alpadesa
  
sabato 16 novembre 2019
Flash news:   Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro

La denuncia in piazza con una poesia, nota di Biagio Venezia

Pubblicato in data: 30/3/2010 alle ore:08:10 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

volantinoA volte bastano poche parole o qualche immagine per raccontare una storia: questa è l’impressione che ho ricevuto avvicinandomi a quella vetrina in piazza, su cui un anonimo novello Pasquino ha voluto denunciare un episodio che, seppur banale, ha una sua valenza. Quando si vuole, vi sono mille modi per esprimere quello che si sente e non vi potrà mai essere censura da parte di chicchessia contro chi vuole manifestare le proprie opinioni. Mi sono chiesto: chi lo ha fatto doveva apporre la propria firma? E’ giusto rifugiarsi nell’anonimato? Non ho trovato la risposta, ma per i tempi che attraversiamo quello che conta è la sostanza; quando poi essa si accompagna al buonsenso è sicuramente una buona cosa. L’aggiunta alla poesia “Canto del capraio” di F. Nietzsche del nome della “mia superba Atripalda”, con riferimento alla nostra comunità, è un tuono che diventa ammonimento per amministratori e cittadini. A me questa “pasquinata” rassicura, più di tante altre roboanti iniziative, perché dimostra che vi sono uomini e donne a cui non sfuggono neanche i minimi particolari, quando essi riguardano la collettività, e che in ultima analisi sono convinti che impegno e spirito critico siano una necessaria forma di cura della propria città. Io l’ho letta così.

Biagio Venezia

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *