila euro. Poco meno di un milione e 200mila euro che garantiscono la corresponsione degli stipendi agli addetti e assicurano la possibilità di affrontare una serie di spese relative alla logistica.
Ma la Uil ha indetto ugualmente per domani una giornata di sciopero dell’intero settore – limitatamente al bacino del Cosmari Av1 (inlcusa Aripalda) – con mobilitazione e corteo di protesta ad Avellino. Gli operatori si ritroveranno in piazza d’Armi per poi dirigersi nei pressi dei palazzi di Provincia e Prefettura.
«La protesta – evidenzia Michele Caso della Uilpoggia le basi su due questioni. I pagamenti effettuati, tra l’altro in minima parte per comuni con una morosità notevole, non bastano per il presente e non c’è alcuna certezza per il futuro. Rivolgeremo perciò un appello al prefetto per un nuovo intervento nei confronti dei comuni morosi che garantisca ulteriore ossigeno all’Asa e stabilisca paletti certi per i futuri pagamenti affinché le difficoltà attuali non diventino routine».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *