alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il bollettino di oggi: 91 i positivi in Irpinia, 4 ad Atripalda. 1102 i tamponi effettuati Coronavirus, 218 contagi totali e 155 attualmente positivi ad Atripalda: le raccomandazioni del sindaco Spagnuolo Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta”

Progetto “Una strada per amica”, gli alunni della “De Amicis” trasformati in piccoli periti

Pubblicato in data: 10/5/2010 alle ore:14:26 • Categoria: Attualità

scuola-elementare-via-roma3Da vigili urbani a piccoli periti. Gli alunni della scuola Primaria “De Amicis” continuano a stupire per l’entusiasmo con cui stanno affrontando il Progetto “Una strada per amica“. Questa volta gli studenti delle classi terze sono stati guidati dall’agente di Polizia Municipale, Carmine D’Agostino, ad effettuare i rilievi in una simulazione di incidente stradale. L’agente ha insegnato loro come bisogna comportarsi in caso di incidenti traformandoli in piccoli periti. Dopo alcune lezioni frontali, una prova generale si terrà il 22 maggio nell’anfiteatro della scuola di Via Roma, in vista della manifestazione finale del 25 maggio al Parco delle Acacie che vedrà anche l’intervento della Misericordia.
«Il Progetto, giunto alla fase finale, sta ricevendo ampi consensi tra i genitori e gli alunni, poiché è stato calato nel vissuto degli stessi allievi – ha commentato l’insegnante Maria Fasano -. Gli esperti, tra l’altro, pur seguendo le fasi della progettazione, hanno abilmente convertito i contenuti in “un impegno per la vita” significativo e costruttivo». L’entusiasmo ha accompagnato ogni momento dell’iter. Non c’è stato posto per la noia: ogni particolare è stato curato meticolosamente, affinché nascesse nei piccoli alunni un forte senso civico e sociale». La scuola “De Amicis” già in passato ha condotto sul territorio esperienze di questo tipo. Promotore di questa iniziativa il dirigente scolastico Elio Parziale che ha dato il via al percorso, in collaborazione con la referente e coordinatrice dell’educazione stradale, la docente Maria Fasano. «Nulla sarebbe stato possibile realizzare se non ci fosse stata l’adesione al Progetto delle docenti delle classi di riferimento – ha aggiunto l’insegnante –  Di Blasi E., Friscuolo N., d’Argenio P., Venezia R., Imbriaco R., Spina C., Prata N., Rotondi M., Picariello S., Sutera A., Pepe M., Fantini R, Imbimbo R., Fiore A., le quali hanno curato con diligenza e spirito di sacrificio le varie tappe». Fondamentale, infatti, la partecipazione attiva dei bambini, attori principali dell’evento, ma anche la disponibilità dei genitori e la collaborazione del nuovo tenente Sabino Parziale che ha consentito gli interventi di Carmine D’Agostino e di Soccorso De Pascale. Importante l’impegno e il supporto dell’architetto Soricelli, presidente dell’UISP e del pedagogista Domenico Cerullo, che con la loro umanità e professionalità hanno contribuito ad ampliare le opportunità educative. «E’ questo che bisognerebbe tener presente quando si pensa alla Scuola – conclude la docente Maria Fasano – ogni operatore, lavora per la comunità, per i figli di ognuno, cittadini del domani, per i quali si auspica un futuro corollato da tutte le sfumature dell’arcobaleno della Pace e della Solidarietà, fondamenti della buona convivenza civile».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *