luned� 15 luglio 2024
Flash news:   Sospiro di sollievo ad Atripalda: Roberto ritrovato a Napoli Sabato presentazione del nuovo libro di Andrea Perciato Sabato 27 luglio allo stadio Partenio–Lombardi secondo Memorial “Sandro Criscitiello” Dolore ad Atripalda per la scomparsa dell’ex consigliere Emilio Moschella: lunedì i funerali Due 30enni atripaldesi accusati di resistenza a pubblico ufficiale in concorso: uno evita il processo  e l’altro viene condannato a 9 mesi di reclusione Maratona dles Dolomite, la prima volta del team Eco Evolution Bike Dal 12 luglio scatta il ritiro nel comune di San Gregorio Magno Comune di Avellino, il discorso d’insediamento del sindaco Laura Nargi: “Sarò al fianco di tutti” 49enne residente ad Atripalda rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia minore Nuovi rinforzi per la sicurezza dell’Irpinia: 13 Carabinieri assegnati al Comando Provinciale di Avellino

Aggressione genitori e carabinieri, condannato ad un anno e due mesi di reclusione

Pubblicato in data: 24/4/2010 alle ore:20:10 • Categoria: Cronaca

stazione-carabinieri-atripaldaAggredisce i genitori ed il maresciallo dei Carabinieri di Atripalda, condannato ad un anno e due mesi di reclusione.
Il 40enne atripaldese è stato giudicato in tarda mattina per direttissima presso il Tribunale di Avellino dal giudice Paolo Cassano: condanna ad un anno e due mesi di reclusione con patteggiamento per tentata estorsione e resistenza a pubblico ufficiale.
Il triste episodio si è verificato nella serata di venerdì nel centro storico della cittadina del Sabato dove un uomo, classe 1970, con problemi di tossicodipendenza e abuso di alcol alle spalle, ha tentato di estorcere del denaro contante ai suoi genitori, con lui residenti e che non godono di buona salute. Dopo i continui dinieghi ricevuti dai familiari, l’uomo ha cominciato a picchiarli perché gli avevano negato 15 o 20 euro da lui richiesti. L’ira e la violenza dell’uomo, tossicodipendente e alcolizzato, si è scagliata anche contro i carabinieri: con un violento calcio ha infatti colpito al petto il maresciallo dei Carabinieri. Un altro calcio è stato sferrato invece in direzione del padre, che ha riportato contusioni varie al viso.
L’uomo è stato così arrestato con l’accusa di tentata estorsione ai danni dei genitori, violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *