alpadesa
  
domenica 05 luglio 2020
Flash news:   Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti» Buon compleanno al “vulcano” Antonio De Vinco Addio a Ciriaco Coscia, un pezzo della storia politica del Pci in Irpinia. Il ricordo dell’ex consigliere Andrea Montuori Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei venti parcometri ad Atripalda Guasto allo Stir, stop alla raccolta dell’indifferenziato fino a sabato in tutti i comuni Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore”

Elezioni regionali, Valente (Pdl): Donne al primo posto e occupazione ai giovani

Pubblicato in data: 20/3/2010 alle ore:08:46 • Categoria: Pdl, Politica

valente-con-caldoroSi batte per garantire occupazione e per abolire gli ostacoli delle donne sul lavoro. Mariacarmela Valente (nella foto con Stefano Caldoro) una dei cinque candidati al Consiglio regionale della Campania per il Pdl racconta come vede gli ultimi giorni di campagna elettorale. Avvocatessa grintosa racconta di come lei stessa sia il simbolo di quanto le donne possano essere determinate e forti nel perseguire un obiettivo: “E’ senza dubbio il nostro valore aggiunto, la determinazione, la grinta la precisione. Io sono avvocatessa, sono sposata ed ho una bambina di tre anni, e sono impegnata in politica. Faccio tutto questo senza trascurare nulla. Dobbiamo ribaltare l’idea sociale della donna e sopratutto dobbiamo farlo nei luoghi deputati. Il mio impegno va in questo senso. La maternità non può essere mortificata da datori di lavoro spregiudicati che costringono le donne ad abbandonare il posto di lavoro In posti più civili di questo esistono gli asili nido nelle fabbriche, nelle imprese. Lo faremo anche in Campania. Purtroppo ereditiamo una regione martoriata dalla cattiva gestione del centro sinistra, ma dobbiamo risollevare le sorti della Campania. Dobbiamo puntare sul potenziamento delle infrastrutture per favorire gli investimenti. Solo così possiamo implementare le attività della piccola e media impresa e quindi creare sbocchi occupazioni, non possiamo più restare a guardare i nostri giovani umiliati dal malgoverno che li costringe a migrare verso il nord o altri paesi d’europa in cerca di dignità e lavoro”.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Regione, la composizione della giunta Caldoro si abbatte sulla Provincia

Le difficoltà incontrate dal neogovernatore della Regione Campania, Stefano Caldoro nel comporre l'esecutivo regionale si stanno ripercuotendo sull'Amministrazione provinciale di Avellino Read more

Regione, parte l’era Caldoro. Stamattina si insedia il nuovo consiglio. Venerdì presentazione della giunta

Si insedia questa mattina, alle ore 11.30, il nuovo consiglio regionale della Campania (nella foto l'aula vuota al Centro Direzionale Read more

Regione: proclamati gli eletti, ecco i nomi. Il 12 maggio seduta di insediamento del Consiglio

La Corte di Appello di Napoli ha proclamato questa mattina i 60 neo consiglieri regionali eletti a Palazzo Santa Lucia. Questo l'elenco Read more

Regione, domani proclamazione degli eletti in Consiglio

E' fissata per domani mattina la proclamazione degli eletti in consiglio regionale. Si chiude così la lunga pagina del post Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *